un mese fà....

18 settembre 2008 ore 12:17 segnala
Prima che quest’estate finisca direi che un riferimento a questa giornata speciale che vale la mia estate intera non potevo non farlo con il cuore sempre tra le tue mani….ho atteso un mese…per raccontare l’emozione del mio mese fa…

 

 

Un mese fa alle 9:00 del mattino ho bussato alla tua porta in una casa in affitto presa per le vacanze….un mese fa non te lo aspettavi neppure venissi…mi hai fatto gli auguri stretto a te contenta e tremante di una sorpresa…che doveva essere per me ma che non avrebbe avuto senso non vivere con te….ho scambiato qualche parola con i tuoi cugini che mi vedevano per la prima volta in carne ed ossa ma tu chissà quante volte prima gli hai parlato di me ti piace essere fiera di me del mio modo di essere me lo dici sempre….ho bevuto un caffè e portato le paste per festeggiare con te perché a me piace in fondo coccolarti ed era un po’ come farti assaggiare una fetta della mia torta….un mese fa siamo rimasti da soli mentre i tuoi cugini decidevano per una giornata strategica di mare (grazie eli, grazie eri, grazie cri) un mese fa mi hai fatto una sorpresa….un pacco grande grande…da scartare imbarazzato….era la prima volta…che passavo quel giorno così particolare con te….un mese fa ho letto un biglietto il cui contenuto stavolta per pudore terrò solo nel mio cuore e non lo condividerò con nessuno….un biglietto da lacrimuccia emozionata e lo sai quanto era importante…come fosse una piccola carezza di te che scivolava sul mio volto….mentre tu sorridevi compiaciuta del mio imbarazzo….un mese fa non era natale…ma nel pacco c’erano tante tasche per contenere tutte le giornate che abbiamo percorso nel nostro anno insieme e conservarle per bene da tenere sempre a portata di mano….ordinate come piace a te e sempre lì….c'erano tante righe che sono in fondo un abbraccio il tuo… che mi ricordano di te sempre ogni volta che le guardo dentro il mio cassetto dei sogni….c'era una sola essenza quella del tuo amore quella che volevi ed ora hai…quella che hai scelto per me…per farmene innamorare e trovarla l’unica riconoscibile ora….quella da dare alla mia pelle…e portare poi sulla tua pelle nell’attimo dopo sul divano accanto all’ingresso…un mese fa ho passato un bellissimo primo nuovo giorno….ieri tanti mesi fa non c’eri….ma non so come nel cuore c’era sempre la speranza di trovarti….oggi sei qui e niente sarà mai più come un mese fa degli anni in cui tu non c’eri…. le lacrime ancora scorrono…per lo stupore e la meraviglia che ancora mi rapiscono oggi mentre sorrido a te amore mio…e l’emozione è talmente grande da non poterle fermare…l’emozione di dirti che un mese fa di tanti anni fa forse eri già nel mio destino e già amavo così solo e soltanto te…

 

PS : l’immagine non è relativa al post è solo un tributo ad un grande della mia isola mi hai fatto morire!!!

le ragioni dell'aragosta.....

16 settembre 2008 ore 09:10 segnala
L’estate mio malgrado è finita….lasci ricordi sbiaditi sulle pagine del tuo diario….nessun riferimento a me…quasi mi rattrista….se non sapessi che noi il nostro diario lo scriviamo sempre a 4 mani…come quel pianoforte da suonare che ancora resta tra i ricordi più belli di questa stagione….e se non sapessi che quel diario serve talvolta alla “malinconia”…e io servo di più alla felicità….quest’estate è stata la prima forse indimenticabile insieme….come tutte le cose da portare nella prosecuzione della nostra strada prendiamo e mettiamo via….l’autunno è alle porte…ma che differenza fa se questo è il momento della primavera…tra una foglia che cade…e un sibilo gelato di vento che ti spacca le labbra…ci vedrò sempre un fiore….tenero dolce…e caloroso come le tue braccia che mi stringono….non sei di nessuno o con qualcuno…semplicemente perché la luna non si lascia prendere…..ma decide talvolta cosa illuminare….le mie notti….i miei giorni….di sole spento una volta…e ora intenso e vivo….tu sei solo tua…ma il tuo cuore appartiene al caldo abbraccio di questo sole…e lì che va a riposarsi dallo stress dei giorni e della vita…..nella nostra città…nei nostri sguardi…nelle nostre foto….il tuo sorriso è sempre più quello del mio cuore di sole….aperto devastante…disarmante….la mia altalena….il mio arcobaleno al contrario…..che ha un solo unico colore…il tuo….la mezza luna…che ho sognato di prendere tempo fa…con un filo di seta….per legarla ad un braccio come un palloncino….per sentire di toccare il cielo con le dita….con le tue….ora è qui con me….io non sono di nessuno…proprio come te…. Ma appartengo al tuo cuore….qualcuno ha voluto donarci….questo sogno diurno….poco semplice e poco pratico….questo volo nel vento…questo viaggio a tappe….questo concerto a 4 mani….le tue che a quest’ora stringono mani cucciole….le mie che ora battono sui tasti e sui tuoi pensieri….in fondo “la luna tu sei e di  notte tu fai grandi i sogni miei….l’eclissi ci ha portato fino a qui….ed ogni nuova alba ti risposi il sole…” non sarà Einaudi ma il tuo cuore quali note dà?

