Fluido (:

27 luglio 2021 ore 22:13 segnala
Mi rannicchio contro il muretto, nella parte della piscina dove l'acqua è bassa.
Abbraccio le mie gambe, ginocchia contro il petto. Devo solo inspirare, e lasciarmi andare. Conto alla rovescia nella mia mente, in un sistema numerico inesistente.

...

Vado.
Il mio corpo viene inghiottito dall'acqua clorata. Devo espirare, buttare fuori tutta l'aria che ho dentro mentre sono sommerso. Lo faccio, dosandola.

E contrariamente ad una vita intera di paura, scuse e vessazioni rivolte al mio ego, succede il contrario di quanto la mia mente dava per assodato:

Galleggio. Mi sento un uovo. Non sento il mio peso.

Per il tempo necessario a dover necessitare nuovamente di aria, ero parte dell'acqua.
Ho ripetuto l'esercizio diverse volte, ho schiuso la mia posizione da ovetto umano, ho abbandonato braccia e gambe fino a sentire quella sottile spinta sul ventre che mi teneva su, inerte, quasi incorporeo.

Un ritornello che mi torna sempre in mente è che siamo noi stessi a creare i nostri mostri, e che inevitabilmente ci assomigliano.
Dopo un quarto di secolo, ho salutato uno dei miei mostri, gli ho lasciato la mano, in un atto che per la maggior parte delle persone è banale.

Schiudermi nell'elemento acqua è stato un atto di rinascita. In cuor mio, spero che le anime erranti su questa terra possano provare costantemente, anche in piccole pillole, questa sensazione, con la lucidità che serve per assimilarla, e sorridere.

e327f226-a71d-476c-976a-3f39974aacde
Mi rannicchio contro il muretto, nella parte della piscina dove l'acqua è bassa. Abbraccio le mie gambe, ginocchia contro il petto. Devo solo inspirare, e lasciarmi andare. Conto alla rovescia nella mia mente, in un sistema numerico inesistente. ... Vado. Il mio corpo viene inghiottito dall'acqua...
Post
27/07/2021 22:13:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.