Il mago di Natale

18 dicembre 2020 ore 07:39 segnala
S'io fossi il mago di Natale
farei spuntare un albero di Natale
in ogni casa, in ogni appartamento
dalle piastrelle del pavimento,
ma non l'alberello finto,
di plastica, dipinto
che vendono adesso all'Upim:
un vero abete, un pino di montagna,
con un po' di vento vero
impigliato tra i rami,
che mandi profumo di resina
in tutte le camere,
e sui rami i magici frutti: regali per tutti.
Poi con la mia bacchetta me ne andrei
a fare magie
per tutte le vie.

In via Nazionale
farei crescere un albero di Natale
carico di bambole
d'ogni qualità,
che chiudono gli occhi
e chiamano papà,
camminano da sole,
ballano il rock an'roll
e fanno le capriole.
Chi le vuole, le prende:
gratis, s'intende.

In piazza San Cosimato
faccio crescere l'albero
del cioccolato;
in via del Tritone
l'albero del panettone
in viale Buozzi
l'albero dei maritozzi,
e in largo di Santa Susanna
quello dei maritozzi con la panna.

Continuiamo la passeggiata?
La magia è appena cominciata:
dobbiamo scegliere il posto
all'albero dei trenini:
va bene piazza Mazzini?
Quello degli aeroplani
lo faccio in via dei Campani.
Ogni strada avrà un albero speciale
e il giorno di Natale
i bimbi faranno
il giro di Roma
a prendersi quel che vorranno.
Per ogni giocattolo
colto dal suo ramo
ne spunterà un altro
dello stesso modello
o anche più bello.
Per i grandi invece ci sarà
magari in via Condotti
l'albero delle scarpe e dei cappotti.
Tutto questo farei se fossi un mago.
Però non lo sono
che posso fare?
Non ho che auguri da regalare:
di auguri ne ho tanti,
scegliete quelli che volete,
prendeteli tutti quanti.

Gianni Rodari
e820b615-eea7-4dfd-afe5-9358cec8e512
S'io fossi il mago di Natale farei spuntare un albero di Natale in ogni casa, in ogni appartamento dalle piastrelle del pavimento, ma non l'alberello finto, di plastica, dipinto che vendono adesso all'Upim: un vero abete, un pino di montagna, con un po' di vento vero impigliato tra i rami, che...
Post
18/12/2020 07:39:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment

Nun ce dormi’

10 dicembre 2020 ore 10:19 segnala
Si vòi corpi’ davero ‘na persona
Si ce tieni e ce pensi pe’ davero
Nun te fa’ problemi né domanda arcuna
Cerca de nun vede’ mai tutto nero

Essi gentile, bòno, puro ‘n po’ sfacciato
Nun vergognatte de esse come sei
Daje fiori, rose e cioccolato
Faje sembra’ che esista solo lei

Falla ride, scherza e pijala ‘n giro
Ogni tanto faje pure ‘na scafetta
Vestite giusto, nun te mette ‘n tiro
Fai le cose carmo e senza fretta

Si vai a rilento, però, e ce pensi troppo
Se perde tanto tempo, è questo er brutto
E quanno che te capita ‘n intoppo
Tiri er freno a mano e molli tutto

Nun ce dormi’, dà retta ar còre
La devi fa senti’ importante!
Daje ‘n bacio, ‘na carezza e ‘n fiore
Lei è lei, nun è una delle tante

Pensa soprattutto ar bene suo
Damme retta: svejate! Essi scartro!
Che quello che ‘n giorno pare tuo
Er giorno dopo è già de quarcun artro

Er Matto


94fcc549-99b6-4659-8d47-facba20baa7a
Si vòi corpi’ davero ‘na persona Si ce tieni e ce pensi pe’ davero Nun te fa’ problemi né domanda arcuna Cerca de nun vede’ mai tutto nero Essi gentile, bòno, puro ‘n po’ sfacciato Nun vergognatte de esse come sei Daje fiori, rose e cioccolato Faje sembra’ che esista solo lei Falla ride, scherza...
Post
10/12/2020 10:19:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Er ventitrè

28 settembre 2020 ore 13:45 segnala



Er ventitré

***

Er ventitré a Roma, è arci-noto,

er è nummero che vole dì … fortuna.

