Votazioni Europee 2014

23 maggio 2014 ore 22:00 segnala


Se uno pensa che non ci sia piu' nulla da salvare della vecchia classe politica, specializzatasi, nei decenni trascorsi, in reati quali il peculato e la corruzione, vota Grillo, fondatore, insieme a Casaleggio, del Movimento 5 Stelle.
Se uno pensa che ci sia ancora qualche speranza che la propria squadra del cuore, la sinistra, si affranchi da decenni di proprio malgoverno e di proprie malversazioni di denaro pubblico, vota Renzi.
Se uno pensa che dalla costola della sinistra possa venir fuori una qualche improbabile alternativa, oltre alle note denunce di suoi assessori vari per peculato e corruzione, vota Tsipras.
Se uno pensa che ci sia ancora qualche speranza che la propria squadra del cuore, la destra berlusconiana, si affranchi da decenni di proprio malgoverno e di proprie malversazioni di denaro pubblico,vota Berlusconi.
Se uno, ex berlusconiano, pur sapendo che ex berlusconiani, ora alfaniani, hanno comunque partecipato per decenni alla spartizione illecita di denaro pubblico, e tuttavia ancora ama la propria squadra del cuore, la destra, vota Alfano.
Se uno è molto di destra e per lui non fa una piega che nel Parlamento europeo possano sedere anche un paio di fascisti, vota Fratelli d'Italia.
Se uno, ancora affezionato al concetto di Padania, intende rimuovere dalla memoria le illecite appropriazioni di denaro pubblico da parte dei figli di Bossi, vota Lega.
Se poi uno ama rimanere isolato, vota una delle altre piccole liste.
Evito di parlare di Mario Monti, il primo della staffetta Monti-Letta-Renzi, organizzata da Napolitano per spillare soldi dalle tasche degli Italiani, onde evitare la bancarotta dello Stato, provocata da decenni di ruberie e malgoverno da parte di tutti i partiti tradizionali. Quelli che devono andare a casa, insieme al loro referente, Napolitano.
Se infine,concludendo, una moltitudine pensante, ragionante, consapevole di voler finalmente vivere in uno Stato di diritto, rinuncia a seguire le proprie ex squadre del cuore, destra o sinistra che siano,rivelatesi inefficienti per decenni e decenni, rifiutando il solito inutile derby ideologico tra destra e sinistra e riservando il tifo esclusivamente alla propria squadra di calcio, e recandosi invece alle urne con senso di responsabilità e senso dello Stato, allora questa moltitudine, che siamo NOI, così come ha iniziato a fare nelle elezioni politiche del febbraio 2013, domenica 25 maggio esprimerà un voto consapevole, eticamente giusto, a tutela dell’avvenire dei propri figli, e voterà Grillo, dunque Movimento 5 Stelle. Il Movimento che fa dell’onestà il suo cavallo di battaglia, come ha detto stasera a Piazza S.Giovanni Luigi di Maio, vice presidente della Camera. Il Movimento che fa dei valori etici, il proprio credo, come ha detto il deputato Di Battista.Il Movimento che ha invitato a S.Giovanni il Presidente dell'Adusbef, il quale ha parlato di un milione e mezzo di famiglie truffate dalle banche, con la connivenza di chi sappiamo noi, i vecchi politici truffaldini, ed ha esaltato invece i ragazzi del M5S, facenti parte di un Movimento giovane, pulito e trasparente.Il Movimento che ha tra le sue fila Paola Taverna, romana verace, che afferma: "siamo stati attenti, non vi abbiamo mai tradito...", "ogni emendamento, ogni disegno di legge fatto approvare, è stato una lotta", "tutti a casa si, ma qualcuno dovrebbe andare nelle patrie galere". Ed ancora, Roberto Fico: "questa è una rivoluzione di cambiamento...non vogliamo una Europa che sia una unione di banche e di banchieri", "la solidarietà e la condivisione sono le parole del futuro". "O noi o loro" è, nel frattempo,dalla Piazza, il grido di incitamento dei simpatizzanti del M5S. Ed ancora, Beppe Grillo: ..."è una rivoluzione straordinaria, e si deve pensare ai figli ed ai nipoti...", "se si rubano soldi pubblici, deve scattare l'interdizione dai pubblici uffici perenne... e si ridanno indietro i soldi della tangente raddoppiati!", " dare il reddito di cittadinanza per salvare i senza lavoro" Ed infine Casaleggio: "ci sono molti motivi per vivere, e sicuramente uno importante è star qui stasera"... e cita Enrico Berlinguer,in positivo, "quale persona che negli anni '80 portò la questione morale, al contrario del Pd di oggi, che ha a cuore la questione immorale: è questa la differenza!"... "..quando tornate a casa, cercate di convincere chi è scettico".."tornate a casa e fate una carezza a queste persone,qualche familiare scettico, a nome del Movimento!"