 

PS: penserai alla gelosia ad un novello Otello al leggero fastidio tipo orticaria sulla pelle …ma sai una ragazza (trattengo il fiato prima di dirtelo) che è una meraviglia….un giorno mi ha detto….io puntualizzo…ahahahah….sai…piace tanto anche a me!!! Ahahahah  TI AMO…..e altro poco importa….l’autunno è già alle porte…ma io ho tanti golfini rosa…per te…

Piero ma ti posso toccare???

01 settembre 2008 ore 16:16 segnala
 

Tappe del viaggio 30/08/2008

 

Piero Pelù a Budoni

 

Ore 21:10 siamo in paese....c'è la festa quella di San Giovanni Battista...concerto di Piero Pelù...cosa da condividere con la Dea musica che mi tiene la mano....è presto si decide per una pizza...mai scelta fù più nefasta....tra cameriere di una simpatia simile al vetriolo....e una coppia che alleva un bambino...a suon di sganassoni ci ritroviamo lì in mezzo tra il restare e l'andare....penso che una pizza così non ritorni mai più...così pessima....ma tant'è....noto una disabitudine al turista almeno per quei pochi posti che abbiamo visitato (tranne uno a dire il vero) e questo è molto strano per un paese che di turismo ci vive ....o meglio direi una poca organizzazione...che sfocia nella scortesia...anche questo molto strano per l'ospitalità sarda...e dicendolo da sardo insomma...ma magari è tutto dovuto alla fibrillazione della festa....noto che i senegalesi che riempiono la via centrale del paese di bancarelle...sono molto più gentili...mah comunque è una festa non è il caso di essere polemici...sarà per la prossima volta....comunque....una cameriera odiosa e sull'orlo della crisi di nervi da far sorridere ironicamente..ci porta le pizze....mangiate al fulmicotone...e con il naso tappato...e con una coppia a fianco...che riempie di schiaffi un bambino che avrà si e no due anni....perchè si è sporcato coi ravioli che loro gli hanno fatto mangiare....definendolo pieno di vizi e maleducato...ma da chi avrà preso? dai nonni? mah....paghiamo e scappiamo appena in tempo....ci sono già i musicisti sul palco....arriva piero....mi fa un pò triste vederlo in quel contesto di palloncini e coppie anziane che strabuzzano gli occhi.... dopo averlo amato fino alla follia coi Litfiba...mi mette un pò di malinconia...immaginarlo...fautore di sagre tipo quella del carciofo piuttosto che a feste di paese di questo e quel santo....ma insomma...piero sul palco è grande non si discute mi dico... e lui da par suo... non mi smentisce.... parte un set bellissimo di vecchie canzoni.... con gira nel mio cerchio... paname.... cangaceiro e fata morgana sugli scudi... da lasciare senza fiato... insomma.... roba seria.... niente fronzoli essenziale come un palco con quattro musicisti vestiti di nero... e lui in maglietta teschiata e pantaloni di pelle... insomma un rocker figo come direbbe qualcuna che lo urla in continuazione.... ma lui lo sa.... è animale da palcoscenico... istrionico... provocatorio... carismatico.... molto presente nella sua mimica e gestualità... insomma.... piero sul palco.... resta e rimane un grandissimo.... niente da eccepire.... stralunato il giusto.... molto ironico... e furbo.... grande parlatore.... e agitatore di folle.... "domani vorrei vedere un'operaio che si presenta alla Tiessen.... Silvio Berlusconi..... citazione... lo ha detto lui" dice con un ghigno diabolico.... se la ride... senza prendere tutto per oro colato... ha le sue ragioni e i suoi modi di esporle... e li fa sentire.... "i sardi sono quelli bianchi perchè le vostre coste se le godono quelli del continnente!" e giù applausi... insomma.... molto divertente... non banale... anche nel dire banalità bravo Piero.... ci divertiamo come matti cantiamo e saltiamo....noi....stretti...e ondeggianti....ci scambiamo...momenti occhiate sguardi....di una cosa...nuova...che stiamo vivendo bella particolare....come la nostra vita che va avanti....ti stringo...fino a soffocarti...quando parte "Il viaggio" insomma è un pò quella che da idea di essere la nostra canzone e questa vita che stiamo facendo insieme noi pendolari del cuore...il concerto si chiude...con "Lo spettacolo" tu lo sei.... e in fondo lo spettacolo deve sempre cominciare... non si ferma mai... involontariamente Piero si porterà sfiga .....finisce il concerto non è uno di quei concerti da bis…insomma è gratuito….neppure hai pagato il biglietto che pretendi….insomma…beviamo e sorridiamo….e stiamo lì…vicino alle transenne….io conosco personalmente il buon Pelù…non sto a spiegare come….so che sul palco è una cosa….giù da quel palco…un’altra…è un po’ spocchioso e pieno di sé….ma insomma…è quello che richiede il suo ruolo da guru arringatore di folle….ma lo spettacolo…che comincia è comico per davvero….50 persone dico 50 (non diecimila) aspettano il loro idolo….anche noi in realtà….ma con altro spirito…a me basta che ci sei tu….e vedi…scenette esilaranti…quelle dei poliziotti…che ci provano con tutte perché insomma…loro hanno il potere…gli dei della transenna…decidiamo noi chi passa e chi no….. la gente raccomandata che arriva non fa fila ed entra….e le proteste dei ragazzi “perché lui si?” e ciccio…tu non sei mica figlio di….o nipote del….coppie di anziani….che fino a 5 minuti prima erano…al ristorante…tra cui….bisogna citare “Murena” che è un cognome…tra l’altro….un signore….tondo…che entra ed esce nell’anfiteatro dove Pelù è barricato….più che altro per ostentare che conta qualcosa….ma le murene non sono buone fritte? Mah! Ridiamo come matti….gente che cerca lo scavalco….4 ragazze…una delle quali….avrà 40 anni…e sfiora l’anoressia…ma si svena per Piero…. ha litigato per scavalcare le file durante lo show… dai Piero su questa la devi fare entrare…. pubbliche relazioni tesoro…. è il tuo lavoro… oltre quello di dimenarti sul palco…. mai sentito parlare di promozione?  