La memoria

25 novembre 2009 ore 12:50 segnala

La memoria, la mente, i ricordi... Tutto sembra al proprio posto ogni volta che apro i cassetti.

 

Ho immagini molto nitide, sebbene scollegate (o non del tutto legate) tra loro. A volte sono vere e proprie 'storie', con un inizio, uno sviluppo e una fine. Altre volte sono solo i cosiddetti 'flash'... immagini sì significative, ma isolate.... come penso succeda a chiunque.

 

Allora perchè mai tra questi 'ricordi', spuntano spesso prepotenti e incredibilmente lucide, sensazioni, figure, toni, movimenti che non "posso" aver vissuto?

11270270
La memoria, la mente, i ricordi... Tutto sembra al proprio posto ogni volta che apro i cassetti.   Ho immagini molto nitide, sebbene scollegate (o non del tutto legate) tra loro. A volte sono vere e proprie 'storie', con un inizio, uno sviluppo e una fine. Altre volte sono solo i cosiddetti...
Post
25/11/2009 12:50:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. mogul 25 novembre 2009 ore 20:16

     

    una specie di dèjà vu, 

     quella sensazione che si ha

    di aver già vissuto quei momenti e situazioni

     in un passato più o meno remoto

    ciao

                       Mog

  2. Shangri.Lah 25 novembre 2009 ore 20:23

    ... Mogul... già.

     

     

  3. Crayon.Bleu 26 novembre 2009 ore 08:42
    ...ho scoperto che se premi il tasto veloce per la riproduzione di un file audio sul registratore di casa, non parla veloce, ma ti fa sentire una parola a caso, poi quella successiva è presa da un posto più avanti di qualche secondo in base alla velocità che hai scelto e così si compone una frase tutta sgangherata fatta di parole che hanno senso, dentro una frase che non ne ha alcuno...
    Spesso e volentieri nei miei cassetti ci sono discorsi fatti in questo modo, di parole mal accostate, che non hanno un senso compiuto. Poi a volte stò giorni a cercare l'ispirazione per scrivere una storiella. Mi si presenta fra le mani un frammento, un fotogramma che non ha ne capo ne coda... allora lo lascio lì, fino a che da solo si compone, dopo qualche giorno, pigramente. Forse e a volte! :-)
    Il mio nonno all'età di 85 cominciò a chiedermi le cose che sapeva già. Siccome era un burlone pensavo mi prendesse in giro. Dopo alcuni mesi capii che se le dimenticava per davvero. Rimasi male a vedere il mio nonnino che sempre aveva avuto una intelligenza e una prontezza da far invidia, spegnersi piano piano. Ma lui almeno aveva 85 anni. Io ho cominciato già da un pochetto e non sono neppure alla metà della sua strada...
    Ops... ho scritto troppo... scusatemi madonna Sangria... vi ho rubato tutto lo spazio. La vostra musichetta solletica i miei pensieri e li mette in fila sulle punte delle mie dita... verrò ancora a trovarvi... se vi fa piacere...
    Buona giornata... :-)
  4. Crayon.Bleu 26 novembre 2009 ore 08:44
    ...quando ci si trova bene in una casa, ci si sente come alla propria e nella vostra mi sento meglio che nella mia... qua posso parlare e lasciar liberi i miei pensieri senza dover renderne conto a nessuno. Voi mi ascoltate silenziosa. Con voi posso condividere con tanta semplicità...
    Vi ringrazio madonna Sangria e vi saluto di nuovo, stavolta per davvero! :bye
  5. Shangri.Lah 26 novembre 2009 ore 19:21

    ...hai scritto una cosa bellissima... un complimento che di così belli non me ne arrivavano da tempo ...

     

     " ...quando ci si trova bene in una casa, ci si sente come alla propria e nella vostra mi sento meglio che nella mia... qua posso parlare e lasciar liberi i miei pensieri senza dover renderne conto a nessuno."

     

    Basta poco per rendermi felice.... Sapere che qualcuno si sente libero di esprimersi, qui, con me, è quel grande 'poco' che mi cambia la giornata.

     

    :-) grazie ... solo questo... Grazie.

     

     

  6. Shangri.Lah 26 novembre 2009 ore 19:23

    ...ma proprio grosso grosso ...tipo P.S.

