L'OMEOPATIA..LA SIMPATIA...L'ANTIPATIA

10 settembre 2009 ore 19:01 segnala
L'omeopatia, che agisce con dosaggi infinitesimali, non tocca direttamente il corpo fisico, bensì i corpi sottili, che in seguito agiscono sul corpo fisico. Ecco perchè possiamo considerare anche uno sguardo, una parola o soltanto un sentimento, un pensiero, come sostanze identiche ai medicinali omeopatici: vanno a toccare i corpi sottili delle persone, scatenando reazioni che finiscono col riflettersi sul corpo fisico. Se lanciamo uno sguardo di odio a qualcuno o lo apostrofiamo con parole cattive, possiamo farlo ammalare...Al contrario, se qualcuno è depresso e chiuso in sè stesso e noi gli diciamo una parola buona, lo guardiamo con benevolenza, gli sorridiamo, ne sarà sollevato! Anche in questo caso gli abbiamo somministrato una dose omeopatica che è stata ricevuta dai suoi corpi sottili e si è poi riversata sul suo corpo fisico.
O. M. Aivanhov.
11102403
L'omeopatia, che agisce con dosaggi infinitesimali, non tocca direttamente il corpo fisico, bensì i corpi sottili, che in seguito agiscono sul corpo fisico. Ecco perchè possiamo considerare anche uno sguardo, una parola o soltanto un sentimento, un pensiero, come sostanze identiche ai medicinali...
Post
10/09/2009 19:01:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. sephira 10 settembre 2009 ore 19:57
    Non l'avevo mai pensata in questa versione ;-)
  2. serenella21 10 settembre 2009 ore 20:39

    se uno è depresso e gli dici una buona parola e un sorriso lo puoi aiutare .ma senza compatire ...sarebbe pieta' e nn omeopatia

    buona serata e grazie x il commento :batarosa

    bacione:rosa

  3. falaise 10 settembre 2009 ore 21:00
    HO AVUTO PREOBLEMI CON LA DEPRESSIONE.... E SE QUALCUNO FACEVA TANTO DI AVVICINARSI SORRIDERMI O  ALTRO... CON BENEVOLENZA.... LO SBRANAVO...!!!!MI SONO CURATA CON L'OMEOPATIA...MEGLIO.!!!! CIAO BUONA SERATA MERY :fiore
  4. cosillo 10 settembre 2009 ore 21:31

    l'omeopatia equivale al placebo, e, con questo non voglio sminuirla: il placebo è in grado di stimolare le risorse che l'organismo ha, e non sono poche, per autocurarsi efficacemente, ti passo la metafora.

    La solidarietà e la vicinanza fisica e umana non sono paragonabili ad un placebo(omeopatia) ma ad una vera terapia d'urto: è quello di cui ha bisogno chi soffre.

    Chi, al contrario, riceve negatività dal prossimo dimostra solo che non ha avuto l'opportunità per crescere, per autocostruirsi e questo deve fare: autostima.

    A proposito:

    X falaise.

    sarà perchè ha usato l'omeopatia che non riesce ad uscire dal suo empasse?

    adriano

  5. crenabog 10 settembre 2009 ore 22:37

    oh dunque, anzitutto grazie della visita - che ho ricambiato con gusto - e grazie soprattutto per avermi fatto risentire il mitico alimò e taccitù, che il povero nonno ne comprò un 45 giri a porta portese quando ero piccolissimo e non lo avevo mai più risentito. che bei ricordi ! di nonno, non del 45, eh! ahah! comunque circa il vaccino, sarà ma ne ho lette talmente tante che non lo farò manco se m'ammazzano! un caro saluto.

  6. Shakiki.290 11 settembre 2009 ore 14:15

    ¸.·´¸.·´¨)Ciao passo veloce per lasciarti un bacio...
     )
    (¸...----.·´ (¸.·´ .·´¸¸.·´¯`·--->.Buona Giornata...Kiarai molte volte anche con una parola si distrugge una persona. Ma anche con una parola si può rendere una persona felice. Grande è il potere del verbo.

  7. pinkred11 11 settembre 2009 ore 21:19

    verissimo ciò che scrivi,spesso si somatizza il malessere psicologico con quello fisico........è capitato pure a me.D'altronde anche un sorriso non costa nulla e dona tanto a chi lo riceve...così come lo ricevi da me :-)

  8. tantifiordalisi 13 settembre 2009 ore 23:56

    Ciao!

    Come tu hai sbirciato il mio post, io sbircio il tuo! ;o)

    Sai che partecipando ad una serata con tema "omeopatia", si parlava proprio di questo aspetto? Il relatore sottolineava l'importanza di determinate parole che, pronunciate, provocano determinate reazioni all'organismo. la parola più quotata è "grazie!". Le cellule rispondo in modo incredibile al solo suono di quelle poche lettere!

    A presto!

    Barbara:-)

  9. didi71 05 marzo 2011 ore 14:33
    subbito!! 0:-) Tatatua

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.