che cos'è per voi la follia?

27 gennaio 2008 ore 09:01 segnala

buongiorno...lo so ke non è il modo migliore per augurarvi una buona domenica...ma sapete...ormai mi conoscete, io non affronto mai temi...così leggeri...ke non inducono a riflettere...stamattina voglio farvi una domanda...ke cos'è per voi la follia?

beh argomento interessante per me...perchè sarà il centro della mia mappa concettuale per l'esame...e allora sapete...il vostro pensiero potrà diventare parte integrante del mio colloquio orale...

Studiando un autore a me caro...x diversi motivi...mi sono soffermata ad analizzare questo tema...beh avete mai sentito parlare di Pirandello?

E' un grande davvero...lo adoro...e condivido molto il suo pensiero...

Pirandello definisce la vita un fluire ininterrotto di sentimenti...che nessun uomo riesce ad assecondare poichè è impossibile realizzare tutto ciò che la mente partorisce...

l'uomo allora per vivere in pace con se stesso e gli altri si costruisce una personalità che non è altro che una maschera che da forma a quel fluire ininterrotto che è la vita...

Infondo però nessuno di noi ha una personalità...perchè dentro ogni individuo albergano una molteplicità di atteggiamenti, comportamenti, diversi e contrastanti l'uno con l'altro...quindi la personalità è il carattere che domina...

Secondo pirandello vi sono alcune persone che ad un certo punto della loro vita si trovano a riflettere sulla loro condizione...rendendosi conto che in realtà non sono come si sono sempre immaginati...ne ai propri occhi ne agli occhi degli altri...poichè ogni persona ci vede in modo diverso...

Allora il soggetto si accorge di essere uno, ma in realtà nessuno e centomila perchè le persone ci vedono in 100000modi diversi...

Arrivati a questa riflessione...l'unica via di salvezza è rappresentata dalla follia...definita da Pirandello, uno stato di grazia assoluta che si raggiunge solo quando l'individuo decide di togliersi la maschera e seguire il flusso della vita...ma alla fine però si accorge che sotto la maschera non c'è niente perchè quella maschera siamo noi...

beh se ci pensate bene...ognuno di noi...non fa altro che porsi dei limiti...limiti imposti dalle convenzioni sociali, dai canoni che ci imponiamo di rispettare...non usciamo fuori dal personaggio che ci costruiamo...si perchè infondo siamo personaggi...

Chiedetevi se voi nella vita avete assecondato tutti i pensieri che vi affollavano la mente...l'avete fatto?

beh ki è secondo voi che asseconda tutti i suoi sentimenti?

Il folle...si perchè il folle è incurante di ciò che pensano gli altri e di ciò ke si deve o non deve fare...

il folle non ha timore di nessun giudizio e segue il suo istinto...

Cmq bando alle ciancie...ho bisogno del vostro aiuto per la mia tesina...mi raccomando ci conto...lasciatemi il vostro pensiero...

8723639
buongiorno...lo so ke non è il modo migliore per augurarvi una buona domenica...ma sapete...ormai mi conoscete, io non affronto mai temi...così leggeri...ke non inducono a riflettere...stamattina voglio farvi una domanda...ke cos'è per voi la follia? beh argomento interessante per me...perchè sarà...
Post
27/01/2008 09:01:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. neapolismen 27 gennaio 2008 ore 09:38
    E" avere il coraggio e la voglia di "andare oltre" gli schemi ,oltre il "pensiero normale",in fondo fare quello che si desidera ma che il conformismo di tutti noi non "folli" ci impedisce di vivere.WWW la follia se ci fa essere noi stessi!!! Ti auguro di non essere conformista e di vivere un po di follia.Oltre che essere carina sei anche in gamba!!!
  2. adenock 27 gennaio 2008 ore 13:39
    ...ma proviamoci...la visione di Pirandello la trovo molto romantica ma forse in qualcosa manca di obbiettività. Da premettere che non ho mai letto Pirandello.Non vedo il folle come una persona priva della mschera dei pregiudizi, ma vittima di una realtà mentale disconessa dalla realtà in cui vive. Egli non percepisce gli eventi come li percepiamo noi vedendo il pericolo dove non ce nè e non riconoscendolo quando lo incontra sulla sua strada. E'sicuramente vero che molti di noi sono vittime dei pregiudizi a differenza del folle che non se ne cura, ma non credo che sia un motivo di lode in questo caso, ma un'effetto inevitabile del suo modo di concepire la realtà. Se saremo deboli di carattere i pregiudizi degli altri potranno riuscire a soffocare completamente la nostra identità, ma se saremo forti e "soggettivamente" razionali(quindi volendo, anche un pò folli in quanto daremo conto solo al nostro modo di percepire la realtà)riusciremo a non rinunciare a noi stessi e a perseguire comunque i nostri sogni e il nostro concetto di felicità.Cosa che purtroppo avvolte il folle non può permettersi di fare, in quanto intrappolato in una realtà fatta di ombre che gli impediscono di accettare anche un gesto semplice e innoquo come l'abbraccio, il bacio o il semplice prendersi cura di se stesso. Essendo la mente umana sconfinata come la fantasia è comunque impossibile trovare dei punti fermi e irrimovibili che possano spiegare ciò che racchiudiamo nella semplice parola di"FOLLIA"...per l'appunto, possiamo sempre e solo ipotizzare,immaginare,sognare... Buona Domenica Ade
  3. alexshovel 27 gennaio 2008 ore 13:40
    La follia è la via d'uscita! La soluzione a quanto di razionale ci circonda. Quanto più cerchi di vivere secondo gli schemi, secondo le regole tanto + la tua identità si perde, si mescola alla massa e la tua mente si aliena. E' allora che la follia ti lancia la sua ancora di salvezza; basta fare un passo indietro, chiudere la porta a tutto e vivere la follia come uno stato mentale in cui l'irrazionale diventa giusto e il razionale sbagliato..;-)
  4. Suslov 27 gennaio 2008 ore 17:07
    Ti do un piccolo aiuto: leggi anche "Sostiene Pereira"... vi troverai molto per la tua tesina.
  5. ildiabolico 28 gennaio 2008 ore 14:06
    ...Mi è venuta in mente la pubblicità di una macchina... (il marchio meglio non dirlo...) L'inizio era:"Guarda con quanto amore Madre Natura ebbe la consapevolezza di spargere un pò d'appertutto un pizzico di follia"... Alla fine diceva:"se l'uomo smettesse di usare la ragione, la vecchiaia non esisterebbe neppure" In bocca al lupo per l'esame e per la tesi... Inutile chiederti anche se hai letto qualcosa di Freud (la psicanalisi...) A presto Carla. Besito ito ito :devil
  6. neapolismen 30 gennaio 2008 ore 06:45
    Buon compleanno,ti auguro di trascorrere questo giorno insieme alle persone che ami,e che ti amano.Sei diventata maggiorenne!!!!!!! Buona vita!!!!!!!;-);-):ok:-));-)
  7. DallaCastallaCosca 05 febbraio 2008 ore 14:02
    Perchè la vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia...sopra la follia!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.