tu sei

07 maggio 2012 ore 23:20 segnala
Un saluto, un sorriso

ti fermi parliamo , del piu e del meno

inevitabile confronto a volte scontro

ammicco e tu sorridi .... ti allonani ma rimani

sorvolo sulle domande ... ometto le rispste

attendo una parola .....

ti chiedo se sei felice, se hai sogni tra le tue mani.



il tempo scorre, arrivederci a domani ...

nuovo rito ... di .... formalità

"ciao come va? hai novità?"

..... ci ritroviamo nelle parole

tra la notte ed il sole

nel tempo che corre via

in una riga ... senza scia

in un immaginario ..... incastonato di parole

che volano come nuvole

che ... rimangono sole

equi distanti .... nelle menti



ma pian piano ... la distanza è abisso

restare qui piu' non posso ....

ti saluto adesso

grazie di tutto , lo stesso.

(la chat)





























L’immaginario è qualcosa di non vissuto

- non ancora –

è l'idea che rimane dentro qualcosa che sta fuori, oltre.

Attraverso l'idea s'immaginano cose

- quelle che si vorrebbero vedere ....

e se tu trovassi nelle parole:

- le provocazioni ... che stimolano il tuo pensiero ed un confronto

- il sale per assaporare ....

- il sole per riscaldarti

- le ali .... per viaggiare ... oltre quel limite















...io e le mie parole...

...il mio smisurato amore per le parole...

...echi d'infinito...

...magie delle cose...

...dei pensieri... delle emozioni...

















in alto i nostri sogni, che si rendono vivi in noi, come se in un solo momento tutto tornasse a parlare di emozioni, e dentro te vorresti stringerli, vorresti coccolarli, ti lasci quasi cullare da quella scia improvvisa di insolite percezioni che accarezzano la tua mente dispersa in mille pensieri, dove tutto è possibile e dove tutto negli attimi diventa realtà..... voi con le mie ali ... in infiniti percorsi .... verso un paradiso ... che forse nemmeno c'è.










Scrivere è la mia vita.La scrittura il mio ossigeno.Il mio sangue inchiostro,la mia carne parole stampate,parole importanti,parole amate,parole strappate,bruciate,parole odiate o invocate.Sul foglio della vita grandi lettere,parole e frasi scritte,piani del destino,tracce d'immensità sperdute nel buio.Io stessa una penna in mano divina.Tutto il mondo una poesia.











dopo









percorsi non sempre facili, dalle risalite scoscese

dopo vuoit infiniti .... spazi eterni ...

dopo i sorrisi e le carezze ... di breve vita

dopo illusioni in miraggi di vento

.... rinasci con ali diverse ...

non sei farfalla, non sei rapace

non cerchi nulla per non cadere ... per non sognare

e cammini con fatica tra riflessioni spettrali e disillusioni sulla pelle

ti nascondi e gridi, ti liberi .... nei cieli della solitudine

senza nubi senza stelle

come se il vero paradiso fosse il nulla






"Così fa il destino: potrebbe filar via invisibile e invece brucia dietro di sé,
qua e là,alcuni istanti,fra i mille di una vita.
Nella notte del ricordo,ardono quelli,disegnando la via di fuga della sorte.
Fuochi solitari,buoni per darsi una ragione,una qualsiasi."
"La realtà ha una coerenza, illogica ma effettiva."
"come sarebbe bello dire 'per caso'?
Tu credi davvero che ci sia qualcosa che succede 'per caso'?"







Non ci sono abbastanza parole per descrivere le notti che si passano a sognare delle cose impossibili che accarezzano l'anima di noi che invece di addormentarci immaginiamo frontiere sconosciute quasi irraggiungibili che ci portano lontano verso quella linea di confine che ha un solo nome




tutto e possibile se credi in qualcosa ... può succedere






Tutto spento, tutto vuoto, i periodi migliori fuggiti, il tempo trascorso inclemente, passato ma ancora sotto la pelle come l'inchiostro di un tatuaggio fuori moda, come un'istantanea stampata nella memoria.
La fiamma della candela ondeggia in un gioco festoso e si riflette sul bicchiere pieno mentre le note dell'ultimo cd riempiono questo silenzio maledetto e si infrangono sulle pareti umide e nebbiose della sera.
Ho consumato un giorno dopo l'altro senza dare la giusta importanza alle tante altre voci disperate che sentivo, alle parole speciali che non erano mai abbastanza, alle anime stese ad asciugare al sole, alle carezze che mi sfioravano la pelle, alle centinaia di occhi che cercavano solo un sorriso.



Ho respirato la paura, l'incertezza, il desiderio, la gioia, la disperazione...
Non aspetto pareri o giudizi, non aspetto consigli, amici o amori, vorrei solo avere la capacità di decidere e il coraggio di portare avanti le mie scelte, senza voltarmi indietro.
Il bicchiere si solleva e il sorso di liquido caldo che brucia nella gola ha già il sapore del domani e di questa assurda fragilità che ci portiamo dentro, granelli di polvere dimenticati in un angolo della terra e in balia del vento.
E penso che alla fine quello che conta non è cosa si trova alla fine della strada, ma cosa si prova durante il viaggio. L'importante sarebbe volare.








Siamo fatti solo di parole, come un immenso cruciverba con centinaia di rompicapi e di intrecci che celano la giusta soluzione, la realtà.
Le regole del gioco sono quasi sempre le stesse: assorbi migliaia di parole, le traduci in emozioni, sensazioni, stati d'animo che immagini avvolgano chi le legge e da queste tracce nella tua mente prende forma l'immagine, la percezione che hai di chi scrive dall'altra parte del monitor.
Da vago e offuscato, via via che le parole aumentano, diventa sempre più chiaro e svela aspetti nascosti e particolari caratteriali e fisici.

Ma sono solo parole.
Però è incredibilmente affascinante rincorrere l'immagine di una persona scorrendone le righe, sollevare il telo che la ricopre poco alla volta e piano piano guadagnare centimetri.
Ovviamente il desiderio si fa più vivo e intenso quando vieni rapito da quello che leggi, quando, affascinato, ti lasci catturare da qualcuno e allora il gioco ti prende e lo scritto successivo diventa come una droga che attendi con ansia.







La prossima dose.



E ti innamori di qualcuno che non sai chi sia, che non hai mai visto, che non sai dov'è ma lo vuoi. Lo cerchi e ne bevi e ribevi le parole, stringi forte quella parte di lui che sei riuscito a rubare e la porti con te, le permetti di far parte della tua vita.
Lontani, ma uniti da un pensiero condiviso, da una frase che colpisce, da una parola che ferisce.
Storie dove non si cammina dandosi la mano, ma regalandosi parole, dove si fa l'amore con le parole, si litiga a parole, ci si nutre di parole, ci si disseta e si sogna.



Solo un angelo puo' donare un pensiero puro ..

allora se vuoi ...
43f30df0-d843-4a9c-9fc8-a5193bdecf58
Un saluto, un sorriso ti fermi parliamo , del piu e del meno inevitabile confronto a volte scontro ammicco e tu sorridi .... ti allonani ma rimani sorvolo sulle domande ... ometto le rispste attendo una parola ..... ti chiedo se sei felice, se hai sogni tra le tue mani. il tempo scorre,...
Post
07/05/2012 23:20:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.