Come può uno scoglio arginare il mare?

01 giugno 2012 ore 01:35 segnala

Passò il tempo e portò via con sé ciò che non aveva radici, ciò che era semplice da estirpare, ciò che aveva basi poco solide. Passò il tempo e distrusse ricordi, estati, inverni e sapori. Venne il vento, quello gelido, e mi assiderò le vene. Senza quel calore le mie labbra si annerirono e i miei occhi si socchiusero.
Avevo tante cose da fare ma scrissi ancora di te. Scrissi che millemila minuti passati incastrandoci in abbracci interminabili non sarebbero bastati a farmi passar la voglia che avevo avuto di legarmiti addosso. Scrissi che se avessi avuto un minuto da spendere, io l’avrei speso a te e t’avrei scrutato con le mani il viso per non dimenticare ogni ruga, ogni filo di barba, ogni lampo di luce negli occhi.
Scrivevo e non sapevo cosa mi spingesse a farlo, a farlo ancora. Non sapevo quando avrei trovato uno scorcio di pianeta inesplorato. Sapevo, però, che anche in mezzo a tutti gli odori del mondo, io avrei inevitabilmente riconosciuto il tuo.





0e8278f5-a687-4766-ae7a-618b526cbcdd
Passò il tempo e portò via con sé ciò che non aveva radici, ciò che era semplice da estirpare, ciò che aveva basi poco solide. Passò il tempo e distrusse ricordi, estati, inverni e sapori. Venne il vento, quello gelido, e mi assiderò le vene. Senza quel calore le mie labbra si annerirono e i miei...
Post
01/06/2012 01:35:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12

Commenti

  1. LukePetrucci 19 luglio 2012 ore 21:52
    Sensazioni fin troppo famiIiari..ti capisco
  2. eternal85 19 novembre 2012 ore 21:02
    troppo bello come pensiero ^_^ ....brava :)
  3. xXxCATTIVIKxXx 14 luglio 2013 ore 11:51
    no non si puo'
  4. DorianGr.ay 30 luglio 2013 ore 22:09
    E il cuore trafitto, che il dolore ogni giorno alletta, muore benedicendo la sua freccia.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.