‘A SPIRANZA DI LU’ CORI.

24 novembre 2014 ore 16:30 segnala


S’avissi a tia…
Comu l’aceddi vulassi ‘nto celu
Comu li pisci natassi ‘nto mari
Comu li sciuri culurassi lu munnu
Comu a Luna u Suli e li Stiddi
Alluminassi a to vita, a me vita
E tuttu l’amuri ca fa crisciri u Munnu.
S’avissi a tia…
Poviru cori miu
A notti cianci
Ti vulissi diri
Ca ti voli beni
Ca nun po’ stari senza di tia…
Bati sempri ,batti finu a scattari
Ogni ghiornu sempri cchiù forti
E nun si ferma mai
Cianci sempri
Cianci e nun vò capiri
Cianci… si dispera… e pensa…
S’avissi a tia…S’avissi a tia…S’avissi a tia.
E la vita si ‘nni và
Cu la spiranza mia.

TRADUZIONE

LA SPERANZA DEL CUORE

se avessi te
come gli uccelli volerei nel cielo
come i pesci nuoterei nel mare
come i fiori colorerei il mondo
come la luna il sole e le stelle
illuminerei la tua vita
e tutto l'amore che fa crescere il mondo
se avessi te...
povero cuore mio
la notte piange
ti vorrebbe dire
che ti vuole bene
che non può stare senza di te...
batte sempre, batte fino a scoppiare.
ogni giorno sempre più forte
e non si ferma mai
piange sempre
piange e non vuol capire
piange ... si dispera... e pensa....
se avessi te... se avessi te...se avessi te...
e la vita se ne va
con la speranza mia. dal web

Bella eh?, e il dialetto meridionale la rende ancor piu’ passionale ed appassionata! Io mi chiedo, tuttavia, e vi chiedo: “ Ma vale la pena di struggersi così tanto e spendere la propria esistenza appresso ad un sentimento magari unilaterale?" Non sono convintissimo di questa mia domanda, sulla carta, retorica. Solo sulla carta, poiché attraverso certe forche caudine bisogna passarci per poter esprimere un giudizio. Giudizio che poi rimane del tutto soggettivo, poiché ciascuna sofferenza d’amore appartiene ad un solo individuo e solo lui sa, conosce i risvolti della sua vicenda amorosa fino in fondo. Dunque, chi si affanna a consolare questo o quella con i classici “morto un papa se ne fa un altro” ovvero “si chiude una porta e si apre un portone”, è molto meglio che taccia e si limiti a riflettere sulle proprie, di vicende sentimentali.

TC :cuore
7b3788b6-3f0a-4911-a073-627c9fa5cf77
« immagine » S’avissi a tia… Comu l’aceddi vulassi ‘nto celu Comu li pisci natassi ‘nto mari Comu li sciuri culurassi lu munnu Comu a Luna u Suli e li Stiddi Alluminassi a to vita, a me vita E tuttu l’amuri ca fa crisciri u Munnu. S’avissi a tia… Poviru cori miu A notti cianci Ti vulissi diri Ca ...
Post
24/11/2014 16:30:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. Edelvais63 25 novembre 2014 ore 18:04
    Bel post d'amore..ci voleva.Caro Tec,l'amore val sempre la pena,corrisposto o no.Sentimento universale che ci coinvolge tutti ma solo chi è disposto a soffrire,perchè è anche questo,può lasciarsi andare.Non servono sermoni..ognuno deve viverlo fino in fondo e sulla propria pelle. :rosa
  2. dolcecarrie 25 novembre 2014 ore 19:20
    Il motto dice una mezza verità, il resto lo sappiamo noi per le nostre vicende d'amore... di sicuro quando una porta si chiude i motivi ci sono, magari nel tempo questi motivi decadono e noi possiamo riconsiderare il tutto sotto un'altra luce. Buona serata TC :rosa
  3. stregaxamore.VE 26 novembre 2014 ore 17:30
    Caro gaetà bellissima poesia , l'amore fa anche soffrire e struggere , capita più o meno a tutti un amore così.Poi quando hai finalmente l'amore ricambiato ti dimentichi delle sofferenze passate.
  4. didi71 27 novembre 2014 ore 06:52
    devo riflettere :-)))
    tatatebacia
  5. didi71 27 novembre 2014 ore 06:52
    ....poi te faccio sapere
  6. james54 29 novembre 2014 ore 09:13
    La stella della speranza
    (a Trilussa)

    Er sor Trilussa,
    che der verso era maestro ,
    un tempo recitava :

    “Quanno me godo da la loggia mia
    quele sere d'agosto tanto belle
    ch'er celo troppo carico de stelle
    se pija er lusso de buttalle via,
    a ognuna che casca penso spesso,
    a le speranze che se porta appresso”

    Mo’ io, con riverenza,
    j’arisponno :

    Veda, sor mae’,
    le speranze si, so’ come stelle…
    come le stelle s’accennono,
    come le stelle se spegneno,
    ma pur sempre come stelle brilleno,
    e ce fanno campà der soriso der celo.

    Allora, sor mae’
    vojo falla ‘na preghiera
    a colui che tutto move :

    Padre,
    noi de speranze ce n’avemo tante ,
    da nun potè tenelle tutte n’er petto;
    però si è vero
    che le speranze so’ l’urtime a morì ,
    puro pè n’attimo,
    accennéce ste’ stelle,
    e dentro ar core, facce ‘ntenerì…
    Perché, si su stà tera
    nun c’hai manco ‘na speranza,
    da buttà lì
    sei come na’ stella che casca
    e ‘n mezzo ar celo danza…
    senza quarcheduno che se scanza.

    Quindi, sor maè, fateve servì,
    puro si è vero che
    chi de speranza vive, disperato more’,
    ancor più vero è che riuscì a tené illesi
    e a’n filo de speranza li desideri appesi
    serve come er pane
    a tutti quelli che stanno a campà qui .
    dal Web...

    TC, la poesia di cui sopra, per Te, non necessita alcuna traduzione;
    la vita è Amore in tutte le sue forme...un caro abbraccio Amico mio... :bye
  7. salyma 30 novembre 2014 ore 09:59
    bella la poesia, per quanto poi riguarda l'amore unilaterale (che tra l'altro può esistere) direi che prima o poi chi ama ma non è corrisposto può soffrire per questa situazione ma è inevitabile che piano piano vada a svanire anche l'amore di chi provava questo sentimento.
    Buona Domenica :-)

    Bella anche la poesia del Trilussa postata da James
  8. julia.pink 01 dicembre 2014 ore 09:49
    Mi mancava leggerti :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.