La capanna

27 agosto 2010 ore 17:26 segnala
Ieri mattina sono uscita per una commissione... (portare il pc dal tecnico per cambiare lo spinotto dell'alimentatore esterno). La mia amica mi ha consigliato un nuovo negozio appena aperto da tre giovani ragazzi che si occupano appunto di assistenza e manutenzione pc.
Non avevo idea di chi fossero i 3 soci.
Appena ho varcato la soglia... ecco davanti a me 3 vecchi amici d'infanzia. Ho provato una strana sensazione nel rivedere quei vecchi amici in una situazione cosi sicura e statica, e cosi ho immaginato per un'istante di esserci anche io li con loro...
Mi sono proiettata in quella realtà (negozietto tranquillo in periferia, climatizzato, comfort di ogni tipo) fidanzata da 10 anni e desiderosa di metter su capanna quanto prima.
E' bastato poco per rendermi conto che non potrei farlo. Non sono ancora pronta probabilmente a metter radici tanto forti da poter descrivere alla perfezione i successivi 50 anni della mia vita.
E' bastato poco per capire di vivere in una strana e maledettamente comoda situazione alla peter pan dove qualsiasi forma di accasamento provoca in me un senso di asfissia e non certo sicurezza.
Sono felicissima per i miei amici ... non fraintendetemi. E poi... Fa comodo avere un tecnico esperto in manutenzione pc a portata di mano (anche solo fosse da un punto di vista economico :D), ma ...... vivo in controtendenza e non capisco perchè mentre tutti rientrano la testa nel sacco io comincio ad uscirla.
Mentre tutti sperimentano la voglia di accasarsi, io sperimento la voglia di strada, mondo, nuove realtà parallele, culture, prospettive.
Sperimento la voglia di parlare con gente che ha vissuto in posti differenti dai miei, la voglia di fare qualcosa di anticonvenzionale, camminare mano nella mano con qualcuno senza preoccuparmi del fatto che la gente penserà che mi sono accasata, fornire consulensa psicologica ad un trans che ha tentato il suicidio, parlare in modo nuovo, usando nuovi verbi, espressioni. Sono sempre io,  eclettica e bizzarra da questo punto di vista. Non rinnego quello che ho dentro, ma ogni tanto reinventarsi giova alla salute.
 La staticità infondo è comoda. Anche i paraocchi lo sono. Ed io... più vedo la gente accasata, più avverto la voglia di smantellare le pareti di una casa... perchè quando si ama qualcuno ... la capanna, il tetto sulla testa è la più comoda delle soluzioni. Si fa capanna per dare un segnale al mondo anzi più di un segnale : " lei/ lui sta con me in via definitiva; ormai ho raggiunto tutto quello che avrei potuto desiderare", invece io sono alla ricerca non di una capanna ma di un villaggio, sono alla ricerca di un'infinita gamma di desideri, sono alla ricerca di tutto e niente.
Mi viene la pelle d'oca quando sento coetanei dire frasi del tipo "la vita è fatta di tappe: si nasce, si cresce, si studia, ci si trova un lavoro, ci si sposa, si sfornano figli da accudire, si allevano nipoti, si muore". E' davvero tutta qui la vita??? E' davvero questo lo scopo del percorso? Si tratta solo di questo? Non lo so... quello che so è che per un tipo come me dare una risposta a questa domanda è importante e la capanna che tutti si accingono a costruire oscura la visuale tra me e il mondo.
L'unica certezza che ho è che, il mio percorso devrà essere tutto fuorchè un segmento con un inizio, una fine e in mezzo una linea retta che raramente interseca qualcosa o qualcuno.
No... io voglio le curve, voglio discese ripide, risalite improvvise, nuovi mondi, rientri calorosi, paesaggi innevati, conversazioni con barboni acculturati, notti stupide e notti magiche, voglio sporcarmi di fango, voglio rialzarmi e camminare sull'erba a piedi nudi, voglio fumare per darmi un tono e smettere di fumare perchè va di moda, voglio avere la possibilità di insegnare quel poco che ho imparato a chi ne ha bisogno, voglio piangere, ridere, amare, costruire capanne di fango e smantellarle subito dopo, ricominciare tutto d'accapo ogni volta.
Io sono nata per le curve.

11722556
Ieri mattina sono uscita per una commissione... (portare il pc dal tecnico per cambiare lo spinotto dell'alimentatore esterno). La mia amica mi ha consigliato un nuovo negozio appena aperto da tre giovani ragazzi che si occupano appunto di assistenza e manutenzione pc.Non avevo idea di chi fossero...
Post
27/08/2010 17:26:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.