Piero non si smentisce…. neppure giù dal palco….. in realtà…penso che per lui non faccia differenza su o giù….probabilmente adora l’essere irraggiungibile…idolatrato….insomma….è un po’ quel ruolo che vuole tenere….che lo ha portato anche a discernere dai Litfiba tempo fa…..cose del tipo “io sono io voi non siete un c…zo”…ma come Piero? Mi parli di pace….politica…amore….di ideali….di fratellanza….e poi? 50 persone….ti danno noia? Tanto da non farti vedere…e far arrivare l’organizzazione… tutta costernata a dire….che tu riposi….e non vuoi essere disturbato…e non lascerai l’anfiteatro…se l’ordine pubblico non sarà riportato….alla normalità….ma Piero….dove è finito….lo spirito libero? Te lo sei magnato insieme ai soldi fatti con lo show biz? Piero dai ma come una rockstar sei diventato…mi deludi….(insomma…si fa per dire…..)….tesoro…è l’una e mezza…che dici se andiamo? Che ho te come spettacolo....e mi basta e avanza…vediamo quelle 4 ragazze che vanno via un po’ così….gli hanno detto che Piero esce da un’uscita secondaria e loro ci vogliono provare anche li….ho i miei dubbi....usciamo dalla piazza del Giubileo….quella del concerto….lo spettacolo sta per cominciare….no no…non mi sono sbagliato….nella via centrale del paese….c’è un alfa 156….assaltata da tanti ragazzini…ma no dai non mi dire…che….ma no non può essere….ma dai…non ci credo….E’ luiiiiiiii il mitico Piero…in mezzo alla via centrale….tra le bancarelle….la gente si chiede “Ma chi è???” incredibile….è una star…anche così….assaltato dalle folle…alle quali….lui mica può concedersi….e si concede a tutto il paese quindi…grande Piero…è una trovata spettacolare….dimmi che l’hai pensata….dimmelo ti prego….perchè se non è così….una figura di merda così non la si vedeva da tempi biblici…mmmh mi sa…che hai proprio sbagliato strada….non posso perdermi questo spettacolo….ti inseguo….hai la faccia scura….ti guardo dal vetro della macchina scura anch’essa mille flash…..mi sa che non volevi proprio fare questo eh?....picchietto sul vetro del finestrino…per documentarmi…”Piero ma hai sbagliato strada???” non rispondi…sei concentrato (o imbufalito)….alla guida forse….eh si passeggi…tra carrozzine..e bambini Piero stai attento….bravo hai messo anche la cintura….pensa tu…El diablo che rispetta le regole….questa non me la potevo perdere….pensa se trovi il furbastro Piero….che si fa investire apposta…pensa…che non ti basteranno i soldi dei dischi di platino a pagarlo….povero….sbeffeggiato e deriso…anche dal chitarrista della tua band che dietro guida una punto macchina proletaria e che nessuno se lo fila….al quale chiedo ma ha sbagliato strada? E lui….che si sbellica come un pazzo e dice di si…ho ancora voglia di ridere….ti raggiungo di nuovo…tanto….quella macchina….ha 110 cv ma ora va a due asini….dai Piero prendila sportivamente…lasciati andare….finalmente fai un sorriso e metti le mani tra i capelli….superi un po’ di gente ne trovi il doppio subito dopo….e un sorriso di disperazione….o forse…ti rendi conto…che la gente non è poi così male….ti rispetta…dai….sei tu semmai che rischi di mettere sotto qualcuno…ma se ti fermi….ora…sei fritto non te ne vai più….ti capisco…devi riposare….bere una cosa al bar? Non se ne parla? Dai su basta prese per il culo ora…ci pensa la polizia….ti fa un varco e finalmente sparisci nella notte così potrai riposare….buona notte e lacio drom Piero…cerca di essere più accondiscende con chi ama la tua musica….in fondo….fa la tua fortuna….e ti permette di campare di essa….a 46 anni che vorresti metterti a fare….cerca di capire…che la gente….non è così male…e 50 autografi non slogano il polso…è un consiglio da amico…mi hai sfamato…sono figlio anche delle tue parole….cerca di non farle essere solo parole….andiamo via….ci fermiamo a cercare dell’acqua e a prendere un caffè….un simpaticone gestore di bar…ci liquida…con “la macchina è già pulita…niente caffè!!!” ok c’è modo e modo di dirlo….insomma…e poi come….con migliaia di persone in giro non si servono più caffè? Non conviene? Credi di essere Pelù? E mi sa di si….mi fai pagare una bottiglia d’acqua due euro…più che a Porto Cervo….forse…sei Briatore…mah….troviamo il caffè…..un gelato….e poi a prendere la macchina….ci sono dei metallari….appoggiati che ascoltano della musica a palla…mentre bevono delle birre…probabile non sappiano neanche chi è Pelù…ti vedo un po’ sulle tue spaventata insomma sono tanti….potrebbero rompere le scatole…e invece…la battuta che non ti aspetti….”mi hai spaventato aprendo la macchina a distanza” pure? Ma come eri sdraiato sul mio lunotto….gli dico “ah anche? be scusami non lo faccio più” e scoppiamo a ridere entrambi….i metallari…ma come quelli simpatici sono loro? Il mondo sta cambiano…per davvero….ci sediamo e poi via….anche noi nella notte…..senza scorte…e ancora divertiti…ora in ordine di apparizione….Cameriera odiosa…genitori Tyson…. Piero Pelù…..Poliziotti…sig Murena…..Gestore del Billionaire di Budoni…ma vi posso toccare?...come diceva Totò ma fatemi il piacere….e giù spinta sul braccio….imparate dai metallari….l’umiltà….un sorriso costa poco…..e alla fine….meglio sorridere voi alla gente….piuttosto che la gente rida di voi….ho visto una maglietta all’isola rossa la prima volta che ci siamo stati insieme “DIO C’E’ MA NON SEI TU RILASSATI!!!”  ah la saggezza….che bella cosa at libitum….LACIO DROM