     

    Non chiamarmi Madonna....ti prego... I miei figli li ho fatti tutti attraverso vie canoniche (:-))) ) e un tale titolo mi imbarazza notevolmente...

     

    :flower

     

     

  7. Crayon.Bleu 27 novembre 2009 ore 09:33
    ...solo questo: prego! :-)
  8. Crayon.Bleu 27 novembre 2009 ore 09:36
    ...cosa avete capito madonna Sangria, io non intendevo la mamma di Nostro Signore, nel qual caso l'avrei scritto maiuscolo, ma intendevo il termine usato nel 1500 che si usava per rivolgersi alle madame, alle signore. Se ricordi la mamma di San Francesco veniva chiamata madonna Pica. E siccome tu mi chiamasti messere io ti chiamai madonna... fila no? :-)
  9. Shangri.Lah 27 novembre 2009 ore 12:50

    ... fila come un treno, proprio!!! :-))

    Mi piaceva stuzzicarti sui termini, mi perdoni? :-)

     

    Prometto che non lo farò mmmmaaaaaaiiiii più! Con tanto di dita incrociate dietro la schiena, varda!!!

     

    :-) 

  10. Crayon.Bleu 27 novembre 2009 ore 13:51
    ...che no che non ti perdono, perché niente c'è da perdonare. :-)
    Quando c'è affetto si può dire ogni cosa e ogni cosa è dolce come il miele, che si mette la mattina nel latte della colazione. Così da sciogliere quella tosse insistente dei bambini, che non sanno stare con le scarpe e sempre se ne vanno a piedi nudi sulle fredde piastrelle.
    Varda che lo vedo che le dita son quasi blu a furia di incrociare...
    Se non ti risento buon fine settimana madonna Sangria.
    Ti porto con me, posso? Così ho sempre un sorriso da regalare.
    Ciao, a presto... :-)
  11. Crayon.Bleu 01 dicembre 2009 ore 10:53
    ...beh certo, lei se ne va. Lascia la stufa accesa, con le mele nel forno. Ecco si sono bruciate, accidenti!
    Mmmhh non sono male anche così... forse questo pezzettino lo lascio indietro. Che strano, c'era tutto aperto. Non sarà mica successo qualche cosa?
    L'aspetto un po'. Intanto mi faccio un caffè. Anzi faccio la moca da tre, così se arriva lo beviamo assieme... sennò lo beverò tutto da solo. Dove avrà messo i miscotti... ah eccoli qua... mmmhhh questi sono buoni... mamma mia, sono pasticcini. Con la marmellata di mele dentro. Sembrano piccoli strudelini... Che delizia. Lì avrà preparati per me? Mah... Vabbè, non arriva, vado. Gli lascio un biglietto.
    "Ciao Sangria, son passato e non c'eri. La porta era aperta, così sono entrato. Ti lascio un saluto e la tazzina da lavare. Le mele erano un po' bruciate, ma le ho mangiate lo stesso, come pure i biscotti.
    Crayon... quello blu neh?"
  12. Shangri.Lah 01 dicembre 2009 ore 19:21

    ... in questa mia casa senza pareti, non c'è manco il soffitto...e neppure il pavimento (e gnanca il vasino...anche se forse Sergio Endrigo mi denuncerà per plagio :mmm )... vuoi che c'abbia messo una porta????  :sbong

     

     

    :-))) Son contenta che sei passato, così almeno hai dato un'occhiata al fuoco... ;-)

     

    Non è successo nulla, tranquillo.... solo che, ogni tanto, mi tocca fare un salto a Rapa-Nui... Lì, c'ho 'na frabbrichetta di mohai d'autore che necessitano essere costantemente lucidati... :firulì

     

    Grazie della visita, la prossima volta con le mele ti preparerò una torta... come quella che faceva la mia mamma: piena piena e con lo zucchero sopra... :slurp

     

     

  13. Crayon.Bleu 09 dicembre 2009 ore 10:56
    ...la torta indov'è? Sgrunt!
    Non sono molto sveglio, così ci ho messo un bel po' a capire che mi stavi prendendo per il... nasino con i tuoi mohai... è mi hciedevo cosa fossero... se ti acchiappo!!! :clava

    :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.