Sagace, allegro, pungente…cosillo!

28 giugno 2014 ore 01:14 segnala
In ricordo del mio amico Adriano, recentemente scomparso, ho deciso di ripubblicare due post, uno suo (A cena co' tecerco), che avevo conservato da tempo, ed uno mio (A cena dar cosillo), risalenti a novembre 2011, scritti a distanza di un paio di giorni l’uno dall’altro. Qualcuno degli “anziani del blog” sicuramente ricorderà…I piu’ giovani potranno gustare la verve ironica del nostro cosillo, a cui risposi a modo mio in un simpatico scambio di post, concordato per divertirci un po’ e…divertire i nostri lettori. In ciascuno dei due post, ho riportato i rispettivi commenti di allora, di Adriano e mio. Buona lettura!

A cena co' tecerco
12 novembre 2011 ore 12:48
Autore: cosillo




Lui sona ar citofono, io jie apro e vado a butt' 'a pasta, stasera bucatini a' matriciana.
Poi ritorno all'ingresso pe' accoglielo, m'abbraccia, m'ha portato er vino, freddo come piace a lui. M'ha portato....s'è portato.
Va be', ce mettemo a magna', se scofona li bucatini e dice che so' boni, allora io me arzo e vado 'n cucina a riscalla' l'ossibuchi quasi alla milanese, quasi perchè io nun ce metto er buro.
Lui me vie' a fa' compagnia, c'ha paura de resta' solo er pupo.
Acconnisco l'insalata e tornamo in camera da pranzo, lo vedo in difficoltà, infatti fa: "ce so' i grassetti", e io: "è normale".
Lui sta zitto per un po' mentre lotta co' 'a pietanza meneghina poi torna a' carica: "'n'artra vorta me porto 'a carne tenera da casa".
"ecco, bravo" faccio io.
Comunque a' fine vince la lotta ma è stremato, tutto er piatto suo è disseminato di pezzetti rifiutati.
Poi lo vedi che se guarda 'ntorno, io ho già capito.
"Nun ce sarebbe 'n dorcetto?"
"No 'o so" ji'arisponno.
M'a pijo comoda e 'ntanto lui s'agita, me piace vedello anna' 'n paranoia.
"Mo vado a vede'"
Torno co' 'na grossa fetta de pastiera, abbondante per uno ma poca divisa in due. Allora faccio finta che nun me va "a me solo 'na striscetta", jie brilleno l'occhi.
Co' sta pera s'è soddisfatta l'astinenza da dorce.
Poi, immancabilmente, porta 'r discorso sur blogge.
S'entusiasma, s'appassiona e s'arza da' sedia pe' mettese su 'na portrona, poi s'arza da quella e se va a mette' su 'n'artra portrona, nun contento d'a portrona se va a sede' sur divano, poi ricomincia da capo co' 'a sedia.
Me fa veni' er mar de testa.
Aho! Si nun c'avete er dorce e 'n salotto nun lo 'nvitate a cena, andrebbe 'n paranoia!

Commenti
tecerco12 novembre 2011 ore 13:03
C'avrei da di’ parecchio. Ma vi grazio per ora e ve dico solo che per annammene da casa Sua me lancio de sotto cor paracadute, quando gnafo’ piu’ a sentillo parla’ contro le vecchie classifiche e chi cancella i commenti e chi blocca i nick, contro er governo, contro er poro califfo, un vecchio blogger che da du’ anni ancora sta a core’ pe’ sfuggì alla Sua furia…contro tutti e tutto, sarvando naturally esclusivamente l’ultima sua fiamma chenonsochiè….
E nun finisce qui, perché un prossimo post mio sarà ‘ntitolato : “A cena dar cosillo”.

P.S. E cambia posizione ar divano, che me vie' er torcicollo a parla’ e guardatte! E damme ‘na sedia piu’ comoda, 'chè quella ndo' magno in sala è de fero, azz!!! E allarga er posto ndo' me siedo in cucina. E…meglio che me sto zitto per ora. Statte bene!