‘Na frase a tre parole è più opportuna,

ma ce vorebbe forse più ‘na foto.

***

Er punto in cui ‘gni natica s’aduna,

ar centro de l’avvallo, lì c’è un vòto,

che in tutto er corpo è er lato ben più ignoto,

che sa un po’ d’artra faccia de la Luna.

***

Quer punto a vorte viè già fatto oggetto,

a indicà chi sgobba come un mulo,

e quanto pesa spigne quer caretto.

***

Ma in questo caso è più merce d’adulo,

sta sempre in fonno a l’intestino retto,

ma è un artro tipo de bucio de culo!

***

Stefano Agostino
e61f6733-8b26-40ec-b37b-3eff14d723b4
« immagine » Er ventitré *** Er ventitré a Roma, è arci-noto, er è nummero che vole dì … fortuna. ‘Na frase a tre parole è più opportuna, ma ce vorebbe forse più ‘na foto. *** Er punto in cui ‘gni natica s’aduna, ar centro de l’avvallo, lì c’è un vòto, che in tutto er corpo è er lato ...
Post
28/09/2020 13:45:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

Abbi pazienza – di Inumi Laconico

24 settembre 2020 ore 14:03 segnala


Abbi pazienza con le persone.
Si sentono sole. Si vedono altrove.
Si vogliono nuove. Si chiedono come.
Senza cercare un posto migliore,
senza afferrare il tempo che muore.

Abbi pazienza con le parole.
Fanno del male e tornano indietro.
Sanno di ferro, di fuoco, di vetro.
Sono potenti, violente, giganti.
Pensale un po’ prima di dirle,
pesale bene se vuoi lanciarle.

Abbi pazienza con il passato.
È stato sbagliato. Ti ha tolto, ti ha dato.
Ha eretto muraglie intorno al tuo cuore
ma ha reso più dolce la parte interiore.

Abbi pazienza con il tuo amore.
Dagli un riparo in questa tempesta
e se si addormenta nella tormenta
dagli nel sonno una vecchia coperta.
Quando fa freddo potrebbe tremare.
Stringilo forte. Non lo lasciare.

IL
0c993eff-d27f-4f40-8d59-d42fade99b0c
« immagine » Abbi pazienza con le persone. Si sentono sole. Si vedono altrove. Si vogliono nuove. Si chiedono come. Senza cercare un posto migliore, senza afferrare il tempo che muore. Abbi pazienza con le parole. Fanno del male e tornano indietro. Sanno di ferro, di fuoco, di vetro. Sono potent...
Post
24/09/2020 14:03:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Quella pioggia a Gennaio

16 gennaio 2018 ore 15:35 segnala


Quella pioggia a Gennaio
che raffredda il tuo viso,
un pensiero un po’ stinto
che ti smorza un sorriso

L’odore bagnato
di vecchi ricordi
chiassosi, ormai sordi
di un mite passato

Appendice rinata
di un sentimento ora esausto
che fugge, nefasto
come un’auto pirata

Mentre resta assopito
un sospiro di speme
che fragile, geme
avendo capito

Che puoi vivere sola
che son io fatto male,
che tu sei sincera
mentre io cerebrale

Per capire il tuo sguardo
quando balli o ti svesti,
quando poi non ascolti
se ti dico bugiardo

Che non sono da solo,
ma tra libri ed amici
ed occhiate fugaci
un po’ mi consolo

In balia della pioggia
che batte più forte
mentre cerco, deciso
il tuo smorzato sorriso

Ottavo Poeta
7f4d188f-accb-4f88-b69e-2959bd4be9ac
« immagine » Quella pioggia a Gennaio che raffredda il tuo viso, un pensiero un po’ stinto che ti smorza un sorriso L’odore bagnato di vecchi ricordi chiassosi, ormai sordi di un mite passato Appendice rinata di un sentimento ora esausto che fugge, nefasto come un’auto pirata Mentre resta asso...
Post
16/01/2018 15:35:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Er còre è ‘n muscolo