Ecco, infine, i Sette punti per L'Europa, da parte del Movimento 5 Stelle:

1. Abolizione del fiscal compact. Che consegna l'Italia alla miseria, con tagli dalla Scuola alla Sanità, con nuove tasse che uccidono ogni possibilità di ripresa. Monti, Berlusconi, e tutto il Pd impegnano l'Italia a versare 50 miliardi di euro ogni anno all'UE. Un massacro per il nostro Paese.
2. Adozione degli eurobond.Titoli di debito pubblico dei Paesi Eurozona, emessi dalla UE, la cui solvibilità è garantita da tutti i Paesi. In una Comunità ci si aiuta a vicenda. Se uno Stato è in difficoltà non lo si abbandona al suo destino come è successo con la Grecia.
3. Alleanza tra i paesi mediterranei per una politica comune. Italia, Francia, Spagna, Grecia e Portogallo subiscono gli effetti di una economia a rilento e una crisi dilagante. Proponiamo un'Alleanza fra Paesi del Mediterraneo con l'obiettivo di una "Politica Comune" per superare le difficoltà.
4. Investimenti di innovazione e nuove attività produttive esclusi dal 3% annuo di deficit di bilancio. Dobbiamo togliere ogni alibi ai governanti italiani che si trincerano dietro al vincolo del 3% e negano qualsiasi finanziamento alla giovane e nuova impresa. No al Patto di Stabilità per ricerca, innovazione e messa in sicurezza del territorio.
5. Finanziamento per attività agricole e di allevamento. I prodotti per l'alimentazione nostrani consumati nel nostro territorio dovranno essere avvantaggiati fiscalmente. Le arance Siciliane dovranno poter essere consumate in Italia al posto di quelle di altri Paesi. Se venisse applicato il vero costo del trasporto e della distruzione ambientale per i prodotti agricoli dall'estero, verrebbe favorita sempre la produzione interna.
6. Abolizione del pareggio di bilancio. Il pareggio di bilancio non è una necessità economica e finanziaria, ma il risultato di una ideologia fallimentare, che obbliga l'Italia a chiudersi in una morsa dove far quadrare con grossa difficoltà il rapporto fra costi e ricavi tagliando solo in settori dove è ancora possibile.
7. Referendum per la permanenza nell'euro. Un referendum sull'euro consente agli italiani di valutare le ragioni del Si e del No. Decidiamo insieme il nostro futuro.


Con il "Discorso all'Umanità", di Charlie Chaplin, Beppe Grillo ha chiuso la campagna elettorale per le "Europee del 2014".

http://youtu.be/kvYT0cY7zzY

Ed infine l'invito del M5S: "Adottate un indeciso, e portate il Movimento 5 Stelle alla vittoria!"
Io ero lì stasera, a Piazza S.Giovanni, tra il popolo del Movimento 5 Stelle...

TC :cuore
4b8e67d8-a48f-45f5-9c03-782c0a8a9f28
« video » Se uno pensa che non ci sia piu' nulla da salvare della vecchia classe politica, specializzatasi, nei decenni trascorsi, in reati quali il peculato e la corruzione, vota Grillo, fondatore, insieme a Casaleggio, del Movimento 5 Stelle. Se uno pensa che ci sia ancora qualche speranza che...
Post
23/05/2014 22:00:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14

