Sconfitte equilibrate

16 settembre 2014 ore 11:01 segnala


Le sconfitte vanno acquisite con la maturità di un adulto. C'è un modo di farlo , corretto, nei confronti di se stessi. Così come chi perde in guerra cerca una pace onorevole e se la ottiene si riprenderà presto, altrettanto nella vita di relazione, in amore, chi subisce l'abbandono deve concentrare l'attenzione sul perchè della fine del rapporto e raggiungere con "l'altro/a" un equilibrio sulle "colpe", meglio ancora sulle diversità che hanno portato al distacco. Un equilibrio del genere, se raggiunto, darà la forza necessaria per continuare a vivere alla grande, altro che sopravvivere.
Ed infatti,le scelte fatte in precedenza non possono essere rinnegate: nel momento in cui si fecero si era convintissimi. A volte ci si sente traditi perchè i presupposti condivisi vengono rinnegati: è umano provare del risentimento. Col tempo, elaborando, se ne capiscono le cause(non colpe), assumendo consapevolezza dell'accaduto.
L'importante è non rimanere traumatizzati sotto la botta, perchè più avanti c'è il meglio.
Voleteve bene!

TC :cuore
f6e5625a-ca61-4cd6-8e75-b79e7637cb12
« immagine » Le sconfitte vanno acquisite con la maturità di un adulto. C'è un modo di farlo , corretto, nei confronti di se stessi. Così come chi perde in guerra cerca una pace onorevole e se la ottiene si riprenderà presto, altrettanto nella vita di relazione, in amore, chi subisce l'abbandono ...
Post
16/09/2014 11:01:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. julia.pink 16 settembre 2014 ore 11:28
    Ho letto e riletto tutto ciò che hai scritto e ne farò tesoro....

    Un equilibrio del genere, se raggiunto, darà la forza necessaria per continuare a vivere alla grande, altro che sopravvivere.


