IL CAFFE' E' PIU' CALDO ED IO PIU' OMBRA

01 ottobre 2020 ore 08:59 segnala




Passo come una randagia in luoghi che non m’appartengono, come se poi ci fossero posti a cui appartengo.
Coloro i quali sanno cogliere il movimento, mi offrono punti di domanda fugaci, tatuati sulle pupille; solo un attimo e sono già altrove.
Non impressa in alcuna memoria temporanea, nel gioco dell’ombra, che prosegue.
9753b6d0-68cb-4179-95d2-f4e9c0b77dea
« immagine » Passo come una randagia in luoghi che non m’appartengono, come se poi ci fossero posti a cui appartengo. Coloro i quali sanno cogliere il movimento, mi offrono punti di domanda fugaci, tatuati sulle pupille; solo un attimo e sono già altrove. Non impressa in alcuna memoria tempora...
Post
01/10/2020 08:59:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. RondineInvernale 04 ottobre 2020 ore 21:21
    ho letto tutto d' un fiato la tua bacheca e un paio di tuoi post. Avrei dovuto farlo prima, ogni parola e ogni immagine mi parlava come fosse viva, non so se ti sto lasciando un punto di domanda o solo un ricordo del mio passaggio, ma credo sia giusto lasciartelo... mi vergognerei a passare senza lasciare nemmeno una parola... è una canzone (il like non c'è quindi puoi scegliere se cancellare o meno)

    https://www.youtube.com/watch?v=NCoh4Axfcuk
  2. TerzoCassetto 04 ottobre 2020 ore 21:40
    @RondineInvernale Un disco per quando ho iniziato a sentirmi persa nella nebbia, la prima connessione con l'impotenza emotiva e la rassegnazione vissuta come partenza e non fine.

    QUANTO AMO QUESTO PEZZO, E QUANTO AMO LORO.
    Grazie
  3. RondineInvernale 04 ottobre 2020 ore 21:42
    Grazie a te, mi risuonava molto con queste parole, non ancora l' epitafio. Continuerò a leggerti in silenzio

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.