...

13 dicembre 2011 ore 01:23 segnala
Sapete cosa più di ogni altra mi fa venire lo sdegno? La facilità!
La facilità con il quale certe persone riescono a sostituirne delle altre con delle altre ancora. Questo tipo di facilità è quella che mi fa più tristezza in assoluto ;)
7a5e2d67-cfd6-4de6-bf93-7aad1627ca39
Sapete cosa più di ogni altra mi fa venire lo sdegno? La facilità! La facilità con il quale certe persone riescono a sostituirne delle altre con delle altre ancora. Questo tipo di facilità è quella...
Post
13/12/2011 01:23:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    5

A nervi scoperti:

09 dicembre 2011 ore 12:59 segnala
Vorrei un libro che parlasse di me. Sì, che lo faccia lui al posto mio perché, purtroppo, io non son capace. Io mi ammutolisco spesso e abbasso gli occhi quando, invece, vorrei dire. Voglio che c’abbia almeno mille pagine; potrei vedere chi davvero ha la curiosità ed il coraggio di arrivare fino all’ultima. E poi, voglio che dica tutto, davvero tutto. Di quelle infinite volte in cui sono stata una stronza, quelle in cui mi sentivo invincibile e di quelle, che non racconto a nessuno, in cui sono stata ferita. Sì, perché io vorrei che il libro che parlasse di me, riuscisse a farlo senza l’orgoglio dietro il quale nascondo la mia vita.
Com’è possibile nascondere una vita? Vivendone un’altra! Stando sempre al di là del vetro che ti fa vedere come vivresti se solo la smettessi di tormentarti, se solo scegliessi per una sola volta di fare ciò che faresti e non ciò che fai.
Già, perché io non faccio mai quello che farei. Finisco sempre per evitare nel dubbio che, forse, non sia proprio la cosa giusta da fare. Sapete quante cose si perdono mentre si è intenti a non mostrare le proprie debolezze? Vivi mille giorni con la sensazione di averne vissuto solo mezzo continuando a ripeterti “cambierà”.
Voglio che il libro che parli di me, contenga tutte le persone. Quelle che mi hanno ferito, quelle che ho ferito, quelle che mi hanno amato, quelle che ho creduto di amare..anche quelle con cui ho incrociato lo sguardo mentre camminavo su un marciapiede in direzione di chissà quale meta. Non è mai stato tempo sprecato ma, nonostante ciò, ho come la sensazione di essermi sempre mossa dentro una folla senza volti. Non c’era un solo essere umano.
Voglio che il libro che parli di me, mi aiuti a scivolare fuori dalla mediocrità di chi si fermerebbe a pagina 2, con la presunzione di aver già capito come finirà e poter dire a chi è arrivato in fondo:
:


Ok, adesso sai tutto. Sai che, probabilmente, ci saranno più contro che pro. Sai che capiterà spesso che ti sentirai ferito da me ed avrai la sensazione che a me non importi mai nulla perché non sono capace di comportarmi altrimenti. Sai che nel momento in cui un giorno deciderai di andartene, io non ti inseguirò pur volendolo con tutta me stessa fare e, invece, mi torturerò le labbra con le mani e ricomincerò a fumare. Sì sai tutto. E adesso, dimmi… ce l’hai il coraggio di continuare?”


253b8f01-79cd-4ad0-905f-197dcde8d58c
Vorrei un libro che parlasse di me. Sì, che lo faccia lui al posto mio perché, purtroppo, io non son capace. Io mi ammutolisco spesso e abbasso gli occhi quando, invece, vorrei dire. Voglio che...
Post
09/12/2011 12:59:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    5

...

07 dicembre 2011 ore 10:58 segnala
Sono una fabbrica di scelte sbagliate

Eppure...

