Perchè è così difficile accettare chi è diverso da noi?

26 agosto 2012 ore 19:44 segnala


penso che ci siano diversi fattori chiave per il non esser ingrado di accettare gli altri: Non ci sentiamo in grado di confrontare le nostre usanze,opinioni,l'aspetto con quello di chi ci è diverso in quanto,appunto,sono troppo diversi. Siamo abituati a vivere assieme a persone che ,tutto sommato, vivono nelle nostre condizioni di vita e di mente con le quali è facilmente possibile condividere il nostro pensiero;con "il diverso" non è possibile. Nel " diverso" è quasi impossibile che una persona riesca ad impersonificarsi e quindi questo la allontana

Spesse volte la diversità viene interpretata come inferiorità e/o superiorità rispetto a noi e dunque l'essere umano tende a non accettare chi è diverso da lui stesso. ci arrestiamo davanti al l' apparenza senza indagare in profondità come si dovrebbe.In questo mondo dove solo l' apparenza conta non si perde il tempo per conoscere il "diverso"ma lo si giudica con aria di superiorità ed alterigia,creando così un' immagine nella nostra mente di inaccettabilità e di intolleranza. Le differenze caratteriali sono riscontrabili già fra noi stessi.In quanto alla cultura sarebbe bene aprire gli orizzonti,per allargare la nostra mente e farci comprendere quali sono le differenze.L' interpretazione della vita é qualcosa di individuale,e no ha nulla a che vedere con il colore o la religione o lo stato di provenienza,ma esclusivamente con le esperienze di vita,pura educazione, da piccoli le cose familiari (nel senso di vissute) ci danno sicurezza e rendono il nostro mondo bello perché teniamo tutto sotto controllo. le cose diverse, appunto non familiari, minano la sicurezza e ci pongono dei dubbi, iniziamo ad aver paura perché riflettiamo su cose che prima non prendevamo in considerazione, più facile ignorare che riflettere.WEB


Dipende dalla mentalità delle persone. Non tutti sono in grado di arrivarci, purtroppo:rosa
47697d0c-6f06-4edc-b55c-a299121ceb44
« immagine » penso che ci siano diversi fattori chiave per il non esser ingrado di accettare gli altri: Non ci sentiamo in grado di confrontare le nostre usanze,opinioni,l'aspetto con quello di chi ci è diverso in quanto,appunto,sono troppo diversi. Siamo abituati a vivere assieme a persone che ,...
Post
26/08/2012 19:44:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    15

Esistono anche personaggi nel mondo virtuale?

23 agosto 2012 ore 17:47 segnala

c'è l'adorabile,maleducato, abile, maldestro, affettuoso, bugiardo , astuto, burlone, ingenuo , chiacchierone ,negligente, stupido, nervoso, bizzarro, strano, superficiale, agitato, rumoroso, ostinato, ottimista, affascinante, originale, briccone, orgoglioso, coraggioso, pigro, curioso, educato, paziente, discreto, pessimista, divertente, prudente, dolce, riflessivo, sognatore, entusiasto, riservato, romantico, sensibile, stordito, simpatico, birichino, eccentrico, temerario, burlone, tenace, testardo, franco, timido, generoso, vanitoso, geniale, spaccone, gentile, vivace, onesto, violento, geloso, menefreghista, ipocrita, impulsivo, giocherellone, intelligente, lasco, indeciso, lunatico, dolente, leale, etc.:-)

mi chiedo,se una persona può avere due facce del carattere? Se leggi "uno nessuno o centomila"di pirandello capirai che ognuno di noi ha diverse maschere a disposizione e non perchè uno sia falso ma perchè cambiamo a seconda di chi troviamo davanti e in base al rapporto che abbiamo, una persona può compostarsi con della gente in un modo e con altra gente in un'altro modo :mmm l'importante è riuscire a controllarsi, capire quali sono le cose che non ti piacciono e tentare di cambiarle. Ma avere "due facce" o, cadere spesso in contraddizione non è normale! "dovremmo pensare un po più ai sentimenti degli altri prima di fare o dire qualcosa che possa offendere qualcuno"

