Nuova filosofia occidentale:

08 ottobre 2008 ore 23:45 segnala
 

Sulla scia delle tendenze degli ultimi anni, volte a cercare nelle filosofie estere, soprattutto orientali, una serie di valori culturali e sociali o, più semplicemente, un vademecum esistenziale, vorrei stasera abbozzare un nuovo, personale, pensiero filosofico.

Il pensiero di un occidentale come me (anche se geograficamente preferirei centrale, posizione evidente di Italia ed Europa sul planisfero) non avrà il fascino esotico dei virtuosi insegnamenti di un guru dalla barba cinerea ma chiedo a lettori e lettrici di non considerare i pensieri che emergeranno in termini comparativi.

Il tentativo è quello di compiere, principalmente, la faticosa operazione introspettiva e analitica di stabilire se, chi vi scrive, possiede un cervello tale da poter compiere azioni umanamente coerenti. In poche parole: ho senno sufficiente per poter scegliere se e quando fare qualcosa?

 

Antefatto.

 

Passeggio per strada e un signore che passa mi guarda storto mentre ci incrociamo. Quando è davanti a me, mi manda affanculo. Appena passato mi da, a tradimento, uno scappellotto sulla nuca.

 

La mia situazione:

 

Sono frastornato, offeso e sorpreso. Volendolo dire in provenzale, un po mi girano le palle.

 

La soluzione (le soluzioni):

 

w     Colto dal mio atavico spirito paleolitico sguaino la clava e redarguisco con tangibili argomentazioni lo scortese signore.

 

w     Mi chiudo in un virtuoso silenzio e medito su come convertire la spropositata coglioneria di quell'individuo nel sistema metrico decimale.

 

w     Realizzo che tutti gli uomini che incrocio per strada sono degli imbecilli.

 

w     Porgo l'altra nuca.

 

w     Gli scaglio un anatema in Tocario.

 

w     Sto attento al prossimo che incrocio.

 

 Per stasera ho faticato abbastanza, sono stanco. Spengo e mi ritiro. Alla prossima.

 

Consapevolezza...

05 ottobre 2008 ore 01:00 segnala

 

A volte basta voltarsi, sgranare gli occhi..... chi ti sta davanti si caga

addosso.

Didattica dell'sms

03 ottobre 2008 ore 15:02 segnala
Scrivere è, oggigiorno, una strana arte. Uno degli oggetti con cui scriviamo abitualmente è la tastiera del nostro telefonino. L’sms, si sa, è diventato un metodo molto usato per scambiarsi frasi dedicate a qualsiasi momento della nostra vita. C’è poi che,per effetto della premura nello scrivere e del fattore spesa, si fa economia di lettere, creando abbreviazioni diventate oramai una costante nella corrispondenza via etere e che hanno, peraltro, preso piede anche nel meraviglioso mondo del web.

Vi racconterò di una mia cara amica che ha dovuto fare i conti con questo stile scrittorio: si tratta di un’ insegnante di scuola media inferiore. Insegna in una prima media e, qualche tempo fa, assegnò un tema d’italiano. Non ricordo il titolo ma, come qualcuno di voi avrà intuito, è del tutto irrilevante. Al momento della correzione dovette constatare quanto, il fenomeno delle abbreviazioni, fosse così dilagante da aver investito anche il più classico dei compiti scolastici.

 

Stupify

24 settembre 2008 ore 22:27 segnala
Un'altra canzoncina caruccia....

Sympathy for the devil.....

24 settembre 2008 ore 01:24 segnala
Ho scelto questa canzone dei Rolling Stones perchè, standola a sentire, ci si può rendere conto di quanto, a suo modo, sia estremamente attuale e attinente alla società in cui viviamo. Il video è sinteticamente eloquente....