20 settembre 2017 ore 14:18 segnala
Augusto, ch’era n’omo bello duro
Vedendom’esse triste, moggio moggio
Me chiese quale mal pensiero oscuro
Rendesse er muso fisso all’orologio

Ma io nun je risposi propriamente
Giravo er cucchiaino ne ‘a tazzina
Intanto me se ‘ntorcinava er ventre
Ma a questo mal non v’era medicina

“Che hai fatto?” m’arichiede er fustacchione
Mentre ‘ncantato a questo mondo escluso
Tornai per dare all’uomo spiegazione
De tanta spossatezza e alquanto muso

“Vedi Augusto amico muscoloso
‘Na cosa sola rende ‘n omo inerme
Dar più fregnone a quello più orgojoso
Che pensa d’esse cobra ‘nvece è verme

L’amore, caro mio, c’ha ‘n gran potere
è ‘na pozzione maggica potente
Te fa’ vola’ fra ‘e nuvole leggere
Ma riesce a fatte scenne con un niente

Abbasta ‘na parola detta male
‘Na litigata, a vorte anche er marchese
Pe’ trasforma’ l’amore in un pugnale
Pe’ fa’ parla’ lo stomaco in cinese

E a te che pensi d’essete sarvato
Che vòi fa’ l’omo duro, prorompente
Te dico che chi mai s’è ‘nnammorato
De ‘sto pianeta nun ha visto niente”

Er Pinto

5797204e-224e-440a-b465-76c9c6d49893
Augusto, ch’era n’omo bello duro Vedendom’esse triste, moggio moggio Me chiese quale mal pensiero oscuro Rendesse er muso fisso all’orologio Ma io nun je risposi propriamente Giravo er cucchiaino ne ‘a tazzina Intanto me se ‘ntorcinava er ventre Ma a questo mal non v’era medicina “Che hai fatto?”...
Post
20/09/2017 14:18:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

[E Rido]

11 novembre 2016 ore 11:52 segnala


Se pe’ ‘n giorno nun ridessi?
Chissà che succederebbe.
Chissà se me guarderesti.
Chissà ‘a gente che direbbe.

Se pe’ ‘n giorno ‘sto soriso
che m’hai visto fisso ‘n faccia
lo tojessi, senza avviso,
come porpa da’a vinaccia?

Se poi ‘n giorno me dicessi
quello che nessuno dice
e pe’ strada me chiedessi:
“Te soridi, sei felice?”

T’arisponnerebbi, franco,
che io ‘r destino così ‘o sfido.
Po’ esse nero o po’ esse bianco,
ma ‘n me frega niente. E rido.

Er Flama – Ottavo Poeta
b88b26ef-968b-4f2c-8827-d73d3755bccd
« immagine » Se pe’ ‘n giorno nun ridessi? Chissà che succederebbe. Chissà se me guarderesti. Chissà ‘a gente che direbbe. Se pe’ ‘n giorno ‘sto soriso che m’hai visto fisso ‘n faccia lo tojessi, senza avviso, come porpa da’a vinaccia? Se poi ‘n giorno me dicessi quello che nessuno dice e pe’ s...
Post
11/11/2016 11:52:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

Roma

25 ottobre 2016 ore 14:25 segnala
È popo ‘na bella ciaciona
cor sole dritto ‘n fronte.
Je piace er vino e magná bene
ma smezza sempre er conto
che sa che je conviene.

C’ha lunghi ricci biondi
che er vento je accarezza
e quanno piove e se fracica
je cola tutto er trucco e ‘n po’ s’encazza.

Su ‘n fianco c’ha Trastevere
su ‘n seno er cuppolone
e quanno ha tanticchia sete
s’abbevera ar nasone
a lato d’a strada.

E gira co’ mezzi da ‘n par d’anni
che ha sfonnato ‘r motorello
planando su ‘na bbuca
dai pizzi der Tufello.

Quanno ride se sganascia
e quanno piagne è ‘na traggedia
e canta bbene anche se mpó urla
ma du spicci e ‘n bacio li rimedia.