Carissime, Carissimi, un saluto affettuoso a tutti voi!
:kissy :kissy :kissy :kissy
Sofia
d00f3301-2935-472d-8c0c-df6b280df792
« immagine » c'è l'adorabile,maleducato, abile, maldestro, affettuoso, bugiardo , astuto, burlone, ingenuo , chiacchierone ,negligente, stupido, nervoso, bizzarro, strano, superficiale, agitato, rumoroso, ostinato, ottimista, affascinante, originale, briccone, orgoglioso, coraggioso, pigro, curios...
Post
23/08/2012 17:47:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Quale effetto vi fa essere insultati da gente virtuale?

20 agosto 2012 ore 18:40 segnala

Ho visto che volano insulti e offese da gente virtuale su questo sito...:many :many La gente che insulta, offende, fa illazioni fuori da ogni logica, è virtuale solo in quanto anonima, ma la piccineria che dimostrano è del tutto reale. Costoro, anche a conoscerli di persona, manterrebbero tutte le loro sgradevolezze, la volgarità e la maleducazione che li connota.Qui, scatenano le loro frustrazioni, l'astio, l'invidia, scaricano il peggio di sé, danno un'immagine del mondo in cui si muovono, dove non c'è rispetto per l'altro, né dignità, né educazione.

Nel virtuale è più facile trovare gente che parla a vanvera, che offende, che urla, che strepita, che ........insomma, ammetto anch'io che certi comportamenti, fatti nel virtuale, fanno più male che nel reale. Non sappiamo chi è dall'altra parte :haha
Non conosciamo il tono della sua voce, Non sappiamo se sta sorridendo o se è veramente arrabbiato e tutto questo inquieta, anche perchè non tutti sanno scrivere. Molti scrivono malissimo e quindi le emozioni negative che trasmettono sono ancora più violente. Il virtuale si ha sempre meno consapevolezza. Si crede che gestirlo meglio, comodamente da casa dove si è intoccabili, tutt'altro che vulnerabili.Ma, in realtà, può far più male del reale proprio per la nostra incoscienza con la quale la smanettiamo, perchè il virtuale tante volte è più falso di quello reale molto più difficile da smascherare...non sai mai chi cè dietro la facciata di un nick.
DAL WEB
a me diverte :-) sono persone che non sanno niente di te e però cercano di insultarti, anzi piu che divertire mi fanno un pò pena, non sanno di cosa parlano non ti hanno mai visto ma ci provano nella speranza di trovare un punto dove colpire :gun

545104b5-96ab-402e-b373-28aed7f2877c
« immagine » Ho visto che volano insulti e offese da gente virtuale su questo sito...:many :many La gente che insulta, offende, fa illazioni fuori da ogni logica, è virtuale solo in quanto anonima, ma la piccineria che dimostrano è del tutto reale. Costoro, anche a conoscerli di persona, manterreb...
Post
20/08/2012 18:40:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    19
  • commenti
    comment
    Comment
    29

Quando viaggiare su Internet diventa un'ossessione.

11 agosto 2012 ore 19:31 segnala


Chat, community, forum: spazi virtuali dove un popolo di esploratori della rete, che va dai bambini agli over-60, si "incontrano" si conoscono, si corteggiano e si sfidano a colpi di parole, emoticons e acronimi.

Popolo di navigatori il nostro, si sa, e infatti molti gli italiani che vestono i panni di cybernauti (circa 14 milioni le persone che hanno navigato almeno una volta nel mese di maggio secondo dati Nielsen/NetRatigs).