    Quando raggiungerò questo equilibrio avrò fatto pace con me stessa... :-p

    Un bacio :bacio
  2. Edelvais63 16 settembre 2014 ore 16:56
    Ci vuole grande equilibrio Tec..non è semplice x tutti.Solo aprendo cuore e mente si riesce con l'accettare anche i propri errori e limiti.Se si vuol avere sempre ragione non si arriverà mai alla vera serenità con se stessi e gli altri. :bye
  3. UnNick.Qualunque 17 settembre 2014 ore 08:40
    Prendo appunti :poeta perche' è molto saggio quel che hai scritto.... ma non e' facile metterlo in pratica.... eheheh scrivo per cognizione di causa.
    Un abbraccio Tec.
  4. salyma 17 settembre 2014 ore 15:28
    Non si capirebbero altrimenti tutti gli amori finiti, i matrimoni sfasciati, le amicizie cessate. Credo che serva molta intelligenza nel capire le motivazioni del distacco. L'essenziale è riflettere e comportarsi in modo civile per avere quella serenità che permette appunto di continuare a vivere bene. Il risentimento si estingue quando riusciamo a capire che qualsiasi situazione sia venuta a crearsi dovrebbe comunque esserci quel rispetto dovuto nei confronti dell'altra/o che evidentemente non era persona adatta nel poter continuare una qualsiasi relazione.
    Comunque è vero che a volte nel corso della vita può sempre inaspettatamente presentarsi ......il meglio, quel meglio che riesce a far dimenticare la botta, se botta si è ricevuta! Tutto dipende.......da che depende!!!:-))) Abbi pazienza ma a volte una parola o una frase mi fa venire in mente una canzone, deformazione e amore per la musica, quella è sempre presente! je vojo bene! :-))) assai.....ma tanto tanto bene sai...Beh ora meglio se smetto!
    Buona serata :-)
  5. stregaxamore.VE 17 settembre 2014 ore 21:00
    La delusione può essere forte per una sconfitta o un amore perduto, ma basta usare l''esperienza per crescere ,il risentimento non serve a nulla tranne che a farsi male ancora di più. Un baciotto gaetà
  6. suni.59 18 settembre 2014 ore 20:49
    :flower
  7. tecerco 19 settembre 2014 ore 08:48
    julia.pink: E' un percorso lento in cui puo' accadere di tutto, anche un ritorno. La svolta avviene proprio quando tra consapevolezza e speranza del ritorno, una delle due prevale, mettendo definitivamente a tacere l'altra. Nel frattempo? Un sorriso alla vita! Bacio. :rosa
    Edelvais63: Come scrissi a suo tempo, secondo me "sbagliato non esiste!". Quelli che troppo spesso vengono chiamati "errori", li dobbiamo invece valutare come il modo di essere di ciascuno di noi, nel proprio percorso di vita. Farci accettare ed amare è un'altra storia, legata all'"incontro fortunato". :rosa
    UnNick.Qualunque: Se ci riusciamo, la nostra serenità è la cosa principale da ricercare. :rosa
    salyma: Tu non smettere mai, Anna. A me le cose che dici paiono ragionevoli e leggerti è uno scorrere le tue righe, quasi le scrivessi io. Grazie. :rosa
    stregaxamore.VE: Si, concordo che il risentimento serve solo a farsi del male. bacio. :rosa
    suni.59: Una lunga estate, eh amica mia! Grazie. :rosa
  8. dolcecarrie 19 settembre 2014 ore 20:05
    Quel che scrivi è giusto, ma non vale per tutti, solo per le persone che hanno la capacità di comprensione. A volte non è possibile vedere il meglio. :bye :rosa
  9. tecerco 19 settembre 2014 ore 21:03
    dolcecarrie: Sono dell'avviso, Cate, che sono pochi quelli, fortunati, che riescono a voltare pagina, dopo essere passati sotto le cosiddette forche caudine. E c'è una altrettanto fortunata piccola schiera che riesce a ricucire strappi sulla carta "gravini". Ai restanti, quelli che permangono purtroppo sotto schiaffo o che si costringono a sorridere all'esterno, permanendo morti dentro, faccio i miei auguri di cuore... :rosa :bye
  10. didi71 19 settembre 2014 ore 21:58
    della serie "fate pace co''l cervello :-)))
    quanto sei saggio e anche para...gnosta ;-)
    tatatuatebacia
  11. tecerco 19 settembre 2014 ore 22:17
    didi71: Nulla sfugge a tata...mappete oh...co''l...ecchemeseidiventatatata! bacio bacio e a presto rivederti!
    P.S. Annamo verso l'inverno tata, la stagione turistica è finita da un pezzo. ;-)
  12. dolcecarrie 19 settembre 2014 ore 22:34
    Si sono d'accordo sono pochi i fortunati. :ok :bye
  13. Meike 20 settembre 2014 ore 16:17
    Ciao Gaetano,
    hai detto bene... bisogna volersi bene :bye
  14. tecerco 21 settembre 2014 ore 11:07
    Meike: Il volersi bene è il mio motto da sempre, il che non significa adattamento passivo: infatti, tutti i giorni noi scegliamo la nostra linea d'azione e, dunque, il nostro percorso. :rosa :bye
  15. Meike 21 settembre 2014 ore 20:55
    Ma certo Gaetano, infatti siamo noi gli artefici delle nostre scelte e quindi della nostra condotta di vita... il volersi bene è in primis per poter star bene con se stessi (attenzione, ciò che ho scritto è da non confondere con egoismo) :bye buona serata
  16. ladani6688 28 settembre 2014 ore 17:46
    che dirti... il post è come sempre chiarissimo, io non mi voglio abbastanza bene da tanto tempo e sono rimasta sotto schiaffo da un pezzo, sono andata avanti ho ricominciato a volermi un po' di bene ma non tantissimo, ho fatto un errore lasciando una persona che amavo tantissimo convinta che senza di me sarebbe stata meglio. ora lui sta con un altra ma quando ci vediamo per fare 2 chiacchere mi sento sempre come se dovessi andare in galera x quell errore. Allora chiedo quanti anni mi dai? così mi regolo e forse faccio pace col mio cuore e col mio cervello. La sua risposta è sempre quella: il passato è passato. E' vero solo che io lo amo ancora...Ciao caro :)
  17. tecerco 28 settembre 2014 ore 18:12
    ladani6688: sono molto dispiaciuto di apprendere quanto ti è capitato, lada. peccato davvero! non ti do alcun anno da scontare, anzi ti invio un abbraccio solidale con l'augurio che tu faccia l'incontro che ti liberi da questa dipendenza, e che il tuo cuore si possa prendere le soddisfazioni che tu meriti, per il tuo valore di donna... :rosa :bacio
  18. ladani6688 29 settembre 2014 ore 17:16
    grazie di cuore G. ti abbraccio
  19. didi71 02 ottobre 2014 ore 06:42
    chiudo il 10 ottobre 0:-)
    bacitatosi

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.