Jack Be Good

29 ottobre 2011 ore 00:44 segnala

Non temere Jack

29 ottobre 2011 ore 00:37 segnala
Ehi Jack. Hai una mosca sullo cheque.

UPRISING

27 ottobre 2011 ore 19:07 segnala

GALVANIZE

27 ottobre 2011 ore 16:31 segnala

vai

27 ottobre 2011 ore 16:16 segnala

ITALIANI VENDESI

27 ottobre 2011 ore 14:37 segnala
A pensarci bene conviene proprio comprarsi l'Italia con tutti gli italiani, questi lavorano come i matti per 1000 euro al mese, e se lavorano per 1000 euro al mese si sentono in grado di disprezzare quelli che lavorano per 800, i quali a loro volta si sentono autorizzati a disprezzare quelli che lavorano per 600, i quali in compenso si sentono all'altezza di disprezzare quelli che lavorano per 300, i quali di rimando si sentono piazzati bene per disprezzare quelli che non lavorano, i quali ad ogni buon conto si sentono giustificati disprezzando quelli che lavorano gratis. E tutti si sentono molto ammirati ed estasiati nel contemplare quelli che lavorando guadagnano miliardi, ed estremamente abbagliati nel venerare quelli che non lavorando guadagnano fantastiliardi. E tutto ciò, mentre la fama degli italiani nel mondo è quella di essere una massa di "mammoni, viscidi e nati stanchi" infingardi, ladri e scansafatiche. E tutto ciò mentre sgobbano lasciandosi depredare di tutto. E' un grande affare comprarsi l'Italia con tutti gli italiani, gente sana, economica, mite e fedele al padrone, gente che per un tozzo di pane ammuffito si lascia fottere consolandosi vomitando moralismo sul bordello dei padroni come se farsi fottere per poco fosse più morale che farsi fottere per molto, e come se farsi derubare di molto o di tutto fosse più onorevole che farsi derubare di poco, che in fondo è ciò che fanno le escort lasciandosi togliere la dignità che non hanno e può darsi non abbiano mai avuto. Con la differenza che, loro, possono sempre contare su qualche femminista, qualche fascista o qualche leccaculo che le giustifica. E su una massa di idioti e idiote che le ammira/invidia e non ha il coraggio di imitarle o i soldi per comprarle. Gli uomini si vendicano sulle donne, le donne si vendicano sugli uomini, entrambi si vendicano sui bambini, e chi comprerà questa massa di pecore e capre potrà star tranquillo che di sicuro sarà troppo impegnata a vendicarsi con chi non c'entra per prendersela coi padroni. Toccherà comprare anche quelli che protestano civilmente, quelli che hanno ancora una dignità, quelli ancora nascosti nelle tane? Che importa, compriamo anche quelli! Si potrà sempre farne qualcosa, se non utilizzarli come pesci nell'acquario di Fantozzi, esporli come ultimo prodotto di nicchia di una grande cultura in un museo delle cere a pagamento, tutti hanno un prezzo, e quello degli italiani è mediamente più basso. Saranno sicuramente disposti a farlo! Certo bisognerà anche comprare tutti i ladri e le puttane ma questo è un grande affare, nonostante il prezzo sia in genere più alto di quello degli onesti. Ladri e puttane sono sempre un buon investimento. Inoltre, last but first, bisogna considerare tutto lo sterminato ambaradan di opere d'arte e bellezze naturali che l'Italia contiene, e anzi, bisogna sbrigarsi a comprarli prima che vadano in malora! Tra l'altro bisogna muoversi, prima che i ladri e le puttane si facciano due conti e alzino il prezzo, e alle persone perbene cada la casa del moralista di Pompei sulla testa e siano costrette a svegliarsi, bisogna muoversi in fretta ora che le pecore muoiono dalla voglia di essere vendute per poco. Uhm...mi è rimasto un euro. Quasi quasi mi compro tutto io.
739b055b-4669-4e3e-9a30-0509f63b8d4c
A pensarci bene conviene proprio comprarsi l'Italia con tutti gli italiani, questi lavorano come i matti per 1000 euro al mese, e se lavorano per 1000 euro al mese si sentono in grado di disprezzare...
Post
27/10/2011 14:37:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    3

ITALIA IN VENDITA

27 ottobre 2011 ore 11:10 segnala
Uno degli ultimi affettuosi messaggi scambiati tra Europa e Italia potrebbe essere riassunto così: cercasi paese ricco bella presenza ottima cultura per acquisto prezzo modico. E la risposta, quale mai muinaccia di essere? Anzi, quale comincia a rivelarsi sia? Ma venghino siori venghino, qualità alta, prezzo bassissimo! E quale mai avrebbe dovuto essere, dopo che gli italiani si sono fatti trattare così per 20 anni senza colpo ferire ma molti lasciandosene infierire da un manipolo di mercanti? E cosa c'è da aspettarsi adesso dai mercanti che ci hanno comprato per quattro baiocchi se non che ci vendano per quattro baiocchi? Inoltre, il prezzo è ulteriormente ribassato con la scusa che E' ASCIUTO PAZZ O PADRON, e sta pieno di debiti. Debito pubblico? No, debito privato, pagabilissimo dai 4 ricconi che lo hanno contratto gettando le briciole ai cani, che sarebbero le persone oneste o che non sono all'altezza di rubare (rubare è difficile si sa, quello che non è dato sapere è la differenza tra gli onesti e gli incapaci di furto, cornuti e mazziati entrambi, ma più i primi). Ma i paperoni non tirano fuori un baiocco, essendo giustamente disposti dal canto loro a vendersi la madre per un euro. Dunque perché mai non dovrebbero lasciar fottere la patria, PATRIA, ITALIA, POPOLO, e come sono risorte queste inusitate parole, in bocca a comunisti preti e vu cumprà, coerentemente con l'ormai consueto clima di beffa, e proprio nel 150 anniversario dell'unità d'Italia! Sic transit gloria mundi, è proprio il caso di recitare questa macabra frase come requiem per la nostra bella terra, a meno di uno scatto d'orgoglio: tutti in piazza, al diavolo l'Europa e la Bce, vi pagheremo il vostro dannato debito, pagheremo anche per i ricchi morti di fame, ci libereremo di mercanti e comunisti, ma NON SIAMO IN VENDITA.