Capita però che per alcuni lampeggi l'allarme rosso dell'internet addiction, quando andare su Internet diventa una droga cui non si sa rinunciare. "Periodi transitori, fino a qualche mese, di grande entusiasmo e frequente utilizzo sono considerati normali: è la cosiddetta malattia dei novellini, una short addiction non preoccupante", spiega Claudio Mincacci, direttore dipartimento Psichiatria Fatebenefratelli di Milano "diventa vera addiction quando il comportamento è compulsivo, se c'è la spinta irrefrenabile all'utilizzo del virtuale, tanto da sacrificare il sonno, gli impegni, il lavoro, le relazioni significative. È una dipendenza come bere, spendere, giocare. Il meccanismo è lo stesso: l'utilizzo dello strumento agisce sui neurotrasmettitori, sulle dopamine, attivando il circuito della gratificazione".

Trasversale il cybersesso. "Le cyber relazioni tra adulti, quelle che vanno avanti via e-mail o sulle chat, sono pericolose se e quando finiscono per ridurre in modo significativo la vita di relazione reale", precisa Mincacci.

È questo il punto: l'utilizzo della rete diventa pericoloso quando non c'è un'altra realtà con cui entrare in rapporto.
Se la relazione con il mondo non è ottimale o è assente, Internet può diventare un sostituto, una compensazione, la realtà che si vive è solo quella della rete ed è psicotizzante.
Può essere un modo molto semplice, per chi ha già problemi di relazione e di solitudine, di simulare la realtà, idealizzando le figure e le situazioni virtuali e cadendo nella dipendenza. Se poi dal virtuale una cyber-relazione adulta si sposta sul piano della realtà è un'altra storia.

"Le relazioni che da virtuali diventano reali sono generalmente di breve durata, ma nel futuro avverrà sempre più spesso, la tendenza indica, infatti, un incremento esponenziale di coppie reali formatesi nel cyberspazio", assicura l'esperto.



Pericolosi per la dipendenza i giochi di ruolo online, molto diffusi: ci si identifica talmente nel proprio "personaggio" da sacrificare impegni e affetti.
Come per il trading online, il giocare in borsa via Internet o l'information overload, la ricerca spasmodica di informazioni.
In realtà "anche nelle persone più timide e riservate l'utilizzo della comunicazione online può esser positiva, sempre a patto che non sostituisca la realtà", precisa Mincacci che conclude: "il virtuale non va demonizzato anche perché piace molto al nostro cervello, che stabilisce con il computer il cosiddetto "secondo sé", una sorta di protesi psichica, con cui si ampliano le esperienze, grazie al quale si ha un più facile accesso a mondi prettamente sensoriali".
DAL WEB

Io ho conosciuto e visto di tutto, dagli psicopatici alle persone ossessionate ai depravati e a quelli che si creano una seconda personalità sulla chat, quello che vorrebbero essere ma non sono e poi dulcisi in fundo quelli che han fatto della chat e dei blog la loro vita che le ritengono cosi importanti da non poter stare senza ..... voi che ne pensate? che tipo siete?:haha



Buon fine settimana carissimi
:kissy :kissy
8d652515-5234-4a10-8b97-c4b30b2161e9
« immagine » Chat, community, forum: spazi virtuali dove un popolo di esploratori della rete, che va dai bambini agli over-60, si "incontrano" si conoscono, si corteggiano e si sfidano a colpi di parole, emoticons e acronimi. Popolo di navigatori il nostro, si sa, e infatti molti gli italiani c...
Post
11/08/2012 19:31:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    32

Ciò in cui credi, dipende dall'Emozione.

06 agosto 2012 ore 17:32 segnala

Confrontare le proprie opinioni con gli altri è un sistema eccellente per far venire alla luce alcuni concetti di cui solitamente siamo all'oscuro. Per prima cosa si nota che non tutti ragionano come noi; in secondo luogo che ognuno tende a mantenere la sua visione. Non importa quanti argomenti si riusciranno a portare a sostegno della propria tesi, nella maggior parte dei casi chi pensava in un certo modo insisterà, continuando ad omettere tutti quei particolari per lui disturbanti. Quando si ha una teoria, si farà di tutto per confermarla. Non importa se ci saranno elementi che la rimettono in discussione, la ragione è come un topolino che si muove in un labirinto da cui non si può uscire; continuerà a fare gli stessi percorsi all'infinito, perchè se non avrà elementi freschi dall'esterno il risultato non cambierà.Provate ad ascoltare i discorsi che vi fanno le persone, specie quando si discute di un piccolo errore economico, un dolore improvviso, cose non drammatiche comunque. Vedrete che per ogni fenomenoarriverà puntuale la spiegazione della causa che lo ha generato.

