Sopravvivere

30 marzo 2012 ore 21:07 segnala
Oggi, parlando con un amico, mi sono venute in mente alcune considerazioni. La prima, in assoluto, è questa: cosa deve fare un padre separato per sopravvivere? Costui mi ha rivelato in maniera molto amareggiata di aver ricevuto una telefonata dal figlio, studente-lavoratore in un'altra città. Lo rimproverava in sintesi, di non aver "ottemperato" alle disposizioni che il giudice, alcuni anni fa, aveva deciso a causa della separazione. Nonostante le spiegazioni, nonostante la crisi perdurante con conseguente calo di lavora ma, sopratutto di stipendio, il figlio ha velatamente "minacciato" il padre di rivolgersi a un avvocato. Il mio amico ha allargato le braccia e con uno dei sorrisi più tristi che abbia mai visto in vita mia mi ha detto: Se mi denuncia mio figlio è finita, ti passa la voglia di lottare. Al momento non ho risposto nulla poi una rabbia razionale mi ha pervaso tanto da far strabuzzare gli occhi al mio interlocutore. Gli ho detto chiaramente che nessuno! E dico nessuno, ha "obbligato" suo figlio ad affrontare l'università sapendo bene delle condizioni economiche dei genitori. Nessuno l'ha obbligato a cambiare città adducendo come spiegazione il fatto di non sopportare più la situazione creatasi tra gli stessi. Il fatto che ogni genitore, debba "mantenere" i figli sino a quando non siano economicamente indipendenti, è un vero cappio al collo, sopratutto per i padri separati. Ancora oggi vi sono ultratrentenni fuori corso che chiedono i soldi ai genitori con la scusa dell'università! Il mio amico mi ha guardato prima con sospetto, poi ho visto una piccola luce accendersi nei suoi occhi. Mi ha risposto solo "grazie" e il tono era decisamente cambiato.
1fa9af20-b805-4112-99e1-67b745941451
Oggi, parlando con un amico, mi sono venute in mente alcune considerazioni. La prima, in assoluto, è questa: cosa deve fare un padre separato per sopravvivere? Costui mi ha rivelato in maniera molto amareggiata di aver ricevuto una telefonata dal figlio, studente-lavoratore in un'altra città. Lo...
Post
30/03/2012 21:07:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. CamelLight.20 30 marzo 2012 ore 21:13
    I figli sanno essere dei giudici molto egoisti.
    Ma leggere "Se mi denuncia mio figlio è finita, ti passa la voglia di lottare", da figlia mi fa pensare che la toga che ogni tanto indosso anche io fa proprio schifo.

    Grazie per avermi fatto leggere questa considerazione.
  2. senzanick.2011 30 marzo 2012 ore 21:24
    Grazie a te per il commento. Ma sai, vedere un impiegato che dopo 35 anni di scrivania deve andare a chiedere aiuto alla mensa dei poveri mi squarcia l'anima. Veder spegnersi la luce negli occhi mi fa paura, buona serata :)
  3. CamelLight.20 30 marzo 2012 ore 21:30
    Non bisognerebbe mai veder quella luce spegnersi. :(
  4. Edelvais63 30 marzo 2012 ore 21:32
    tristissima storia...molto comune,buona serata :bye

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.