Commenti

  1. UnNick.Qualunque 24 maggio 2014 ore 08:53
    Partiti a parte, il primo dei sette punti del M5s, puo' essere uno specchietto per allodole. Spero, qualora questo referendum prendesse vita, i votanti facciano la giusta scelta....
    Io, disillusa apolitica, nonostante tutto, continuo a votare... nessuno mi convince ma, diciamo che, del passato ne ho piene le scatole... Ad maiora!
  2. tecerco 24 maggio 2014 ore 09:16
    UnNick.Qualunque: Come avviene nei referendum,"costringerebbe" tutti, anche coloro che non si occupano tanto di politica, magari per mancanza di tempo, a scendere nel dettaglio dell'argomento. Essere cittadini consapevoli dà la patente di cittadino di serie A, e l'Italia ha ormai tanto bisogno della discesa in campo di questi cittadini, per riprendere a crescere...
    Ad maiora, semper usque ad sidera! :rosa
  3. julia.pink 24 maggio 2014 ore 10:12
    Io non so ancora cosa votare, mai stata così confusa :-(
  4. tecerco 24 maggio 2014 ore 11:40
    julia.pink: Io, è un po' che approfondisco gli argomenti sul tappeto. Visto che buona parte della stampa, omette di dire tutta la verità ed è di parte,l'unica strada percorribile per noi cittadini è di partecipare ed occuparci in prima persona, nel tempo disponibile, almeno di ciò che riguarda il nostro quartiere e la nostra città. Senza scordare i danni che si sono fatti nel passato e senza indulgere troppo al "perdono" nei confronti di quei partiti politici che hanno avuto tra le loro fila amministratori della cosa pubblica che hanno badato solo al proprio tornaconto, rimediando denunce penali. :bye
  5. Edelvais63 24 maggio 2014 ore 17:09
    Voglio gente nuova..cittadini responsabili! ;-)
  6. DemiMoore68 25 maggio 2014 ore 13:48
    Ciao tecerco.e´ sempre la stessa storia,tu credi veramente che cambieranno le cose nel nostro paese?..
    buona domenica.
    :flower un caro saluto.
  7. tecerco 25 maggio 2014 ore 14:35
    Edelvais63: In tal caso, c'è da metter da parte chi osa ancora parlare, i vecchi partiti TUTTI, e votare il NUOVO: Movimento 5 Stelle, naturalmente! ;-)
  8. tecerco 25 maggio 2014 ore 14:45
    DemiMoore68: Io non mi limito a "credere", Demi, bensì incontro cittadini come me, partecipo a dibattiti, valuto le tante proposte politiche del M5S che condivido,do il mio contributo di idee, do forza col mio voto a tale Movimento di cittadini ,e così facendo do il mio apporto per cambiare le cose del nostro Paese! Un caro saluto a te e a presto! :rosa
  9. tecerco 25 maggio 2014 ore 15:06
    Per tutti: Sto facendo da ieri alle 16, e naturalmente tutto oggi fino alla conclusione dello spoglio delle schede, il Rappresentante di Lista in tre sezioni di un seggio elettorale, sito in una scuola della mia città. Una esperienza davvero bella... :bye
  10. did.lina 25 maggio 2014 ore 17:46
    Complimenti per l'impegno e la chiara esposizione dei tuoi concetti! Io non voto Movimento 5 stelle, anche se, per certi versi sono d'accordo con loro. Spero tanto che partendo dall'Europa (senza euro) si possa rattoppare questa povera Italia, sperando in un sano federalismo. :-) Ciao
  11. tecerco 25 maggio 2014 ore 17:53
    did.lina: Ti ringrazio per il tuo intervento, comunque propositivo, e spero che il confronto tra noi cittadini di questa Italia prosegua sulla falsariga di questo nostro confronto, educato e costruttivo, per raggiungere gli obiettivi di giustizia sociale a cui noi teniamo. Un saluto caro. :rosa
  12. tecerco 26 maggio 2014 ore 13:20
    L'esito del voto delle europeo, favorevole sulla carta a Renzi, è da attribuire, a mio avviso, al disagio emotivo di chi è abituato ad affidarsi...parlo di una buona parte degli elettori di Renzi... ricopiando il compito del compagno di banco, senza aver studiato.
    Io credo invece che:
    1.Va contrastata la cultura del "perdonare il politico che sbaglia". Il sentimento del perdono, riserviamolo ai nostri familiari, non ai partiti politici!
    2. Li stiamo comunque addestrando un po' alla volta a rigar dritti, i vari Pd, Ncd attualmente al governo, e dunque in parte già governiamo.
    3. Alla paura del cambiamento, figlia della ignoranza dei fatti, va sostituita la cultura della partecipazione attiva.
    4. Il popolo di ciucci, va portato per mano e con pazienza a scuola.
    5. La nostra credibilità va rafforzata anche indicando in un libro bianco tutti i passati misfatti altrui, partito per partito, nome per nome, in ordine alfabetico.Il processo in rete di cui ha parlato Grillo...
    6. Va benissimo così e...continueremo a confrontarci con loro sui contenuti, come abbiamo ottimamente fatto fino ad ora.