Questo è molto interessante, apparentemente tutti sanno tutto; sanno che hanno preso il mal di gola perchè c'era uno spiffero, ma non si sa perchè lo hanno preso solo loro. Sanno perchè gli è venuto un dolore alla spalla, ma solo a loro e senza che facessero nulla di diverso dagli altri. Così inizieranno a trovare altre ragioni: improbabili movimenti, il sistema immunitario ecc.La cosa più intrigante è che nessuno riesce a prevenire nulla, si riesce solo a trovare le motivazioni a posteriori, utilizzando le informazioni già presenti nel loro magazzino dati. Una volta una signora mi disse che quel giorno le era venuto male ad un braccio perchè la settimana prima aveva spostato un mobile. Le cose che pensate e le emozioni che provate, una volta combinate insieme creano la vostra convinzione. E le convinzioni sono quelle che si realizzano inevitabilmente. Non dovete attivarvi contro il vostro ambiente circostante, dovete cambiare ciò in cui credete. Tutti gli aspetti che ci riguardano devono essere ricondotti a qualcosa di conosciuto e solo quello per noi sarà reale, anzi è la nostra convinzione a plasmare la nostra realtà.

Shahruz Rouholfada
85c9eaca-7390-46eb-a075-afde0426e1ad
« immagine » Confrontare le proprie opinioni con gli altri è un sistema eccellente per far venire alla luce alcuni concetti di cui solitamente siamo all'oscuro. Per prima cosa si nota che non tutti ragionano come noi; in secondo luogo che ognuno tende a mantenere la sua visione. Non importa quanti...
Post
06/08/2012 17:32:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    14

Amori virtuali

31 luglio 2012 ore 17:28 segnala


Ragazzi svegliatevi! queste sono le due piccole parole che mi vengono in mente dopo leggere tante delusioni sui rapporti nati su internet. Non credo ci sia qualcosa di male nel conoscere gente nuova tramite il web ma, come al solito, in moltissimi casi si perde di vista che il mezzo usato non ti permette di guardare negli occhi chi ti dice che ti ama. Per guardare negli occhi intendo avere accanto la persona per poterne sentire la veridicità che una webcam non può trasmettere. Una delle domande più comuni è: 'ci conosciamo bene perchè ci parliamo da molti mesi (sempre sul web o, nei casi più fortunati, al cellulare) ma non riusciamo mai ad incontrarci di persona... eppure mi ama tanto...



secondo te ci sarà l'incontro?'. Giri le carte e ti ritrovi a dover comunicare che, molto probabilmente, l'incontro non ci sarà perchè non è poi così vero che la conoscenza sia così approfondita. Le cose non stanno sempre per come noi pensiamo di conoscerle. Se uno mi dice che è libero e lo trovo sempre in internet perchè dovrei pensare che nell'altra camera ha coniuge e figli che trascura per stare tutta la sera attaccato al computer? Mi ha detto che è libero e non ha motivo per mentire... siamo sicuri? :mmm Oppure può essere che passi la nottata ad 'amare' tanti amori sparsi per il mondo. Oppure può essere che abbia una fidanzata che neppure immagini come passa le serate il suo uomo dopo averla riportata a casa. :haha Oppure... le situazioni possono essere veramente tante ma, di fatto, cosa otteniamo nel farci prendere così da questi rapporti? Quasi sicuramente che non sentiamo più il bisogno di uscire di casa per incontrare persone nuove dal vivo e che, nella maggior parte dei casi, ci creeremo una dipendenza peggio di quella del fumo o dell'alcool. Un vecchio detto recita: "quando l'amore c'è, la gamba tira il piè" che, tradotto, vuol dire che se amo realmente una persona ho bisogno di vederla, toccarla, sentirla e di condividere i momenti magici che l'amore può offrire. Può essere che un grande amore possa nascere da una mail ma per viverlo realmente occorre ritornare nel mondo reale,ma la cosa principale e non giocare con i sentimenti degli altri! :rosa
Dal web
0a5233ea-db2c-4ac6-87f0-01b4755a615e
« immagine » Ragazzi svegliatevi! queste sono le due piccole parole che mi vengono in mente dopo leggere tante delusioni sui rapporti nati su internet. Non credo ci sia qualcosa di male nel conoscere gente nuova tramite il web ma, come al solito, in moltissimi casi si perde di vista che il mezzo ...
Post
31/07/2012 17:28:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    14