OttavoPoetaRoma

eaec1e88-ddc7-40ae-9326-d1b833bb636c
È popo ‘na bella ciaciona cor sole dritto ‘n fronte. Je piace er vino e magná bene ma smezza sempre er conto che sa che je conviene. C’ha lunghi ricci biondi che er vento je accarezza e quanno piove e se fracica je cola tutto er trucco e ‘n po’ s’encazza. Su ‘n fianco c’ha Trastevere su ‘n seno...
Post
25/10/2016 14:25:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Segnali metropolitani: il tergicristallo alzato

18 marzo 2016 ore 10:08 segnala
Mi confermate che
i tergicristalli alzati
stanno per "stronzo
maleducato vaffanculo"?




Quello di alzare il tergicristallo altrui è un gesto ambiguo e di dubbia efficacia, eppure molto diffuso in città. Vi fa ricorso il pedone che trova ostruito il passaggio, o ancora più spesso il motorinista quando un'auto occupa il parcheggio riservato ai motocicli. È la reazione di chi, sapendo di avere ragione, decide di trattenersi prima di passare dalla parte del torto. Possiamo anche interpretarlo come il messaggio di colui che ha rinunciato a farsi giustizia da solo, o meglio ancora come un avvertimento mafioso, una specie di “sappiamo dove vanno a scuola i tuoi tergicristalli” (ed è risaputo quanto a ogni automobilista sono cari, nel vero senso della parola, i suoi tergicristalli). Tutti questi significati riusciamo a decifrare in un parabrezza con le spatole sollevate.

L’uomo della foresta sapeva leggere i segni della natura, riconosceva un pericolo da un ramo spezzato o da un rumore sospetto, seguiva le tracce di una preda, anticipava i cambiamenti meteorologici; così l’uomo contemporaneo decodifica i segni della giungla metropolitana. Quando incontriamo un passante che cammina con le chiavi in mano, intuiamo al volo che un parcheggio si sta per liberare. Quando notiamo un giovane malvestito che trascina un carrellino della spesa, sappiamo che la sua intenzione è di aprire il cassonetto e rovistare tra i rifiuti. E quando vediamo spuntare per le strade i venditori di ombrello capiamo che sta per arrivare il temporale, pure se in quel momento in cielo splende il sole.
È la semiotica urbana, un codice linguistico che apprendiamo, senza rendercene conto, sin dagli anni dell’infanzia.

di Pietro Piovani
e5af5d5b-4aa0-470b-a765-54c742d60766
Mi confermate che i tergicristalli alzati stanno per "stronzo maleducato vaffanculo"? « immagine » Quello di alzare il tergicristallo altrui è un gesto ambiguo e di dubbia efficacia, eppure molto diffuso in città. Vi fa ricorso il pedone che trova ostruito il passaggio, o ancora più spesso il...
Post
18/03/2016 10:08:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Rinascimento

25 settembre 2015 ore 10:35 segnala



Parli sempre de te stesso
ma non parli co’ te stesso.
C’è qualcosa che hai sepolto,
non ha nome, non ha volto,
ma se nutre der tuo tempo.
Te trascina più der vento.

Forza, prennilo de petto.
Trova er filo, tiello stretto.
Farà male, ma si sa,
è così la verità:
un serpente ch’avvelena
se pe’ lui non te dài pena
ma te renderà più saggio
se l’affronti co’ coraggio.

Sarai solo, sarai nudo.
Sarà ‘mpervio, sarà crudo.
Ma se superi er momento
sarà il tuo Rinascimento.

ER QUERCIA
c1309c1f-c8cf-4a64-84e7-e5b1a74742da
« immagine » Parli sempre de te stesso ma non parli co’ te stesso. C’è qualcosa che hai sepolto, non ha nome, non ha volto, ma se nutre der tuo tempo. Te trascina più der vento. Forza, prennilo de petto. Trova er filo, tiello stretto. Farà male, ma si sa, è così la verità: un serpente ch’avvele...
Post
25/09/2015 10:35:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    1