Sapone all'olio extravergine di oliva alla rosa

30 luglio 2021 ore 01:32 segnala


Un ricordo legato alla mia infanzia è quello di mio padre,mentre faceva il sapone. Per noi meridionali era normale almeno una volta all'anno fare il sapone in casa. Veniva usato l'olio di oliva delle fritture,che mia madre metteva da parte..e di fritture se ne facevano tante.Ricordo il grande pentolone pieno di olio,che mio padre metteva a bollire sulla legna che ardeva.Quando l'olio bolliva,veniva schiumato dalle impurità e solo quando era limpido veniva aggiunta la soda.





Il sapone pronto,veniva versato negli stampi e lasciato asciugate per un eternità. Non avevamo fretta di consumarlo,perchè c'era sempre il sapone dell'anno precedente. Mio padre,diceva che il sapone più "maturava" più era buono per la pelle e quel sapone era veramente miracoloso.Non avevo mai un prurito e nemmeno la pelle secca.






Certo non profumava,ed era l'unico difetto che aveva.Poi è arrivato il bagnoschiuma e il sapone fatto in casa è stato messo da parte come qualcosa di obsoleto.Oggi ho trovato una ricetta semplicissima di BENEDETTA ROSSI per fare il sapone in casa con metodo a freddo,senza bollire nulla praticamente in cinque minuti hai fatto il sapone.Ho ritrovato il piacere di lavarmi come facevo da piccola.La mia pelle è ritornata più morbida e setosa,non ho più pruriti dovuti al bagnoschiuma e con questo caldo la pelle è più fresca.





Ingredienti:
1kg di olio extravergine di oliva-128g di soda caustica-300g di acqua-15 ml di essenza alla rosa


E’ MOLTO IMPORTANTE MENTRE SI LAVORA IL SAPONE,INDOSSARE OCCHIALI DA LAVORO E GUANTI IN LATTICE PER PROTEGGERE OCCHI E MANI E NON USARE MAI UTENSILI IN ALLUMINIO.TUTTI GLI UTENSILI CHE HO USATO,LI HO TRANQUILLAMENTE LAVATI CON IL DETERSIVO DEI PIATTI E RIUTILIZZATI IN CUCINA.


Ho pesato l'olio,la soda e l'acqua in tre recipienti diversi.Ho versato lentamente la soda nell'acqua mescolando delicatamente.





Ho fatto molta attenzione perchè appena si mescolano insieme,la soluzione si scalda fino ad arrivare a 80°.Continuo a mescolare fino a quando la soluzione diventa trasparente.





Verso la soluzione direttamente nell'olio di oliva mescolando i due composti





infine aggiungo l'essenza alla rosa.





Con un frullatore ad immersione inizio a frullare fino a raggiungere il nastro.Cioè, non ho capito bene la cosa del nastro...ma nel dubbio ho frullato per qualche minuto.





A questo punto il sapone è pronto:io l'ho versato in uno stampo rettangolare rivestito con carta forno





ho anche voluto usare anche delle formine di silicone a forma di rosa.





Le formine di silicone non hanno bisogno di essere rivestite con la carta forno.





Ho livellato la superficie del sapone,ho sbattuto un po' gli stampi per togliere le bolle di aria,fate attenzione che è caldo.





Ho coperto gli stampi con la pellicola e con un panno per 24 ore.





Quando il sapone si è raffreddato completamente,elimino la pellicola e lo tolgo dagli stampi.Taglio a fette spesse almeno 2 cm il sapone dello stampo e sformo quello delle rose.





Sistemo il sapone su un vassoio a stagionare in un luogo asciutto per non meno di 40 giorni.E' importante rispettare questo tempo perchè il sapone è ancora aggressivo per via della soda.





Passati i 40 giorni il sapone è pronto.Io lo conservo in un luogo arieggiato in una scatola di legno,ma va bene anche di plastica.



1bd113da-6b77-4445-ad3f-cda19844274f
« immagine » Un ricordo legato alla mia infanzia è quello di mio padre,mentre faceva il sapone. Per noi meridionali era normale almeno una volta all'anno fare il sapone in casa. Veniva usato l'olio di oliva delle fritture,che mia madre metteva da parte..e di fritture se ne facevano tante.Ricordo ...
Post
30/07/2021 01:32:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.