il piatto forte.....

01 settembre 2008 ore 13:20 segnala
“E’ il senso di un’estate che vorrei potesse non finire mai…..”  la mia prima con te nel cuore….quanta fatica ci costa ora aspettare ancora noi….da Alghero a Badesi a San Teodoro….passando per l’Isola Rossa…per Budoni…quante cose vissute insieme sembrano miliardi….come quel nostro universo che le disegna…e ancora ho quello stesso sguardo sognante di te….rubare attimi ormai è diventato il nostro senso….con tutta la pazienza che necessita….quanti sapori forti ha quest’estate…quanta tristezza lasciarti andare….

 

Alghero

 

Ha il sapore di desideri da vivere ingabbiati…tra i miei impegni e  quelli che anche tu avevi preso….da vivere ingabbiati perché quella città come vorremmo ancora non la possiamo vivere….fa soffrire un po’ questo doversi limitare….dover rinunciare alla libertà dell’essere liberi….ma ci vedo tanto…ci vedo…il desiderio di essere lì perché tu eri vicina anche se io quella settimana lavoravo…ci vedo una notte stellata…rubata a far l’amore di fronte al mare….ci vedo l’emozione di cantare per la prima volta a te le mie canzoni che mi faceva perdere la memoria…. ci vedo la tua voglia di farmi conoscere ai tuoi cugini per farmi entrare di più nella tua esistenza più a fondo più dentro le tue cose....