Ciao Adria’. Grazzie.


A cena dar cosillo...
14 novembre 2011 ore 11:02
Autore: tecerco

Eccove ‘a versione mia dei fatti…quarcosa è vera/ quarcosa l'ho esaggerata: dateve ‘na regolata!
Me tocca circa ‘na vorta a settimana d’anna’ a cena dar cosillo. Dici tu: perché te tocca? Me tocca, te risponno… è ‘na cambiale fissa. :bataboing Punto. Er giorno ‘o scegliamo ‘nsieme pe’ telefono. Chiamo io e glie dico che so’ libbero lunedi…e lui: no, lunedì c'ho Guendalina. Allora io: martedì?. E lui: no, martedì c'ho Giuseppina. Mercoledì? No, mercoledì c'ho Irina. Venerdì? No, venerdì c'ho Mariolina. :drunk Sabbato e domenica semo entrambi impegnati pe’ c…. nostri…E allora, mi interloquisce lui, te sei scordato er giovedì! Noooo, provo a difendermi, il giovedi noooo, che io doveressi d’anna’ ar centro anzzziani der quartiere dove c’è ‘na settantottenne…se chiama Arzilletta… che è ‘na strafiga alquanto giovanile: ‘nfatti de anni ne dimostra solo 75! :sbav
‘Nzomma, vaafaccio breve…er giovedì spesso devo d’anna’ da lui e so pe’ certo che Arzilletta oramai m’ha cornificato. :renna
Sconsolato assai… ve narro come vanno ‘ste cene. Apparte er fatto che già du’ ggiorni prima me devo da mette’ alla ricerca der vino che piace a sua signoria cosillo. Mò ‘ st’omo nun è come tutti, che s’accontenta. M’ha imposto che lo devo da chiama’ dall’enoteca e ‘n pratica, io guardo, enuncio i vini…lui sceglie e ordina. Nun è contento si nun spendo armeno 15 euri . Poi, me dirai tu: "vabbe’, vai a cena, porti er vino bbono…bevi pure te, no?" Eh si, magari! Che fa er paravento? :furbo Co' ‘a scusa che a me er vino piace fresco de frigo e quello che porto è invariabbilmente caldo, s’infratta nella sua enoteca privata er vino mio e a me offre du’ bicchieri de vino che lui compra a 50 cent al litro dar vinaio sottocasa sua. Lui, coso…cosillo, er vino pregiato miooo ‘nvece se lo bbeve co’ le donne suaaa. Ah tece’, m’ha detto, ma secondo te come c... faccio co’ tutte ‘e donne che me vengono a casa! Si oltre ar costo daa cena me devo accolla’ puro quello der vino d’annata, vado fori coll’accuso! ‘n sintesi, lui trombetta :zompa e io jè fornisco er vino…. Ch’aggiafa’? Veniamo al giovedì sera.
Parto da casa mia. Esco dar portone listato a lutto: bottoncino ar petto nero, fascia ar braccio nera, abito nero e faccia da funerale. :amen Mò siccome c'ho pure ‘n cappellaccio nero, nell’avviarmi a cena’ da ‘st’infamone , arivato sull’Appia, chiedo qua e là un po’ d’elemosina..così me rifaccio d'a spesa der vino, e me metto quarche sordo da parte p’anna’ dal pissicologo il giorno dopo pe’ famme tira’ su er morale, e ‘nzomma cerco de sopravvive’ economicamente e pissichicamente. Arivo da Lui solitamente in ritardo e me pijo er primo rimbrotto sull’uscio. :spam Poi me tolgo le scarpe e infilo le mie pantofole, che c'ho ar seguito Motivo? Nun se po’ fa’ rumore, 'chè quelli de sotto s’arabbiano. Entrato, me porta ‘n cucina dove Lui sta co’ ‘na parannanza e ‘nve dico che organizzazzzione che c'ha. Anzi voo dico. Tutto sistemato perfettamente e tutto funzionale, dal frigo multicapiente al triplo freezer al microonde rapido che in 2 secondi 2 te scongela puro un ghiacciaio. Naturalmente ‘a parannanza nun serve, perché chi cucina nun è lui, ma una donna robot giapponese gnuda…pure 'a robot ha asservito, er cosillo! ‘A cena è varia a seconda dell’umore der doctor. All’urtima me stavo a strozza’ pe’ quanto l’ossobuco era grasso. :vomitino Forse er cosillo c'aveva co’ me perché nun m’ha superato ai “piu’ commentati”. Che ve devo da di’:‘sta settimana gl'ho fatto fa’ dallo staffe ‘na corsia preferenziale.... evitiamo così che prossimamente m’avveleni. Ve faccio grazia della descrizzzione dettagliata del resto della serata, trascorsa tra scorni :dito4 ,male parole,scazzottate :duello ,sbadigli anche…yeahnnnn..gnam..gnam…, progetti di improbabili scherzi ai danni dell’amici nostri, un po’ de politica…soprattutto Lui,che sa tutto…. ed ampio, molto ampio e approfondito esame di tutti i profili psicologici dei nostri amici e nemici di blogghe. ‘nzomma avemo finito a botte, come ar solito… :clava con mia telefonata a lui pe’ perdonallo ‘a mattina dopo. Appropo', ce sarebbe pure stato ‘n’argomento pacioso e condiviso tra me e coso ed è la Lazio, :win la nostra squadra preferita. Peccato che nun ne avemo parlato…magari ‘a serata finiva tranquilla!
Ciò detto, lancio un urtimo disperato appello: “Aiutooo, sarvatemeee dar cosillo cuocooo!!! ;-)

