'na famija come tante, che soffre...

21 gennaio 2021 ore 15:53 segnala
”Io so’ Manolo Guerazzi e faccio ’a quarta. Mi’ padre se chiama Remo Guerazzi e fa l’imbriaco.
Quando che s’arabbia pija mamma a carci.
Mi’ fratello se chiama Ermete e io e lui stamo sempre a litigà perché lui è un puzzone, io je tiro er cortello der pane e lui me tira lo scopettone der cesso. Allora mi’ padre pe’ mette pace ce tira li piatti a tutteddue.
Ma lui c’ha sempre li sordi in saccoccia perché venne la stagnola co’ dentro la farina pe’ fa li dorci.
’Na vorta un polizziotto je coreva appresso. Mi’ fratello Ermete ha detto che quello c’ha un amico pasticcere e nun vole che nessuno venne la farina pe’ fa li dorci. Ammazza che mascarzoni ’sti polizziotti. Però se a mi’ fratello je danno un sacco de botte e lo gonfieno come ’na zampogna io so contento.
Pure mi sorella Monica c’ha li sordi. Mi padre dice che fa ’e marchette. Io allora ho chiesto a mi’ sorella che so’ ’ste marchette, e lei m’ha detto che sarebbe come ’a collezzione de li francobbolli. Allora so’ annato da mi’ padre e j’jo detto che da granne vojo fa’ ’e marchette pure io perché me pare proprio ’na cosa divertente. Però lui ha preso a carci pure a me.
Ma nun stamo sempre a fatica’. L’estate annamo ar mare, ma solo de domenica. Però er mare nun se vede bbene, perché c’è sempre un macello de ggente che lo copre.
Appena arivamo pijamo le sdraie e l’ombrelloni. Ma nun so’ li nostri. So’ de quelli che vanno a fa’ er bagno. Quanno torneno mi padre je dice ”levete dalle palle sinnò te scrocchio”. E le sdraie diventeno nostre.
Ecco, questa è la famijia mia e io spero che ve piace”.

Guardate, l'ho letta, questa storia, con una punta di amarezza. Si continua 'sto covid, er poro padre de Manolo avrà quarche difficoltà ad anna' ar mare e a fregasse l'ombrellone e 'e sdraio dell'antri. Pe' nun parla' der fratello e daa sorella...
'na famija come tante,che soffre! :bataboing :-(

TC :cuore
79c9c7b5-64b4-4fe1-b107-9f907c6ceae2
”Io so’ Manolo Guerazzi e faccio ’a quarta. Mi’ padre se chiama Remo Guerazzi e fa l’imbriaco. Quando che s’arabbia pija mamma a carci. Mi’ fratello se chiama Ermete e io e lui stamo sempre a litigà perché lui è un puzzone, io je tiro er cortello der pane e lui me tira lo scopettone der cesso....
Post
21/01/2021 15:53:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. Evelin64 21 gennaio 2021 ore 22:49
    Ah si' certo, s'offre parecchio... coll'apostrofo eh... s'offre alla vita de galera s'offre 0:-)
  2. tecerco 23 gennaio 2021 ore 10:32
    @Evelin64 be' si, però rimangono poveracci e andrebbero aiutati, è vero, anzichè sbeffeggiati, come fanno tanti..come fanno. Te dirò, maaaa un ristoro pure pe' questa pora famijia sarebbe opportuno, a mio modesto avviso! Mo' gliene parlo a Peppino Conte... :ok :haha :spazzolino
  3. Evelin64 23 gennaio 2021 ore 20:55
    Ecco si', parlacene n'po' in giro, che magari un alloggio di fortuna lo troviamo :ok
  4. ninfeadelnilo 25 gennaio 2021 ore 00:26
    A tec, ma stai a scherzà o stai fa sur serio? La storia in se me pare triste, ma ce sta pure na vena de comicità. Li casi son due: se è vero, poveri noi soprattutto poveri loro, che possa esistere famije a sto stadio di povertà e di stato sociale meglio in altri siti più importanti :stampella dove qualcuno po da na mano a chi c'ha bisogno.
    Se invece ce stai a co........ :cens per scherzare be sto scherzo nun me piace. Perchè persone in difficoltà e portate a trasgredire hanno bisogno di vere attenzioni. Io non le posso giudicare specialmente in questo terribile periodo. Non c'ho capito molto. che te passa pe la testa. :anykey
  5. ninfeadelnilo 25 gennaio 2021 ore 00:46


    La Smorfia - L'intervista (Versione "Luna Park" 1979)
  6. ninfeadelnilo 25 gennaio 2021 ore 00:48
    Mi hai fatto venire in mente questo sketch :many
  7. tecerco 25 gennaio 2021 ore 02:05
    @Ninfeadelnilo. Una volta, nel leggere questa storia, comica nel suo genere, avremmo solo sorriso divertiti. Oggi invece, oltre a sorridere con misura, ci scatta la riflessione di come certe fasce sociali siano ancor piu' penalizzate. Ed interviene, nel parlarne, anche quella "..punta di amarezza..", di cui scrivevo nel post. Stiamo cambiando, e la satira ha meno armi per farci sorridere spensieratamente. Perchè, spensierati non lo siamo, come anche tu, Raffy, hai voluto sottolineare tra le righe. Molto simpatico e divertente lo sketch del buon Troisi! :ok
  8. ninfeadelnilo 25 gennaio 2021 ore 02:19
    Hai ragione non siamo spensierati. Infatti non riuscivo a capire se dover ridere o piangere. Poi si deve sdrammatizzare se vogliamo uscirne non troppo traumatizzati. Si stiamo cambiando senza rendercene conto. Abbiamo bisogno di sorridere altrimenti non ce la facciamo. Troisi pur nella povertà comunque ci strappava un sorriso per sdrammatizzare certi ambienti che nella realtà non fanno ridere per niente. :batalettera
  9. tecerco 25 gennaio 2021 ore 02:34
    @Ninfeadelnilo. Il blog in questo periodo aiuta, secondo me, specie se ci si è conosciuti ed apprezzati a suo tempo. E' un rifugio sicuro, la nostra casetta blog. E la condividiamo volentieri con i nostri amici....
    Buona notte, cara Raffy.. :batadorme :batadorme
  10. ninfeadelnilo 25 gennaio 2021 ore 02:41
    Sono d'accordo. Come vedi siamo ancora svegli, troppi pensieri che tolgono il sonno. Ma ora chiudo anch'io e a ninna. Sogni d'oro amicuzzo mio.
    :ronf :batadorme :ronf
  11. ninfeadelnilo 26 gennaio 2021 ore 22:14
    :clap ohhhh... che fine hai fatto?
  12. didi71 04 febbraio 2021 ore 15:45
    io ero rimasta alla famiglia del mulino bianco :mmm
    DiDituA
  13. tecerco 04 febbraio 2021 ore 15:48
    @didi71 E pu'io, quella apprezzo de famija. Ma ce stanno pure l'antri...quei poracci che de 'sti tempi, co'tutti rinchiusi in casa andovanno a ruba' e a fa' marchette? Pori disgrazziati-ate! ;-( ;-( 0:-)
  14. didi71 04 febbraio 2021 ore 15:54
    devono aspetta' il loro turno vedrai che con il prossimo decreto ce rientrano pure loro
  15. tecerco 04 febbraio 2021 ore 16:12
    @didi71 uhm, ce credo poco..è finita l'era Conte!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.