 

Ha il sapore di cromature…note…corde vocali…amplificatori….pannelli insonorizzanti nei quali si perde la mia voce….che canta solo per te….perchè per te…ho cantato l’amore….per dirti anche ora quanto sei importante per dirtelo l’ho inciso perché tu possa saperlo e sentirlo sempre….e scusami se ho messo un velo di tristezza negli occhi tuoi quel giorno….hai ragione non sei una moglie…..sei molto di più…..sei il senso di tutti i giorni miei….e di tutti i sogni miei…e meglio di così non so dirtelo….

 

Ha il sapore di una spiaggia illimitata distante a Badesi…sapore del compromesso cercato per stare insieme noi due al mare che anche gli altri hanno accettato….sapori di chitarre a suonare sulla sabbia trascurandoti un po’ ma alla fine torni sempre tu…ha il sapore…di mare da vivere stretti e densi dentro quelle onde guardando un’orizzonte perso io e la spiaggia tu per vedere se qualcuno osserva incuriosito….e poi si sono fatte onde di passione sulla tua pelle salata…..si sono fatte tesori e cristalli marini….da guardarci attraverso da respirare e assaporare…e vederti così bella e imbarazzata….è stato un nuovo divenire….quanta voglia c’è in noi di pretenderci….mi piace trascinarti in pazzie e voli intensi più o meno inattesi….

 

Ha il sapore della rinuncia del rischio di sembrare troppo egoista con le persone che ti hanno accompagnato solo per stare con me….solo perché….è troppo importante stare insieme….in altre realtà….o solo perché in realtà….importante lo è e basta….

 

Badesi

 

Ha il sapore di campagna di verde e panorama…di strade…che non si trovano ma alla fine…portano a ciò che vorremmo….ha il sapore di notti che vorremmo infinite e mattini assonnati quando mi saluti sulla porta un po’ triste  e sai quanto mi penserai e quanto ti mancherò…ma sai che alla sera io tornerò….ha il sapore di un po’ di sacrificio nel dividermi con ciò che è la mia vita….ha il sapore di una cena romantica a lume di candela….dove ti dico…che davvero ti ho amato più di ogni altra donna che ci sia mai stata e che sei tu ed ora io lo so e tu sai che sono io…

 

Ha il sapore di una mezza giornata al mare insieme e soli noi due…ha il sapore di baci salati…ha il sapore di ombre rubate per fare gli scemi e perché faceva un caldo da sentirsi male….ha il sapore…di te che entri distratta nelle cucine di un ristorante cercando la toilette…ha il sapore di focaccine per pranzo che vado a comprare per prendermi cura di te di noi….per lasciarti al sole….

Ha il sapore di una cena passata….a ridere e sorridere di stereotipi…e di cadute di stile….”amoreeeee ma smack e rismack!!!”  della gente con la puzza sotto il naso e del mio essere un “cinghiale selvatico”….ha il sapore delle lacrime dei tuoi occhi mentre morta dal ridere mi senti delirare su preconcetti “c’erano la bea….la francy…la gabry…ma guarda quello….non ha la cravatta abbinata con le infradito di gucci…ma che gente gira per il mondo….” E giù a ridere come una pazza….dei miei improbabili dialetti….solo per la voglia di sentire l’eco della tua risata….con la dolce ebrezza che quel vino sincero dava….

 

Ha il sapore del sesso….tantissimo…. bellissimo….ma talvolta acerbo…tra noi….e invece altre volte all’unisono….maturazione …tempi e pagine ancora da scoprire da capire col tempo e la base giusta…ma ha anche il sapore del sesso che mi fa la tua pelle il tuo sangue il tuo odore….quel sesso che parte dalla fantasia….dalla mente già prima…di averti sfiorato….semplicemente per averti guardato così bella come sei….ed è un sapore che lascia sempre affamati perchè non basta mai.... 

 

San Teodoro

 

Ha il sapore del viaggio percorso tra i profumi della nostra terra….ha il sapore di malinconia e di racconti per te….ci sei già stata e non insieme a me….ha il sapore….del passato e del presente….ma in fondo tutto fa da spartiacque tra una vita e quell’altra….