Commenti

cosillo14 novembre 2011 ore 11:29
Quanno se tratta de porta' li piatti a tavola pe' magna' se offre d'aiutamme, quanno se tratta de sparecchia' sta ar telefonino a cazzeggia'.
Solo io lo so quello che me tocca manna' giù, artro che .......
E c'ha pure er coraggio de replica', meijo stenne 'n velo pietoso, in fin dei conti è d'a Lazio.

TC :cuore
2a5dd83c-3bb7-4689-8178-0118821ae2be
In ricordo del mio amico Adriano, recentemente scomparso, ho deciso di ripubblicare due post, uno suo (A cena co' tecerco), che avevo conservato da tempo, ed uno mio (A cena dar cosillo), risalenti a novembre 2011, scritti a distanza di un paio di giorni l’uno dall’altro. Qualcuno degli “anziani...
Post
28/06/2014 01:14:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12

Commenti

  1. dolcecarrie 28 giugno 2014 ore 02:02
    Bellissimo ricordo!
    E' bello rileggerlo, è un ricordo piacevole di Adriano ..grazie Tc :rosa :bacio
  2. james54 28 giugno 2014 ore 09:12
    bella scelta per commemorare un vero Amico, L’Uomo Adriano!!! :clap :bye
  3. klardiluna 28 giugno 2014 ore 10:13
    Io l'ho letto poco, purtroppo, ma il ricordo che ne fai tu, che lo hai conosciuto personalmente e per lungo tempo, è un modo bellissimo per non dimenticare, anche per chi ha avuto modo di apprezzarlo solo virtualmente.
    Sono sicura che lui sta sorridendo da lassù....mentre ti legge!! :-) :fiore

    due :rosa :rosa per lui... :-)
  4. LadyMestolo 28 giugno 2014 ore 12:30
    Ricordo bene questi vostri due post , mi ero riiscritta da poco. Quante risate mi ero fatta allora e rileggendoli tutto d'un fiato ,il sorriso è tornato sulle labbra come allora ..
    Grazie Gaetà per averli riproposti entrambi(Il suo ed il tuo) per ricordare Adriano.