    Grazie a chi ha partecipato a questo scambio di opinioni ed a chi vorrà ulteriormente intervenire.
  13. Settembre 27 maggio 2014 ore 01:31
    io ti prego di comprendermi TC ma vedo la politica molto "sporca"

    se dal frutto si riconosce l'albero, la politica del dopo guerra

    è marcia a partire dal plebiscito post bellico.

    (non stò qui a dire come e perchè ma aveva vinto il re)

    ( di schede sparite e poi ritrovate nella spazzatura abbiamo
    le prove e di non molto tempo fà, memoria docet)

    io sono repubblicana solo per chiarire.

    Ti ammiro perchè è palese il tuo entusiasmo, continua così :-)

    Io non vedo un partito per cui votare, dò atto a grillo

    di avere scosso le coscienze, ma dire europa non vuol dire merkel

    come tanti pensano la realtà è peggio.

    dire europa vuol dire banche, globalizzazione che a parer mio

    dividerà in ricchissimi e poverissimi;bravo chi riuscirà a rivoltarla

    come un calzino se sarà mai possibile in modo pacifico.

    Ma se tu ci credi ti auguro orrizonti sereni,

    sei una brava persona TC :-)
  14. tecerco 27 maggio 2014 ore 10:21
    Settembre: Intanto ti ringrazio per aver dato una tua opinione, così puntuale. Così come te, come tutti...ho iniziato a votare da giovane, pieno di speranze nel futuro, del mio Paese e mio, senza però mai coltivare dipendenze intellettuali. Cosa fa nella sua vita un cittadino come me? Lavora,e lo fa con serietà ed impegno. Segue da vicino le vicende della propria famiglia, partecipando alle decisioni, contribuendo alla crescita economica di essa, educando i figli e controllando che essi recepiscano bene gli insegnamenti ricevuti. E poi, guardandosi intorno, cosa si aspetta un cittadino come me? Si aspetta che chi è stato pagato profumatamente per anni per dirigere e far crescere il Paese, abbia assolto il proprio compito. Lo abbia assolto lavorando con dedizione. Non te la faccio troppo lunga, amica mia, anche perchè è evidente dappertutto cosa è successo. I nostri politici,impegnati com'erano a favorire interessi di parte, non hanno voluto esercitare il controllo, e tantomeno hanno assolto il proprio compito di governare bene, portando Noi cittadini ed il Paese tutto, sull'orlo della bancarotta. E' per tale motivo che è nato il Movimento. Per mandare a casa costoro, e per liberare il tessuto sociale dalla cancrena di furti e furterelli che si consumano tutti i giorni da parte di tantissimi individui, cresciuti con la cattiva educazione sociale, impartita dai suddetti politici, insieme ai loro partiti. Vendetta? No, giustizia! Esattamente come è previsto che il reato di omicidio non si prescrive mai, per cui anche dopo cinquant'anni, è possibile riaprire indagini, istruire processi, mandare in galera chi ha sbagliato, anche con i nostri politici corrotti, ed i rispettivi partiti politici, vanno istruiti processi,reali ed anche mediatici, portandoli a pagare ora per allora il fio delle loro malefatte. In una situazione come quella che è apparsa ai nostri occhi, cosa fare se non aderire al Movimento, agendo in diretta e riprendendo in mano le sorti nostre e dei nostri figli! Che governino, nel frattempo, consci che in Parlamento siede ormai in pianta stabile un manipolo di cittadini, che sono lo zoccolo duro della reazione della gente benpensante del Paese. Essi sono il nostro occhio vigile e, ne siano certi anche coloro che hanno votato altrove, stanno facendo gli interessi del Paese, anche il loro!
    Grazie, amica mia. Complimenti a te e buona giornata. :rosa
  15. salyma 27 maggio 2014 ore 18:37
    Ormai sai che dell'argomento politica non mi piace parlare, rispetto ogni idea ed io ho naturalmente la mia. E non mi piace parlarne soprattutto perchè se in alcuni blog ho fatto degli accenni o rimostranze a quanto vi era scritto, o quando feci un post contro le modifiche ai blog da parte dello staff e mi feci uno sciopero da sola, e per aver postato in quella occasione un video "El pueblo unido" sono stata presa in giro e quasi scorticata viva in alcuni blog dai relativi blogger che evidentemente solo per questo pensano che io sia una comunista. Si sbagliano di grosso ma a chi ho dato il voto non lo dirò!
    L'unico partito che ha vinto e continuerà a vincere in Italia e in tutta Europa e che non aveva una propria lista sulla scheda è il Partito Delle Banche !
    Ciao TC :-)
  16. miriam71 28 maggio 2014 ore 00:07
    Ho smesso di credere ai "politicanti" a tutti coloro che si affannano in campagna elettorale per carpirti il voto con promesse più o meno vuote,prima delle elezioni ti fanno tutti gli occhi dolci il giorno dopo le elezioni ti agguantano con i loro artigli e non hai scampo...da tempo mi dicono di votare il meno peggio ma io non l'ho mai trovato,per me tutti una massa di ladroni,nessuno escluso,che nulla fanno per aiutare il popolo ma tanto fanno per i loro sporchi interessi!