cosa accadra' nel futuro?

21 luglio 2012 ore 17:41 segnala

Si è appena concluso il secondo millennio, cosa succederà nei prossimi mille anni? Come sarà il mondo nel tremila? Non è facile rispondere ad una domanda del genere anche perché il futuro del nostro pianeta potrebbe essere condizionato da eventi imprevedibili (ancorché per nulla improbabili), come ad esempio la diffusione di un virus sconosciuto che provochi una mortale epidemia in tutta l’umanità, oppure una guerra nucleare su larga scala che crei un mondo radicalmente diverso da quello che sarebbe senza il verificarsi di una tale tragedia, o la caduta di un meteorite di grandi dimensioni. Rispetto a questi eventi catastrofici ci dovremmo aspettare una profonda alterazione della nostra società le cui conseguenze potrebbero anche essere irrimediabili. Ma se la vita dovesse continuare sulla strada tracciata negli ultimi tempi, magari ad un livello più elevato e ad un ritmo più sostenuto, cosa si dovrebbe aspettare l’umanità entro il 3000? :rosa
DAL WEB
Spero nulla di grave. Spero nessuna catastrofe naturale o umanitaria,perche,visto quello che viene fatto vedere in tv,i rischi ci sono. Spero questo clima non aumenti di continuo e si possa risolvere il problema delle migrazioni,della desertificazione del pianeta,della povertà e del terrorismo.
Se tutto ciò verrà risolto,potremmo continuare serenamente anche in futuro,anche meglio di come viviamo ora.
248b5841-be4f-44ed-8a69-9b37f4bdf231
« immagine » Si è appena concluso il secondo millennio, cosa succederà nei prossimi mille anni? Come sarà il mondo nel tremila? Non è facile rispondere ad una domanda del genere anche perché il futuro del nostro pianeta potrebbe essere condizionato da eventi imprevedibili (ancorché per nulla impro...
Post
21/07/2012 17:41:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    12

Come riconoscere un IPOCRITA.

16 luglio 2012 ore 18:20 segnala
Vorresti sapere se mente o dice il vero, ma non sai come fare; vorresti sapere qual'è il metodo per smascherare anche il più furbo dei menzogneri ma nessuno te lo ha mai spiegato. Ebbene, con questa guida capirai come si fa a capire se di fronte a te c'è un onesto o un disonesto, una persona veritiera o un ipocrita bello e buono.


1 Per prima cosa, sappi che non è così facile scovare l'ipocrita ma con un buon allenamento chiunque può riuscirci. Altrettanto vero è che, non per forza, se una persona presenta tutti questi comportamenti è da considerarsi un bugiardo: in molti dei casi è solamente spaventato o incerto. Per capire se una persona dice o no il vero, dovrai soffermarti in particolare sulle azioni e sui comportamenti che ha nel momento in cui egli/ ella risponde a una domanda. Nessuna azione del menzognero è fatta a casaccio, ma per ognuna c'è una spiegazione razionale. Il difficile nell'individuare tutte queste caratteristiche è che, nella maggioranza dei casi, il soggetto, presunto ballista le farà tutte contemporaneamente; pertanto, occhi e orecchie ben aperti.