    :rosa :rosa :rosa
  5. albaincontro 28 giugno 2014 ore 16:26
    Ricordo e mi ha fatto bene rileggerli e sorridere. So che tu non lo hai mai lasciato solo e Adriano te ne era grato,ricordo che lo ha scritto in un post elogiandoti.
  6. DemiMoore68 28 giugno 2014 ore 17:04
    Non conoscevo il tuo amico,ma voglio lasciare un saluto..Ciao Adriano. :rosa


    A te,tecerco,auguro un buon fine settimana...Ciao. :flower
  7. Edelvais63 28 giugno 2014 ore 17:58
    Caro Tec,dire che è stato un piacere e un divertimento leggervi..è dire poco.Io Adriano l'ho conosciuto poco nel blog..solo qualche battuta ma l'ho conosciuto benissimo tramite i tuoi racconti sulla vostra amicizia.Nutrivi per lui grande affetto e stima e conosco quanto gli sei stato vicino durante il periodo più difficile della sua vita terminata cosi presto.Certamente lui continuerà a seguirti e a sorriderti...come i vecchi tempi.Un saluto a te e un abbraccio ad Adriano :rosa
  8. goccesulmare 29 giugno 2014 ore 19:09
    Li ricordo bene sti due post....quanto ridere...eravate davvero unici con i vostri racconti, i vostri battibecchi, gli sfottò, ma tra le parole, i gesti raccontati traspariva viva, intensa, palpabile l'amicizia che vi univa. Per fortuna hai conservare alcuni suoi post, così hai dato a me e a chi lo ha conosciuto, l'opportunità di rileggerlo e apprezzarlo. Tc, quando qualche giorno fa sono andata nel suo blog per leggere qualcosa di lui, per ricordarlo con la nostalgia che provo in questi giorni, un improvviso vuoto mi ha colpito scoprendo che di lui non c'è più nulla, che dire, ti ringrazio per questo ricordo dolcissimo :-)
    gocce
  9. salyma 30 giugno 2014 ore 08:38
    Avevo già espresso il mio pensiero sul tuo precedente post sui Vostri rapporti di amicizia, quella vera quella profonda quella che non "obbliga" a dare in caso o meno di bisogno. E tu lo hai fatto nell'uno e nell'altro caso.
    I post che hai riportato qui sopra li ricordo benissimo, erano altri tempi per tutto e per tutti, purtroppo la vita fa presto a cambiare e a volte anche a lasciare un vuoto nel cuore di chi si è voluto bene.
    Adriano vivrà nel ricordo di tutti noi e ricordiamocelo in questi momenti di allegria e simpatia, il Suo blog è stato cancellato così come il Suo su FB, ma noi non lo dimenticheremo.
    :rosa
  10. Settembre 30 giugno 2014 ore 11:23
    non ho avuto il piacere di conoscerlo..peccato...

    era molto intelligente e simpatico con la giusta dose di ironia :-)

    :ciao Tc
  11. A.NGJ 30 giugno 2014 ore 22:27
    anch'io non l'ho conosciuto di persona. Era simpatico ed i suoi commenti colpivano sempre nel segno. Mi dispiace tantissimo per la sua scomparsa. Bravo Gaetano, hai fatto bene a ricordarlo in questo modo ..... :cuore :rosa
  12. c.ioccolatino111 01 luglio 2014 ore 12:18
    Rammento il suo ma non il tuo perchè è la prima volta che entro qui.
    E ancora una volta, il caro Adriano mi ha fatto ridere come allora...come LUI soltanto sapeva farmi ridere mentre leggevo i suoi racconti.
    Un caro saluto :rosa
  13. animabella64 06 luglio 2014 ore 14:20
    Grazie Tc...
    è stato bello rileggere i Vostri post... per qualche minuto sono ritornata indietro nel tempo...
    davvero un caro ricordo.. :cuore
    Tiziana :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.