L'ignoranza del calabrone

05 settembre 2014 ore 15:48 segnala


Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica aeronautica il calabrone,



a causa della forma e del peso del corpo, in rapporto alla superficie delle ali,



non può volare.



Ma il calabrone non lo sa e perciò vola lo stesso.

Siamo immersi in una folla di calabroni umani, amici miei.

E tocca sopportarli, poiché loro non sanno di esserlo. Calabroni.

Tranne che non si prenda esempio dalle api giapponesi...
Quest'ultime creano e mantengono la temperatura con cui uccidono l'insetto staffetta, così da impedirgli di tornare dai suoi simili e attaccare in massa il loro alveare.
Rapide, efficaci, letali. Quando vengono attaccate da calabroni giganti, le api autoctone giapponesi rispondono uccidendo l'esemplare mandato in avanscoperta con una tecnica che non lascia scampo: formano con i loro corpi una "palla di api" che avvolge l'insetto invasore, e vibrando coi loro corpi innalzano la temperatura al punto da "cuocere" vivo il malcapitato calabrone, che non potrà tornare al suo alveare con le informazioni necessarie per sferrare l'attacco in massa. Ed eccone il video:



Dunque, visto che l'unione fa la forza, createvi un gruppo e...si apre la caccia al calabrone!!! :clava :duello :amen

TC :cuore
c99b9d2d-fa2d-429e-ae5b-417802591191
« immagine » Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica aeronautica il calabrone, « immagine » a causa della forma e del peso del corpo, in rapporto alla superficie delle ali, « immagine » non può volare. « immagine » Ma il calabrone non lo sa e perciò vola lo stesso. Siamo immersi ...
Post
05/09/2014 15:48:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14

Commenti

  1. Vereor 05 settembre 2014 ore 16:05
    Capito le piccole e adorabili (quando non pungono)api?
  2. stregaxamore.VE 05 settembre 2014 ore 18:18
    Si l'unione fa la forza , ma spesso è difficile trovare con chi unirsi , le api sono degli insetti sociali e invece l'uomo spesso non lo è .




    :rosa :bacio
  3. julia.pink 05 settembre 2014 ore 19:31
    Uniamoci ci sto! :batatifo
  4. celesteAnita 05 settembre 2014 ore 21:20
    Ho ancora negli occhi una scena terrifihante di quando ero piccina. Una mia zia che sbianca e cade come morta. Un calabrone enorme la punge sul collo. ...ho visto hose che voi umani ecc ecc...Succede ma raramente. Poveri halabroni perchè volete friggerli? e chi lo dice che le api sono più buone? prova a disturbarle e vedi...e che il halabrone è ignorante chi lo ha deciso? come la storia delle oche ignoranti. luoghi comuni.
    Ciao. :bye
  5. tecerco 06 settembre 2014 ore 10:02
    Break: Pensate un po' a chi ci ha governato negli ultimi decenni. Un branco di "calabroni vuoti e saccenti", con tutto il rispetto per l'insetto. E c'è chi li imita, fingendo di volare alto nonostante le proprie infime capacità.
  6. dolcecarrie 06 settembre 2014 ore 18:13
    Ma no ...povero calabroneeee
    poi io sono contro la caccia
    Viviamo e lasciamo vivere api, calabroni, tutti. :rosa :-))
  7. tecerco 06 settembre 2014 ore 18:26
    dolcecarrie: ...con tutto il rispetto per l'insetto...ci ho tenuto a precisare sopra, Cate. Porello, 'na brutta fine! Si però, questa storia che io inizio un post in un modo e poi lo termino in un altro, me sa che solo io riesco a farlo. Ed il tutto con la vostra attenta partecipazione, che passa anche attraverso le notifiche. Perchè le notifiche delle risposte noi le vogliamo tutte!!! ;-) ;-) :rosa
  8. dolcecarrie 06 settembre 2014 ore 18:33
    E certo che si ...le vogliamo si :-)) ;-) :rosa
  9. Edelvais63 06 settembre 2014 ore 23:45
    Eccomi tornata e che trovo?? Calabroni!Con tutto il rispetto...puackkk :vomitino ...sarà x il prossimo post.. :bacio ;-)

  10. tecerco 07 settembre 2014 ore 00:11
    Edelvais63: Eh già!!! Bentornata Rosa'... :rosa :bacio
  11. Firstlady001 07 settembre 2014 ore 16:30
    Bellissimo post. Lei è un genio di umorismo. :bacio
  12. tecerco 07 settembre 2014 ore 23:17
    Firstlady001: First, thank you ! :bacio
  13. Firstlady001 08 settembre 2014 ore 08:38
    :clap

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.