    ti abbraccio Tc e ti lascio la mia buonanotte! :kissy
  17. tecerco 28 maggio 2014 ore 10:08
    salyma:...Il Partito delle Banche... Un esempio lampante è stato il contestato decreto sulla rivalutazione delle quote della Banca d’Italia, il cui capitale detenuto da banche ed assicurazioni è passato da 156.000 euro a 7,5 miliardi di euro. Tale decreto, oltre a configurare un aiuto di Stato mascherato alle banche socie, concretizza ipotesi delittuose dato il trasferimento forzoso dallo stato patrimoniale di Bankitalia (Ente Pubblico), costretta ad attingere dalle riserve ordinarie e straordinarie (22,6 miliardi di euro al 31.12.2012), per ricapitalizzare le banche socie con un apporto di 7,5 miliardi lordi (6,6 miliardi di euro netti), ed è finito davanti la Procura Generale della Corte dei Conti per danno erariale,alla Commissione Europea per aiuti di Stato, a 130 Procure della Repubblica con ipotesi di peculato.
    Col regalo alle banche, fatto a spese della collettività, e difeso a rischio di incostituzionalità dalla Boldrini, Letta e Pd, lo Stato ha regalato alle banche una somma immensa:
    2 miliardi di euro netti a Intesa San Paolo,
    1,452 miliardi a Unicredit (22%);
    415 milioni a Assicurazioni Generali;
    409 milioni alla Cassa di Risparmio di Bologna:
    330 milioni all'INPS;
    264 milioni a Carige;
    184 milioni a Bnl;
    165 milioni a Monte dei Paschi di Siena (!)
    138,6 milioni a Cassa di Risparmio di Biella e Vercell;
    132 milioni a Cassa di Parma e Piacenza;
    125,4 milioni a Carifirenze.
    Un ulteriore “regalo” a banche e banchieri azionisti di Bankitalia è rappresentato dalla pioggia dei dividendi annui, i quali fissati al tasso del 6%, ben 24 volte il tasso di riferimento Bce dello 0,25%, oppure se si preferisce 2 volte in più dei tassi di rendimento dei BTP attorno al 3%, porteranno nei bilanci delle banche socie ben 450 milioni di euro.
    Banche, appunto!!! :ok
    Buona giornata, Anna. :rosa
  18. tecerco 28 maggio 2014 ore 10:18
    miriam71: Così come te, tanti altri si sono fatti prendere dallo sconforto. Ed invece si deve ritrovare il coraggio. La rete è una fonte di notizie, la gran parte veritiere, genuine. Un nuovo interesse, una nuova fiducia ti potrà provenire dalla verifica che quel che si dice che si farà, poi si fa. Io, ho trovato nel Movimento l'ambiente ideale per il confronto, e la verifica, appunto! Ma per raggiungere questo obiettivo, ho iniziato a partecipare. Il concetto fondamentale è la partecipazione: da lì parte tutto, compresa una nuova speranza nel futuro per tutti noi.
    Un abbraccio, Miriam... :rosa
  19. salyma 28 maggio 2014 ore 14:15
    Appunto e che vadano a morì ammazzati insieme alle Banche coloro che hanno permesso tutto questo!
  20. miriam71 28 maggio 2014 ore 23:59
    Hai ragione,ormai molti di noi siamo sconfortati e demotivati e abbiamo gettato la spugna facendo ancor di più il gioco dei poitici...chissa forse mi riappassionerò a qualche ventata di idee innovative per ora preferisco occuparmi d'altro :-)
    buonanotte Tc :kissy
  21. tecerco 29 maggio 2014 ore 08:56
    miriam71: la ventata di idee innovative c'è stata e c'è tutti i giorni. Ti faccio un esempio per tutti, UNICO, credo nella storia di tutti i partiti politici del mondo.
    Il Movimento 5 stelle il 20 maggio ha presentato un assegno con la metà delle indennità dei parlamentari insieme alle eccedenze della diaria non rendicontata. Presente anche il leader Beppe Grillo: "Se l'avessero fatto prima, e tutti, avremmo evitato tante tragedie".
    Mi spiego meglio.
    I deputati e senatori del Movimento 5 stelle hanno organizzato il Terzo restitution day: un assegno gigante da 5 milioni 433 mila e 840 euro, che sono i soldi di metà indennità parlamentare e della diaria non rendicontata destinati al fondo per la piccola media impresa creato dal Ministero dell’economia. Il primo a firmare simbolicamente lo striscione è stato il leader Beppe Grillo che poche ore prima era a Porta a Porta intervistato da Bruno Vespa. In totale i grillini hanno restituito allo Stato 7 i milioni di euro. “Se lo facessero tutti i partiti”, ha commentato Grillo, “raccoglieremmo 50 milioni di euro all’anno, una cifra straordinaria. Se l’avessimo fatto prima, e tutti, si sarebbero evitate tante tragedie di imprenditori che si sono suicidati. Oggi un piccolo imprenditore può andare in banca e accedere a un prestito di 20mila o 30 mila euro. Devono farlo anche gli altri partiti per dare un segnale, sono iniziative semplici. Pensavamo che gli altri ci avrebbero seguiti, ma non è successo”.