29 novembre 2011 ore 21:50 segnala
"C'è tempo", "Abbiamo tempo per fare tutto ciò che vogliamo", "Tempo al tempo", "Prendiamoci del tempo".. Già, il tempo. Credo che sia il primo a prenderci per il culo donandoci sempre l'illusione di averne ancora a sufficienza; e magari ne abbiamo davvero! Ma, cari miei, quando c'è il tempo mancano le persone, mancano le volontà, mancano le convinzioni che fino a 24 ore prima pensavi di poter credere per tutta la vita. C'era tempo. Poi abbiamo smesso di darcene. Non ci sono motivi, non ci sono ragioni. La mente ha sempre una sua coerenza incoerente e non possiamo far altro che cercare di starle dietro. "Un sorso di felicità si deve ripagare sempre con una botte di tristezza. Sempre meglio che morire di sete, no?" - :cuore MIO -
e887492d-68e9-46f3-9ec2-4a858e6f5bc4
"C'è tempo", "Abbiamo tempo per fare tutto ciò che vogliamo", "Tempo al tempo", "Prendiamoci del tempo".. Già, il tempo. Credo che sia il primo a prenderci per il culo donandoci sempre l'illusione di...
Post
29/11/2011 21:50:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Le persone più sensibili, crescendo diventano le più ciniche

11 novembre 2011 ore 01:58 segnala
Ci son certi periodi in cui una strana forza si prende gioco di me e mentre sono nel bel mezzo di una lettura, mi fa scattare dal letto con l'esigenza di sputare parole. Mi lascio travolgere volentieri da lei, è l'esigenza di darmi risposte. Mi chiedevo quante volte una persona possa ricominciare da capo. Pochi anni e la sensazione di aver già vissuto tre o quattro vite. Oggi, come mai, ho la sensazione che la mia testa, stanca delle mie eccessive richieste, si sia formattata durante il sonno. E' sparito tutto: l'ansia, la frustrazione, le smanie, ma soprattutto lei, la rabbia. Al mio risveglio mi si era inaridito il cuore.

"Perché scrivi solo cose tristi? -:"Perché quando sono felice esco!"


f1646f37-31d0-4b3b-baf1-923fd1bf8f8c
Ci son certi periodi in cui una strana forza si prende gioco di me e mentre sono nel bel mezzo di una lettura, mi fa scattare dal letto con l'esigenza di sputare parole. Mi lascio travolgere...
Post
11/11/2011 01:58:26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Bruciando vita..

11 giugno 2011 ore 02:54 segnala
La vita è veramente curiosa. Cominci a crescere con quella spavalda illusione di poter avere il mondo ai tuoi piedi, così, schioccando le dita. Gli amori dalle mille pene che ti struggono l'anima non ti lasceranno che l'indifferenza di un'adolescenza vissuta andando a mille all'ora. Ciò che ti segnerà sarà la cosa per cui fingi indifferenza. Quella ti lacererà l'esistenza. Condizionerà le azioni future. La mente riporterà sempre l'esempio di quella prima fottuta volta in cui ti sei come risvegliata di soprassalto da un sogno lungo una vita. Andrai avanti prendendoti in giro; dicendo a te stessa che una volta è sufficiente. 'Impossibile abbattermi'. La ribellione si impossessa del tuo essere trasformandoti in un involucro di carne non pensante. Quante ne hai combinate? Adesso STOP! Ti devi fermare, è arrivata la grande occasione per cambiare. Adesso devi dimostrare a tutti i costi di essere migliore di quello che sei.
'Ahahaha', dov'è finita tutta quella sicurezza? Abbattuta, cancellata, depennata da uno sguardo solo. Dal suono di quella sola voce. Non esiste più nulla se non quello. La convinzione che non hai bisogno d'altro. La dipendenza, poi il vuoto.....
Un baratro in cui ti senti annegare. La certezza che non si possa provare ancora più dolore. Annaspi dentro ai giorni cercando la risposta ad un "perchè?". Ma ti diranno che il tempo aggiusta tutto, ed a forza di sentirtelo rimbombare in testa finirai per crederci e farne una filosofia. Il tempo, che invenzione! Se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo. E così, tutto è diventato un'altra volta passato. E così, mi sei diventato estraneo.
93b27f57-423f-4a5c-a323-575b89b1b5b7
La vita è veramente curiosa. Cominci a crescere con quella spavalda illusione di poter avere il mondo ai tuoi piedi, così, schioccando le dita. Gli amori dalle mille pene che ti struggono l'anima non ti lasceranno che l'indifferenza di un'adolescenza vissuta andando a mille all'ora. Ciò che ti...
Post
11/06/2011 02:54:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Lo devo a me..