Sympathy For The Devil

Rolling Stones

Please allow me to introduce myself
I'm a man of wealth and taste
I've been around for a long, long years
Stole many a man's soul and faith

And I was 'round when Jesus Christ
Had his moment of doubt and pain
Made damn sure that Pilate
Washed his hands and sealed his fate

Pleased to meet you
Hope you guess my name
But what's puzzling you
Is the nature of my game

I stuck around St. Petersburg
When I saw it was a time for a change
Killed the czar and his ministers
Anastasia screamed in vain

I rode a tank
Held a general's rank
When the blitzkrieg raged
And the bodies stank

Pleased to meet you
Hope you guess my name, oh yeah
Ah, what's puzzling you
Is the nature of my game, oh yeah
(woo woo, woo woo)

I watched with glee
While your kings and queens
Fought for ten decades
For the gods they made
(woo woo, woo woo)

I shouted out,
"Who killed the Kennedys?"
When after all
It was you and me
(who who, who who)

Let me please introduce myself
I'm a man of wealth and taste
And I laid traps for troubadours
Who get killed before they reached Bombay
(woo woo, who who)

Pleased to meet you
Hope you guessed my name, oh yeah
(who who)
But what's puzzling you
Is the nature of my game, oh yeah, get down, baby
(who who, who who)

Pleased to meet you
Hope you guessed my name, oh yeah
But what's confusing you
Is just the nature of my game
(woo woo, who who)

Just as every cop is a criminal
And all the sinners saints
As heads is tails
Just call me Lucifer
'Cause I'm in need of some restraint
(who who, who who)

So if you meet me
Have some courtesy
Have some sympathy, and some taste
(woo woo)
Use all your well-learned politesse
Or I'll lay your soul to waste, um yeah
(woo woo, woo woo)

Pleased to meet you
Hope you guessed my name, um yeah
(who who)
But what's puzzling you
Is the nature of my game, um mean it, get down
(woo woo, woo woo)

Comprensione Per Il Demonio

 


Vi prego, permettete che mi presenti
sono un uomo ricco e di gusto
sono stato in giro per molto tempo
rubai molte anime e privai della fede molti uomini

Ed ero lì quando Gesù Cristo
ebbe il suo momento di dubbio e dolore
Mi assicurai che Pilato se ne lavasse le mani
sigillando così il suo destino

Piacere di conoscervi
Spero che azzeccherete il mio nome
ma ciò che vi lascia perplessi
è la natura del mio gioco

Ero nei paraggi di San Pietroburgo
Quando vidi che era tempo di cambiamenti
Uccisi lo zar e i suoi ministri
Anastasia urlò invano

Cavalcai un carro armato
detenevo la carica di generale
quando infuriò la guerra lampo
e i corpi puzzarono

Piacere di conoscervi
Spero che azzeccherete il mio nome
Ah, ciò che vi lascia perplessi
è la natura del mio gioco
Woo, woo, woo, woo

Guardai con gioia
mentre i vostri re e le vostre regine
lottarono per cent'anni
per gli dèi che loro stessi avevano creato
(woo woo, woo woo)

Gridai:
"Chi uccise i Kennedy?"
quando dopo tutto
fummo voi ed io
(chi, chi, chi, chi?)

Per favore, lasciate che mi presenti
sono un uomo ricco e di buon gusto
E tesi trappole ai trovatori
che rimasero uccisi prima di raggiungere Bombay
(woo, woo, chi chi?)

Piacere di conoscervi
Spero che abbiate azzeccato il mio nome
(chi? chi?)
Ah, ciò che vi lascia perplessi
è la natura del mio gioco
(chi chi chi chi?)

Piacere di conoscervi
Spero che abbiate azzeccato il mio nome
Ma ciò che vi lascia perplessi
è la natura del mio gioco
(woo woo, chi chi)

Proprio come ogni poliziotto é un criminale
tutti i peccatori santi
e come le teste sono code
chiamatemi solo Lucifero
poiché ho bisogno di un po' di riservatezza
(chi chi, chi chi)

Così se mi incontrate
abbiate un po' di cortesia
abbiate un po' di solidarietà, e un po' di gusto
(woo woo)
Usate tutta la vostra cortesia
Oppure io trascinerò la vostra anima alla perdizione, yeah
(woo woo, woo, woo)

Piacere di conoscervi
Spero che abbiate azzeccato il mio nome
(chi chi)
Ma ciò che vi lascia perplessi
è la natura del mio gioco
(woo woo, woo woo)