    Io mi chiedo, Miriam, anzi lo chiedo a te e lo chiedo a tutti: un comportamento del genere, così altruista ed attento ai bisogni della gente, da parte di una forza politica ottimamente guidata da ottimi leader, non avrebbe dovuto conquistare...e parlo solo di questa iniziativa, si badi bene...un riconoscimento elettorale di almeno il 50 % degli elettori???
    Cosa ha fatto invece l'80% circa degli elettori?! Hanno scordato bellamente questo gesto altruistico fatto dai parlamentari del M5S, che si sono tolti i soldi dalle proprie tasche...dalle proprie tasche...ed hanno dato il voto, per il 40% circa ad un certo Renzi, il quale ha, anche lui, si, aggiunto, prendendoli dalle casse dello Stato e non dalle proprie tasche, 80 euro agli stipendi dei piu' bisognosi, ma nel frattempo ne sta togliendo 160, di euro,alle stesse famiglie bisognose ed a tutte le altre famiglie, con l'aumento delle tasse tipo la TASI e simili!!! Roba da matti, aver premiato solo con il 22% il M5S ed aver esaltato con il 42%, il Pd!!! Mi consola una sola considerazione, che è poi quella che ho fatto piu' su. Parecchia gente è andata a votare senza aver letto nulla, senza essersi informata, senza aver partecipato. E, vi assicuro, per quanto il M5S si sia dato da fare sulla Rete e nelle piazze, se la gente non ha voglia di impegnarsi e studiare, bisognerà trovare altre forme di comunicazione.
    Un saluto caro, Miriam... :rosa
  22. tecerco 30 maggio 2014 ore 17:19
    Per tutti
    Concludo il mio post con un servizio delle Iene, che vi linko sotto, il cui titolo è: "Se avessero votato tutti gli Italiani"

    https://www.facebook.com/photo.php?v=10152523310800530&set=vb.48166220529&type=2&theater

    In tale servizio, le Iene vanno ad intervistare 1000 persone che domenica 25 mag non sono andate a votare, recandosi invece sulla spiaggia. Dunque, un campione di 1000 astenuti.

