La seconda notte

15 ottobre 2013 ore 21:26 segnala


SECONDA NOTTE.

Quando il mercante vide che il genio stava per tagliargli la testa
lanciò un alto grido e gli disse:
- Fermatevi, ancora una parola, di grazia; abbiate la bontà di
concedermi una dilazione, datemi il tempo di andare a dire addio a mia
moglie e ai miei figli e di dividere fra loro i miei beni con un
testamento che non ho ancora fatto, affinché non debbano ricorrere a
qualche processo dopo la mia morte. Appena fatto questo, tornerò
subito in questo stesso luogo per sottomettermi a tutto ciò che
vorrete ordinarmi.
- Ma, - disse il genio, - se ti concedo la dilazione che mi chiedi ho
paura che tu non ritorni più.
- Se volete credere al mio giuramento, - rispose il mercante, giuro
sul gran Dio del cielo e della terra che non mancherò di venire a
cercarvi qui.
- Quanto la vuoi lunga questa dilazione? - chiese il genio.
- Vi chiedo un anno di tempo, - rispose il mercante, - non me ne
occorre meno per mettere in ordine i miei affari e per dispormi a
rinunciare senza rimpianti al piacere di vivere. Perciò vi prometto
che a un anno da domani verrò senza fallo sotto quest'albero per
rimettermi nelle vostre mani.
- Prendi Dio a testimone della promessa che mi fai? - riprese il
genio.
- Sì, - rispose il mercante, - lo prendo ancora una volta a testimone,
e potete fidarvi del mio giuramento.
A queste parole, il genio lo lasciò vicino alla fontana e scomparve.
Il mercante, rimessosi dallo spavento, risalì a cavallo e riprese il
cammino. Ma, se da un lato era contento per essersi sottratto a un
così grave pericolo, dall'altro era in preda a una mortale tristezza,
quando pensava al fatale giuramento che aveva fatto. Quando arrivò a
casa, la moglie e i figli lo accolsero con tutte le dimostrazioni di
una gioia perfetta; ma il mercante, invece di abbracciarli nello
stesso modo, si mise a piangere così amaramente, da lasciar loro
capire che gli era successo qualcosa di straordinario. La moglie gli
chiese il motivo delle sue lacrime e del vivo dolore che egli
manifestava.
- Ci rallegriamo, - diceva, - del vostro ritorno e, però, ci
preoccupate per lo stato in cui vi vediamo. Spiegateci, vi prego, la
ragione della vostra tristezza.
- Ahimè! - rispose il marito, - perché mi trovo in condizione diversa
dalla vostra? Ho solo un anno di vita.
Allora raccontò loro quello che era successo fra lui e il genio, e li
informò che aveva dato la parola di ritornare allo scadere di un anno
per ricevere la morte dalla sua mano.
Quando sentirono questa triste notizia, cominciarono tutti a
disperarsi. La moglie lanciava grida pietose, battendosi il viso e
strappandosi i capelli; i figli, sciogliendosi in lacrime. facevano
risuonare la casa dei loro gemiti; e il padre, cedendo alla forza del
sangue, mescolava le sue lacrime ai loro pianti. In poche parole, era
lo spettacolo più commovente del mondo.
Fin dal giorno dopo, il mercante pensò a mettere in ordine i suoi
affari e, prima di ogni cosa, si diede da fare per pagare i suoi
debiti. Fece regali agli amici e grandi elemosine ai poveri; liberò i
suoi schiavi di tutti e due i sessi; divise i suoi beni tra i figli,
nominò dei tutori per quelli non ancora maggiorenni e, restituendo
alla moglie tutto ciò che le apparteneva, secondo il contratto di
matrimonio, la favorì con tutto quello che poteva donarle secondo le
leggi.
Infine, l'anno passò ed egli dovette partire. Fece i bagagli,
mettendovi dentro il lenzuolo nel quale doveva essere sepolto, ma non
si è mai visto dolore più vivo del suo quando volle dire addio alla
moglie e ai figli. Essi non potevano risolversi a perderlo, volevano
accompagnarlo tutti e andare a morire con lui. Tuttavia, poiché
bisognava farsi forza e lasciare persone così care, disse:
- Figli miei, separandomi da voi ubbidisco all'ordine di Dio:
sottomettetevi con coraggio a questa necessità, e pensate che il
destino dell'uomo è di morire.
Dette queste parole, si strappò alle grida e ai rimpianti della
famiglia, partì e arrivò, nello stesso posto dove aveva visto il
genio, esattamente nel giorno in cui aveva promesso di esserci. Mise
subito piede a terra e si sedette sull'orlo della vasca, aspettando il
genio con tutta la tristezza che si può immaginare.
Mentre languiva in una attesa tanto crudele, apparve un buon vecchio
che trascinava una cerva con una corda. Questi gli si avvicinò, si
salutarono e il vecchio gli disse:
- Fratello mio, si può sapere per quale motivo siete venuto in questo
posto deserto, dove si trovano solo spiriti maligni e dove non si è
mai sicuri? Vedendo questi begli alberi, lo si crederebbe abitato;
invece è una solitudine totale e è pericoloso fermarcisi a lungo.
Il mercante soddisfece la curiosità del vecchio e gli raccontò
l'avventura che lo costringeva a trovarsi in quel posto. Il vecchio lo
ascoltò con stupore e, prendendo la parola, esclamò:
- E' la cosa più straordinaria del mondo, e voi siete legato dal
giuramento più inviolabile! Voglio essere testimone del vostro
incontro col genio - aggiunse.
Detto ciò si sedette vicino al mercante e, mentre conversavano fra di
loro...
- Ma vedo che l'alba è spuntata, - disse Sherazad riprendendosi.-
Quella che rimane è la parte più bella del racconto.
Il sultano, deciso ad ascoltarne la fine, lasciò Sherazad ancora in
vita per quel giorno.



continua -
a5285d06-7fb8-4e04-95ea-71dbe7b18008
« immagine » SECONDA NOTTE. Quando il mercante vide che il genio stava per tagliargli la testa lanciò un alto grido e gli disse: - Fermatevi, ancora una parola, di grazia; abbiate la bontà di concedermi una dilazione, datemi il tempo di andare a dire addio a mia moglie e ai miei figli e di...
Post
15/10/2013 21:26:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.