2 l viso:La faccia è un punto cruciale da osservare, in quanto qui si sviluppano un sacco di emozioni che non è possibile controllare del tutto. La persona impaurita, tesa, nervosa è meno capace di controllare le proprie emozioni e pertanto, il viso, risulta un vero e proprio specchio dell'interiorità. Tic o espressioni ncontrollate dei muscoli facciali, ti mostreranno che c'è una netto contrasto tra quello che c'è dentro il tuo analizzato e quello che invece questo vuol mostrare di essere. Anche un sorriso può essere falso, perché, proprio rifacendoti ai musoli facciali, avrai modo di vedere in chi mente un sorriso meno largo, meno felice: in quanto il sorriso - quello vero - viene controllato da un muscolo presente nello zigomo e quindi muove tutta la faccia. Se una persona non ti guarda in faccia, fai molta attenzione a dove posa gli occhi, potrebbe istintivamente indicarti l'oggetto della sua bugiardaggine.


3 Le mani:Un'altro aspetto fondamentale da guardare, sono le mani. Le mani che si muovono freneticamente, che stringono con forza oggetti come fogli di carta o che impugnano un cellulare nella tasca del giubboto sono proprio le mani di un menzognero. con le mani noi siamo soliti dare tantissime informazioni significative, basti pensare a quando gesticoliamo o al linguaggio dei gesti per le persone sordo-mute. Di fatto, colui che dice una bugia non ti darà modo di vedere grandi movimenti degli arti superiori, perché in questo modo è minore la possibilità di esprimersi e di lasciarsi andare, quindi, di sbagliare.

4Le gambe e i piedi:Forse ti sarà capitato di dire qualche bugia, e ci avrai fatto caso: le gambe e i piedi compiono dei movimenti strani. Come detto nel passo precedente, il corpo mostra spesso un conflitto tra ciò che si vuole esternare e la realtà effettiva delle cose: questo disaccordo negli arti inferiori è davvero molto evidente. Gli arti inferiori, devi sapere, che essendo meno mobili di quelli superiori anche perché meno volte ci capita di utilizzarli, tendono a essere meno controllabili e quindi mostrano nettamente che una persona sta dicendo una falsità. Se, per esempio, una persona accavalla le gambe mentre gli parli, oppure gira i piedi senza accorgersene verso la porta o un' altra via d'uscita vuol dire che non vorrebbe trovarsi in quella situazione, anzi che vorrebbe fuggire da li. Potrebbe, questa sensazione sgradevole, manifestarsi anche col movimento dei talloni all'insù come fanno i velocisti alla partenza, oppure col movimento incontrollato di un piede che si porta in alto come a sollevarsi da terra, proprio nel desiderio di scappare via.


5La voce:É un ottimo canale di trasmissione del linguaggio e da modo di percepire, sottilissimi cambiamenti interni che evidenziano una diversità tra ciò che si pensa e ciò che si dice: Se la voce è troppo acuta, o troppo grave; Se la voce è troppo alta o troppo sommessa; Se le voce è metallica o vibrante; Allora è il caso che cominci ad avere qualche dubbio. Le parole poi, vengono espresse velocemente, tagliando le frasi e omettendo il significato; oppure, si interloquisce lentamente, associando le frasi, ad esempio a un sorriso a 32 denti, proprio perché si vuol mostrare felicità, una felicità troppo ostentata e quindi non sincera

6 Concludendo: Ricordo un telefilm in cui il detective affermò verso colui che era sospettato di omicidio:" sei stato tu ad uccidere tua moglie " e lui,fermo, un po' nervoso disse che il detective non poteva permettersi di insinuare tali calunnie, che erano solo sciocchezze, ma restò lì e non si mosse. Questo è un classico, evidente segnale di lestofanza. Una persona che sa di essere nel giusto, quando ascolta un qualcuno che, invece,afferma il contrario ha spesso attacchi d'ira, rabbia impulsiva: questo, perché, in realtà, prima si muove il corpo e poi la bocca.
DAL WEB