    Domenica, solo il 58% è andato a votare,mentre il 42% ha preferito fare altro.Dunque gli astensionisti sono il primo partito in assoluto. Il risultato delle votazioni, una volta scrutinate le schede, è stato:
    Movimento 5 Stelle: 42,1%
    Forza Italia: 14,2%
    Fratelli d'Italia: 10,8%
    Partito Democratico: 10,2%

    Ma confrontiamoli con i dati reali delle urne, dove:
    Movimento 5 Stelle: 21,2%
    Forza Italia: 16,8%
    Fratelli d'Italia: 3,7%
    Partito Democratico : 40,8%

    E quindi, se per assurdo unissimo questi voti con quelli espressi da chi non è andato a votare, il risultato sarebbe:
    Movimento 5 Stelle: 32,4%
    Partito Democratico: 27,9%
    Forza Italia: 15,7%
    Fratelli d'Italia: 7,3%

    Incidentalmente il campione degli astenuti non è numerosissimo :ok ....però, però...io me lo sposo e, ligio alla tradizione che vuole i secondi se-dichiaranti comunque primi e vincitori pur'essi, mi compiaccio per la vittoria del Movimento 5 Stelle :clap , pur virtuale ;-) , ringrazio gli intervenuti e rimando il nostro scambio di opinioni al mio prossimo post, che scriverò a breve!!
    Grazie a tutti! %-)
  23. Edelvais63 30 maggio 2014 ore 19:10
    :ok :ok :ok
  24. tecerco 30 maggio 2014 ore 23:05
    Come accennato piu' su, invito tutti alla lettura del mio post di stasera... :bye

    http://blog.chatta.it/tecerco/post/rubba-meno-.aspx
  25. tecerco 19 giugno 2014 ore 12:29
    E' NATO IL GRUPPO EUROPEO DEL M5S: l'EFD

    "Il nuovo gruppo EFD è stato formato in seno al Parlamento europeo, attualmente con 7 delegazioni nazionali e 48 membri. Il Presidente del Gruppo Nigel Farage ha detto: "Sono molto orgoglioso di aver formato questo gruppo con altri deputati e ci impegniamo a essere la voce dei popoli. Saremo in prima linea a lavorare per il ripristino della libertà, della democrazia nazionale e della prosperità in Europa. Abbiamo lottato contro una forte opposizione politica per formare questo gruppo e sono sicuro che funzionerà molto bene. Ora è formata mi aspetto altre delegazioni si uniscano presto ". Il gruppo si riunirà a Bruxelles nel pomeriggio di Martedì 24 Giugno.

    Il MoVimento 5 Stelle è una forza dirompente che ha saputo portare un reale cambiamento nel panorama italiano, attraverso il superamento di metodi e contenuti che appartengono alla vecchia politica e per mezzo di una concreta partecipazione dei cittadini, in modo democratico e trasparente. Ora si accinge a portare una sferzata di energia, coraggio e determinazione nelle istituzioni europee.
    Il MoVimento 5 Stelle si propone di tradurre in maniera fattiva, all'interno del panorama europeo, i sette punti che hanno caratterizzato la propria campagna elettorale: abolizione del fiscal compact, adozione degli eurobond, creazione di un'alleanza fra i paesi mediterranei per una politica comune, abolizione del pareggio di bilancio, realizzazione di investimenti in innovazione e nuove attività produttive esclusi dal limite del 3% annuo di deficit di bilancio, ottenimento di finanziamenti per le attività agricole e di allevamento finalizzate ai consumi nazionali interni, oltre alla necessità di indire un referendum relativo alla permanenza nell'euro.
    Realizzato il gruppo, Beppe Grillo ha sostenuto l'importanza del ruolo del Movimento 5 Stelle in Europa: "È una grande vittoria per la democrazia diretta. Per la prima volta in Europa, i cittadini hanno scelto i loro portavoce e hanno indicato loro dove collocarsi all'interno del Parlamento Europeo. Ora entreremo nelle commissioni e faremo sentire con fermezza nelle istituzioni la voce dei cittadini, senza intermediari. È fantastico!"
    ...dal blog di Beppe Grillo.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.