 

Ha il sapore di un bellissimo villaggio….tra mare e sole….ha il sapore…di profumi di fiori….e sorrisi….ha il sapore….di noi in piscina….ha il sapore delle foto con gli occhi chiusi…mosse e dai sorrisi devastanti….ha il sapore di una doccia dopo aver fatto l’ennesima volta l’amore….ha il sapore di “da qui non vorrei mai andarmene”

 

Ha il sapore della strada percorsa di notte….di noi che come sempre ci perdiamo….il sapore del concerto…passato con le mie mani in vita strette a fermare un attimo a danzare ondeggiando con lo stesso tempo…lo stesso ritmo…anche del cuore a saltare e cantare a darti baci perché li si fonde la mia passione per la musica con la mia passione per te….la vivo sulla pelle….ha il sapore…di noi che ci infiliamo tra la folla fino ad arrivare vicino al palco….ha il sapore delle foto che torneranno utili per ricordare…ha il sapore di noi che ridiamo del sig Murena che a 70 anni non trova di meglio da fare che andare…a conoscere l’artista….di turno che non sa manco chi è che cosa canta….ma va dentro da VIP perché conosce gli organizzatori

 

Ha il sapore di un gelato fresco e denso e di te che mi pulisci il musino sporco di panna…ha il sapore di una colazione malinconica…in riva al mare….dove lasciamo il nostro cuore…..sperando che diventi un messaggio che arrivi a destinazione……

 

Ora inizia il nuovo anno…..di lavoro e passione…..da percorrere….con una consapevolezza in più…..che se sarà così saporito e ricco….io non potrò più fare a meno di te….anzi….sai cosa…..io già adesso credo di non poterne fare a meno….ti amo da vivere……se ogni istante lontano mi manchi da morire…..

ogni volta.....

08 agosto 2008 ore 11:47 segnala
Qualcosa di te….resta nelle mie mani…il tuo odore…il tuo profumo…il sapore dolce e salato di una sessualità da scoprire alla ricerca di tesori….che scatta negli sguardi dai sorrisi accennati….mi mordo il labbro con gli occhi che sorridono carichi di sensazioni e sai già che cosa voglio da te ma io lo so che cosa tu vuoi da me….come si accende l’interruttore dei sensi….mi sorridi lasciando andare le labbra morbide che creano un sorriso diverso….un messaggio da cogliere….difficile parlare ancora e non averti non prenderti…non pretenderti….quando mi va come mi va….quando ti va e come ti va….abbandonarsi e far vincere l’istinto…questo lasciamo che sia….in baci morbidi e ruvidi….in carezze che si fermano e poi si gettano sulla nostra pelle…inferno e paradiso in un solo lunghissimo istante….abbiamo desideri da chiedere io e te….sempre voglia di bruciare….sta diventando oro e seta da tessere….questa dolce maledetta attesa di te….di attimi da sciogliere e forgiare…plasmare sul tuo corpo….e quando mi chiamerai io sarò con te….su di te….sotto di te….intorno….ovunque sulla tua pelle….passiamo notti lunghe una vita…e al mattino ancora ti ho sulle dita…e mi risveglio ancora affamato di te….che ancora ho voglia di mordere il tuo sorriso….di mangiarti e farmi mangiare….sei il miele….quello che scorre lungo le vene caldo e quello che dà il tuo grembo morbido e accogliente….sei l’acqua di cui….ho mancanza ora….in queste labbra….ti aspetto…mio piccolo enorme oceano di delizie…..per bagnare ancora i miei sensi nelle tue onde lunghe……

Orgosolo.......tra sogno e realtà.....

06 agosto 2008 ore 16:51 segnala
questo è solo quello che abbiamo respirato....nessuna metafora....nessun riferimento solo un "noi ci siamo stati insieme" siamo anche questo vita che scorre....tappe del viaggio.....

 

 

 