:haha :haha Buona settimana carissimi!! :kissy :kissy
f7eb6d8b-fbeb-4c48-a33d-bb3827d6c83c
Vorresti sapere se mente o dice il vero, ma non sai come fare; vorresti sapere qual'è il metodo per smascherare anche il più furbo dei menzogneri ma nessuno te lo ha mai spiegato. Ebbene, con questa guida capirai come si fa a capire se di fronte a te c'è un onesto o un disonesto, una persona...
Post
16/07/2012 18:20:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    19

forse il virtuale non è poi così tanto virtuale?

07 luglio 2012 ore 18:34 segnala


Mi sono soffermata a pensare questo...Premetto che il post non è indirizzato a nessuno in particolare, ma è solo un mio pensiero. -In internet sono solo i nostri corpi ad essere occultati. I nostri sentimenti non lo sono. Pertanto, possono essere coinvolti, sollecitati o feriti. Io spesso invidio chi afferma di vivere internet con estremo distacco e di considerarci solo delle figurine virtuali non dissimili da quelle degli album Panini, solo che queste parlano ed esprimono opinioni. Li invidio perchè sicuramente vivono meglio questo luogo, senza che nulla li inquieti o li ferisca-
DAL WEB

Per quanto mi riguarda, non vi vedo come una nuvola virtuale, ma come delle persone ..come lo sono io nel mio quotidiano. Quindi mi dispiace quando alcuni litigano e si feriscono a vicenda con guerre virtuali e non solo tra i blogger...non possiamo farci niente..ma almeno quelli di noi che hanno educazione e rispetto, continuiamo a trattarci in tale modo anche se certa gente non merita nemmeno rispetto ma la pazienza è già vittoria! A me dispiace perchè di problemi già ce ne abbiamo tanti nel reale allora perche accumularceli sti guai anche qua e farci nemici? :-(
745489dd-8598-4e3c-af9a-de3315eb7bb4
« immagine » Mi sono soffermata a pensare questo...Premetto che il post non è indirizzato a nessuno in particolare, ma è solo un mio pensiero. -In internet sono solo i nostri corpi ad essere occultati. I nostri sentimenti non lo sono. Pertanto, possono essere coinvolti, sollecitati o feriti. Io s...
Post
07/07/2012 18:34:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    15

perchè nascondere l'età?

02 luglio 2012 ore 16:30 segnala


si nascondono i segreti, si nascondono le vergogne, si nascondo i peccati. perchè allora perchè certa gente nasconde la propria età? e perchè la società le incita a tenere segreti i loro anni? "non si chiede l'età alle persone", s'insegna ai bambini educati. Ma perchè? forse perchè la vecchiaia viene percepita come qualcosa di disdicevole, di cui vergognarsi? :-)))
DAL WEB


Mentire sull' età mi sembra veramente ridicolo, visto che la verità viene sempre a galla, non puoi nascondere la tua età. Immagina la figura di poca serietà e di immaturità che faresti nei confronti delle persone con cui ti relazioni. 0:-) Non è assolutamente una bella idea, i 50 anni sono pallosi e tristi...Ma non condivido il motivo di mentire! Mentire anche su queste cavolate è sbagliato!A me hanno dato anche 10 anni di meno, fisicamente ecc...Nessuno mi darebbe 59 anni, e in molti aspetti ho la freschezza mentale di sorridere alla vita, sono felice e non ho bisogno di crearmi UNA VITA STRAORDINARIA dietro un pc! :-)


Buona settimana carissimi!
Sofia:kissy
3ae166ab-5509-4853-b144-27746056829a
« immagine » si nascondono i segreti, si nascondono le vergogne, si nascondo i peccati. perchè allora perchè certa gente nasconde la propria età? e perchè la società le incita a tenere segreti i loro anni? "non si chiede l'età alle persone", s'insegna ai bambini educati. Ma perchè? forse perchè l...
Post
02/07/2012 16:30:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    23