10 gennaio 2011 ore 04:25 segnala
Note stonate, rabbia nell'anima. L'uomo della coscienza continua a ripetere "te lo avevo detto", chissà se riuscirò a zittirlo. Continuo a scrivere e poi cancellare note frammentarie come se, essendomi rotta in mille pezzi, non riesca a mantenera intera neanche l'ultima essenza di me, la voce che mi urla dentro. Non devo permettergli di avere la meglio.
11877045
Note stonate, rabbia nell'anima. L'uomo della coscienza continua a ripetere "te lo avevo detto", chissà se riuscirò a zittirlo. Continuo a scrivere e poi cancellare note frammentarie come se,...
Post
10/01/2011 04:25:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    5

un anno dopo non cambia nulla...

01 maggio 2010 ore 16:18 segnala
Vola il tempo. Me ne rendo conto solo adesso. Quell'alone nero torna a ricordarci che proprio un anno fa ha avuto la meglio. Scacco matto. Dov'è finita tutta quella vita? Per cosa è servito tutto quell'impegno? è Passato un anno e ciò che ne rimane sono solo delle domande a cui nessuno mai risponderà. Non di certo per superbia, bensì per rassegnazione.
Non restano che i ricordi e desublimando ogni pensiero, continuo a ricordare. Torno anch'io ad un anno fa:

"Una speranza svanita...Quell'immagine terribile davanti agli occhi..Passano come fotogrammi ricordi da non dover cancellare..E allora, cos'è davvero importante? La frenesia delle giornate fa perdere il senso delle cose semplici..Non ci vuole molto..Un momento, un attimo e piomba il sienzio..Incolmabile..Assordante...Scalpitiamo e ci dimeniamo per riempire un vuoto creatosi all'improvviso..Ahimè, quella parte di cuore è già andata via........... "
 

Un anno non cambia nulla..Le sensazioni, quelle forti, quelle che ti si attanagliano tra i nervi, restano...per sempre! Le domande anche..stavolta accompagnate dalla consapevolezza che non ci saranno delle risposte. Montale mi suggerisce il metodo per smettere di pensare..."Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l'animo nostro, Non chiederci la formula che mondi possa aprirt. Codesto solo oggi possiamo dirti ciò che non siamo, ciò che non vogliamo"
11565274
Vola il tempo. Me ne rendo conto solo adesso. Quell'alone nero torna a ricordarci che proprio un anno fa ha avuto la meglio. Scacco matto. Dov'è finita tutta quella vita? Per cosa è servito tutto...
Post
01/05/2010 16:18:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    13

°Dolce Tormento°

17 aprile 2010 ore 22:13 segnala

Si spegne ogni luce...cala il silenzio...si accendono i pensieri! Metti da parte la finta indifferenza che, ancora una volta, ha accompagnato la tua giornata...cala ogni maschera, adesso puoi essere te stesso...Nessuna convenzione; Ti dimentichi di esser scivolato tra una folla senza fisionomie distinte...La stessa folla che "scalpiccia nel fango" cerca di farsi posto in un mondo che vogliamo a tutti costi farci andar bene....E se invece facessimo prevalere l'istinto nelle nostre vite? Se la passione prendesse il sopravvento? L'anima sgomita dentro noi, come una crisalide che sfonda il suo guscio per mostrarsi in tutta la sua bellezza... Fusione di emozioni che rievocano ricordi su cui avevi buttato su un pò di cemento....Il dolce sapore di quelle immagini contrapposto all'infezione di quella ferita...Lo spirito cinge nuovamente il pensiero che ti riguarda e tutta la materia del mondo non potrebbe mai ambire ad avere tanta forza..... Ostinazione, illusione, dove vado? Furiosa condizione, indifferenza, dove vado?? Verso cosa continuo a muovere ogni mio singolo passo? Verso quale vita mi porterà questo spinoso e morbido sentiero?

"Mi chiedo quante lacerazioni possa sopportare un cuore prima di smettere di battere........."