Abbiamo visitato insieme un morgana irreale…leggera come una meta turistica ed opprimente come una mentalità chiusa e blindata….siamo passati dall’arte di strada….che in tanti osannano…alle auto che per strada suonano per salutare tutte le persone che conoscono o semplicemente per avvisare te che sei un’ospite indesiderato di spostarti….ci siamo arrampicati come mufloni lungo le strade a zig zag che ti accompagnano a questo luogo….caratteristico…strano…particolare….dove un ragazzo corre con un asinello giù per una discesa terrorizzando una signora anziana senza neppure chiedere scusa e senza neppure girarsi…dove i necrologi sono fatti solo per chi li ci abita…..quindi se è morto “babbo” o “ziu peppe” loro sanno benissimo di chi si parla….per noi era assurdo quasi irrispettoso sorriderci su….ma alla fine vedi la differenza….del vivere senza tempo al quale noi abbiamo la disabitudine….le cose….in certi luoghi non cambiano forse non solo qui….si contraddicono….in quello che quei muri dicono e raccontano….con quello che poi sono gli atti delle persone….le porte sparate a pallettoni….il giro dei sequestri che parte sempre dai malesseri di questa terra e da paesi gemelli ….dove si insegna….che la realtà di vita è solo quella del più forte….dove si osanna chi è “balente” chi vale….ma il valore si lava via col sangue talvolta….quindi quale è qui il valore che uno dà alla vita? mah….camminando per strade in cui gli sguardi di turisti ed indigeni si giudicano…ma non con lo stesso intento….il giudizio lo schernire….diviene poi una risata amara per chi visita non per razzismo ne per chi ci vede qualcosa di sbagliato…solo diverso…. Ma è per lo stupore che lascia….il pensare che ancora l’orologio biologico del cuore di quella terra non riparte…perché le abitudini di quella società sono chiuse blindate in stereotipi e limitate ad una sola prospettiva….ed è difficile emergere….anche per chi ha la mente aperta…..il loro di giudizio è quasi una condanna….tu che vuoi qui? Non appartieni a questo mondo…..non sei di questa terra….che dovrebbe significare questa visita? “Niente….ti dovrebbe solo dire che non mi spaventa una cultura diversa….e se scendessi a valle di quel monte lo sapresti…che il mondo può essere anche altro” scendendo per quel serpente di asfalto sullo strapiombo mentre andavamo via…l’aria si faceva sempre meno opprimente….si faceva sempre più tersa….come la consapevolezza….che da lì uno si porta via….solo quegli splendidi tatuaggi di città….che riempiono gli occhi…e quella sensazione di solitudine che si respira….che te li svuota…un sapore dolce amaro come il miele di cardo…..che svanisce….come un miraggio o un incubo….aldilà delle montagne….nel quale….la fantasia sposa il dolore….nel quale a volte famiglia significa faida….nel quale amore spesso significa debolezza…nel quale….arte significa protesta….e del quale il paradosso è padrone unico ed incontrastato….ma se l’irrealtà svanisce con pezzi di metallo incandescente che attraversano la pelle...le carni….viene da chiedersi "qui tra gioia e dolore….che differenza c’è?"

 

 

il tempo....non ha tempo....

06 agosto 2008 ore 12:20 segnala

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto si ferma….anche il tempo anche se delle volte sembra impossibile avvenga....eppure lì tra quel verde su quelle pietre…tutto è più che immobile….è quasi attonito…e così bello costruire il tempo….quanto ci fa male…quello distanti….ma è soprattutto perché ci piace da vivere quello passato insieme….ieri siamo andati alle sorgenti de SU COLOGONE….siamo arrivati per pranzo….ci siamo fermati in un agriturismo poco prima…lillà e bianco nelle volte….e nei suoi archi….ai piedi del Corrasi….”non posso dare una collocazione temporale a questo posto” hai ragione non di sicuro il 2008….casa tipica sarda….sedie di paglia….tetto in canne….fuori un tino per la vendemmia…una carriola…in legno….ogni cosa sfugge al tempo…così come noi….rilassati…a mangiare…senza che il tempo ci aggredisca…se non per la voglia di vedere tante cose insieme….alla fine…passa…vincerà lui…perché stamane è arrivato….e dobbiamo lasciarci andare nonostante mai vorremmo…ma quando siamo li….il tempo è nostro….ravioli….maccarone de bocciu…e porcetto arrosto…vizi e virtù della nostra terra....con un piede nella tradizione e uno nel presente….nei due euro…che si pagano per l’ingresso alla fonte….contraddizioni di un mondo che va avanti…di un tempo….che scorre…..ma tra quelle montagne di verde foglia e pietre di calcare grigio….si respira ancora l’aria del nostro mondo….un posto nuovo da visitare insieme….in questo viaggio che ingoia aria fresca acque limpide e va avanti….bagni i tuoi piedi….nell’acqua gelata che arriva dal cuore di quella terra sconosciuta….elettrizza un po’ no?….ti piace amore? Questi sono i sogni che mi passano per la testa….farti vedere qualcosa…di meraviglioso….semplicemente per poter godere del tuo sorriso….della tua serenità….li tra rocce e sorgente sgorga quella dolce sensazione di te…..ormai radicata….in questo cuore…in questa vita….mi parli di vita e ti parlo di vita….tutto è cambiato e non solo lì e non solo per un giorno….è un divenire…..diverso….una prospettiva diversa anche come marinaio al timone della tua nave mentre solco i tuoi mari ne ricerco altre.....nuovi posti e nuovi porti da vivere con te il mio sorriso non è fiero orgoglio maschile ma la gioia di una scoperta di un tesoro che neppure tu conoscevi...è la voglia in ogni momento di cercare quel tesoro in tutte le cose della vita per avere una dimensione solo nostra da visitare e rivisitare….sconosciuta, nuova…consapevole che non è mai stata così….e non sai quante altre volte cambierà….è questo il bello….di un qualcosa che non si conosce….scoprirlo….e scoprire….che può sempre essere diverso insieme a te…così solo per non essere mai scontata abitudine….ieri abbiamo viaggiato insieme arrivati insieme a quei luoghi….e continuiamo a farlo….con giorni diversi….perchè fermarsi ad uno uguale a ieri sarebbe far passare il tempo su di noi sulle nostre vite.…ma questo è il nostro tempo….lo sceglieremo, gestiremo….e inchioderemo a sorrisi che tradotti dal sulcitano al sassarese ancora hanno la gioia rilassante del nostro tempo…. il dialetto del capirsi tra di noi conoscendoci sempre un po’ di più…e li che vive la nostra vita insieme….e lì nella nostra vita insieme che ritorneremo ogni volta che vorremo rubarci un po’di tempo dalle ansie di quelle da vivere a metà da soli ora….è in te che cercherò il tempo che mi mancherà….e trovarlo non mi sembrerà mai tanto bello…..e chissà che prima o poi….non lo debba più cercare….semplicemente perché…mi basterà guardare l’orologio a parete della nostra cucina….

