Tra leggenda e realtà

19 settembre 2014 ore 14:13 segnala


Quando ero bimba spesso mia madre mi mandava a dormire a casa della nonna ,. mia nonna per farmi addormentare non mi raccontava favole ma delle antiche leggende veneziane che viaggiano tra realtà e mito.
Vi voglio raccontare quella del pescatore e la sirena una bellissima storia d'amore.Narra la leggenda che un pescatore di nome Orio pescando di notte al largo di malamocco tirando su la rete sentì una dolce voce "liberami e non avrai a pentirtene"il povero Orio spaventatissimo quasi cadde dalla barca .vide spuntare dalla rete una bellissima ragazza che chiedeva di essere liberata, "scusami non volevo spaventarti"-nella mia condizione dovrei io a essere preoccupata.Orio cominciò subito a fare domande-cercando di darsi un contegno-mentre la liberava dalla rete" che ci fai in acqua a quest'ora della notte?"-le chiese-non sarai mica una strega caduta dalla scopa??."Oh no , mio giovane amico-rispose lei
molto semplicemente sono una sirena.Il mio nome è Melusina"gli disse mostrando la sua bellissima coda.Orio sorpreso ma incantato si innamorò perdutamente.Continuarono a parlare fino al sorgere del giorno e cominciarono ad incontrarsi tutte le notti in una spiaggia li vicino.Orio aspettava la sua sirena nell'acqua bassa della riva, lei non si faceva aspettare e gli riempiva la rete di pesci in pochi minuti , al mattino alla fine dei loro incontri Orio chiese a Melusina più volte di averla in moglie, lei si era dichiarata lieta di rinunciare alla libertà del mare e acquistare un paio di gambe.L'unica cosa che chiese al suo Orio era che il sabato fino al giorno del matrimonio lui non si facesse vedere.
per un po' il pescatore prestò fede al patto, ma un sabato non resistette si presentò al solito posto e al posto della sua Melusina , c'era una grande serpe di mare , che lo fece scappare a gambe levate .Dall'acqua sentì provenire una voce "sciocco perchè sei venuto anche oggi? ti avevo ben detto di non venire di sabato:in quel giorno sono costretta a trasformarmi in serpente per un maleficio.Ma se tu mi sposi io rimarrò sempre bella come mi conosci".
E così fu si sposarono e la loro unione venne benedetta da tre figli.. ma un brutto giorno Melusina si ammalò gravemente e morì , chiese di essere sepolta nel luogo dove si erano conosciuti e così Orio fece.Nei giorni seguenti Orio disperato non sapeva come destreggiarsi tra lavoro e figli , ma con sua sorpresa la casa e i bimbi erano accuditi e curati
Un giorno rincasando prima del solito trovò una grande serpe in cucina , prese l'accetta e l'uccise , mostrando a tutti i vicini che pericolo avevano corso i suoi figli.Ma dopo l'uccisione del serpente la casa e i figli erano lasciati a se stessi.. così Orio capì che la serpe era la sua Melusina ,e che l'aveva uccisa definitivamente.
Narra ancora la leggenda , che ha Venezia imboccando il sottoportego dei preti e voltandosi a guardare a destra sopra la vostra testa vedrete un cuore di mattone infisso nella sommità dell'arco,li c'era la casa dei due sfortunati sposi ,il cuore è un portafortuna e se due innamorati lo toccano insieme il loro amore è destinato a durare in eterno.E se una persona solo esprimerà un desiderio d'amore con la giusta predisposizione d'animo si realizzerà entro un anno.

ff607508-4b09-49a0-9099-fa15b88edb3c
« immagine » Quando ero bimba spesso mia madre mi mandava a dormire a casa della nonna ,. mia nonna per farmi addormentare non mi raccontava favole ma delle antiche leggende veneziane che viaggiano tra realtà e mito. Vi voglio raccontare quella del pescatore e la sirena una bellissima storia d'am...
Post
19/09/2014 14:13:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. dolcecarrie 19 settembre 2014 ore 15:35
    Allora tutti a Venezia sotto il ponte dei desideri!
    Chi come te abita a Venezia è in vantaggio, buon per te :-)) :ok
    Dolcissima favola.
    Buon pomeriggio :rosa :bye
  2. stregaxamore.VE 19 settembre 2014 ore 15:45
    @dolcecarrie
    A venezia quasi ogni calle e campiello ha leggende come questa, è bello sentirle raccontare da una nonna , questa è una delle poche che ricordo completamente , è un peccato perdere questi racconti tra leggenda e realtà Ciao buon pomeriggio anche a te
  3. LadyMestolo 19 settembre 2014 ore 16:42
    Che bello questo racconto venessian ...
    :rosa :clap :bacio :bye
  4. stregaxamore.VE 19 settembre 2014 ore 16:45
    @ladymestolo
    Mi fa piacere che sia piaciuto , è sto bello per me scriverlo mi ha fatto ricordare la mia cara nonnina
  5. stregaxamore.VE 19 settembre 2014 ore 16:46
    @ladymestolo
    è stato pardon :hehe
  6. LadyMestolo 19 settembre 2014 ore 16:59
    Evo capio lo steso ...
  7. stregaxamore.VE 19 settembre 2014 ore 17:01
    @ladymestolo
    Ma io devo imparare a non scrivere più in alieno :many

    Ciao :bye
  8. LadyMestolo 19 settembre 2014 ore 17:03
    @stregaxamore.VE non mi sembrava ALIENO :many :clap

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.