 

PS: il destino…..è qualcosa….di assurdo….è l’assoluto nell’infinito…un copione che quasi sempre stupisce nel bene e nel male...…ti faccio una domanda…..ma ti sei chiesta perchè il mio orologio….si è fermato proprio ieri…???  Coincidenze……

Inno a Iside....

01 agosto 2008 ore 08:04 segnala

Perché io sono la prima e l’ ultima
Io sono la venerata e la disprezzata,
Io sono la prostituta e la santa,
Io sono la sposa e la vergine,
Io sono la madre e la figlia,
Io sono le braccia di mia madre,
Io sono la sterile, eppure sono numerosi i miei figli,
Io sono la donna sposata e la nubile,
Io sono Colei che dà alla luce e Colei che non ha mai partorito,
Io sono la consolazione dei dolori del parto.
Io sono la sposa e lo sposo,
E fu il mio uomo che nutrì la mia fertilità,
Io sono la Madre di mio padre,
Io sono la sorella di mio marito,
Ed egli è il mio figliolo respinto.
Rispettatemi sempre,
Poiché io sono la Scandalosa e la Magnifica

 

Rinvenuto a Nag Hammadi, Egitto; risalente al III-IV secolo a.C.:

e speriamo che sia un buon viaggio (lacio drom)

01 agosto 2008 ore 07:38 segnala

La strada che non ha strisce
sarà la rotta sotto questa luna
coi suoi problemi e coi suoi compromessi
e che ogni volta non ritrovi mai la stessa

 

La strada che non finisce mai
senza piedi userò le mie mani
e tutta l'arte di un equilibrista
per trovare un altro mondo
per noi due... noi due

 

Ti porterò nei posti dove c'è del buon vino
e festa festa fino a mattina

 

per due come noi abituati a stare sulla strada fino alle 5 di mattina in quest'anno di viaggi...solo per mostrarci i posti dove il vino è più buono....la festa è nella testa...ed anche nel cuore....abbiamo un isola da percorrere per trovare la nostra isola felice....abbiamo fatto strade sotto la luna e sotto il sole....tra le braccia di Iside sposa e madre protettiva e protettrice dei naviganti....di chi viaggia insomma e non si sente mai orfano e naufrago....stanco forse....ma la bussola punta sempre a nord delle gambe.....verso il cuore....verso il nostro stupore....verso quel Ti Amo oggi...che sottintende il domani....e che ci da una direzione....hai mai viaggiato per dove sognavi? si lo sto facendo...anche ora..... 

 


 

viaggio....il nostro

01 agosto 2008 ore 07:23 segnala

viaggiare insieme
e’ come un tango
come strade che si incrociano
un po’ d’asfalto
un po’ di fango
per due vite che si sfiorano…

Cercano…

viaggio verso qualche cosa
che e’ gia’ dentro di noi
dentro gli sguardi e dentro le parole
siamo passeggeri
per non so ancora dove

parlare insieme
e’ come un
viaggio
e’ come suono della nostra libertà
da qualche parte
in cima all’everest
un passo dopo l’altro in avanti

viaggio verso qualche cosa
che è già dentro di noi
dentro gli sguardi
e dentro le parole
siamo passeggeri
per non so ancora dove

stiamo un viaggio
in un mondo selvaggio
che ci assomiglia un po’

viviamo senza risposte
in altre direzioni
e siamo sulla strada

e aspettiamo qua fuori
ha mai trovato quello che volevi?

sei mai partita per dove sognavi?
hai mai guardato dove nascono i venti?
Dentro gli sguardi
e dentro le parole
siamo passeggeri
verso il nostro stupore…

Volaaa….