OGGI RELAX!

19 novembre 2008 ore 18:29 segnala
  OOOOOH!!!!! :yeye MEZZA GIORNATA LIBERA! PER ME TUTTO L’ORO DEL MONDO!

ANCHE SE PURTROPPO LA DOVRO USARE PER FARE TUTTO QUELLO CHE NON POSSO FARE DURANTE LA SETTIMANA! :stampella :testata OGGI ALTRA TAPPA NEL MIO MONDO! ALTRO CHITARRISTA! OGGI VI TOCCA JOHN PETRUCCI! PERO’ NON DA SOLO, MA CON IL SUO MITICO GRUPPO I DREAM THEATRE! :punk SPERO’ CHE QUALCUNO APPASSIONATO COME ME CAPITI IN VISITA AL MIO BLOG PER GODERSI QUESTO VIDEO! PER GLI ALTRI A CUI NON PIACCIONO…BE’…CAXXI VOSTRI!!! :cens A ME SI! SE NON VI VA’ NON LO GUARDATE! :caccavallo :dito4 AH DIMENTICAVO…QUESTA CANZONE NON HA PAROLE PERCHE’ E’ STRUMENTALE!(PER QUALCUNO DI CUI NON FACCIO IL NOME) :cracra

SCUSATE SE VI SEMBRO UN PO’ SGARBATO, MA OGGI, PER USARE TERMINI ADATTI ANCHE AD UN PUBBLICO DI MINORI, IL MOTO CENTRIFUGO-CENTRIPETO DEI MIEI COSIDDETTI E’ PARTICOLARMENTE ACCELERATO! :alfuoco  MI DISPIACE! PER OGGI PRENDETEMI PER COME SONO! :inchino

 

ADESSO DEVO ANDARE A STUDIARE UN PO’! CONCLUDO IL POST LASCIANDOVI PERO’ CON UNA PICCOLA POESIA SULL’AMORE:

 

 

E’ l’amore che è essenziale.
Il sesso è solo un accidente.
Può essere uguale
o differente.
L’uomo non è un animale
è una carne intelligente,
anche se a volte malata

 

Fernando Pessoa

 

FINALMENTE...

11 novembre 2008 ore 01:10 segnala
BUSH SI LEVA DALLE PAXXE! :-x

DOPO 8 ANNI DI CASINI A LIVELLO MONDIALE GLI STATI UNITI AVRANNO UN NOUVO PRESIDENTE. QUESTO E’ Barack Obama.

AMERICA…NAZIONE NATA SULLA LIBERTA’! FONDATA DA UOMINI CHE SULLA LORO PELLE HANNO PROVATO L’OPPRESIONE DEI LORO PAESI! NAZIONE CHE HA SEMPRE DIFESO OGNI DIRITTO UMANO! PATRIA DI UOMINI CHE CON IL LORO CORAGGIO HANNO FATTO CAPIRE AL MONDO CHE SIAMO TUTTI UGUALI E TUTTI CON I SOLITI DIRITTI! FIGLI DI UN UNICO DIO E DELLO STESSO MONDO! NAZIONE DOVE I SOGNI SI REALIZZANO TUTTO E POSIBILE! DOVE UN UOMO PUO’ DIVENTARE CIO’ CHE VOLE SE LO VUOLE! MA NEL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA DOVE UN UOMO POU’ ACQUISTARE FIN TROPPO POTERE CON IL RISCHIO DI DECIDERE PER TUTTI E GIOCARE CON I DESTINI DI TUTTI! QUESTO PURTROPPO E’ QUELLO CHE MI E’ SEMBRATO DI VEDERE SOPRATTUTTO CON L’ULTIMO PRESIDENTE USCENTE! NON NEGO DI ESSERE STATO AVVOLTE D’ACCORDO CON LE SUE SCELTE! SADDAM HUSSEIN ERA UN UOMO TERRIBILE, E SONO STATO CONTENTO DELLA SUA DISFATTA E SONO STATO CONTENTO CHE QUALCUNO SIA INTERVENUTO PER TOGLIERLO DI MEZZO! SONO STATO SBAGLIATE PERO’ LE MODALITA’ E LE MOTIVAZIONI CHE C’ERANO SOTTO! VI LASCIO CON UN VIDEO TRATTO DAL FILM FAHRENHEIT 9/11 E ALCUNE  INFORMAZIONI SUL FILM E SUL PROTAGONISTA! A VOI GIUDICARE! MAGARI LASCIATEMI QUALCHE OPINIONE COSI’ DA POTER DARE UNA GIUSTA VISIONE DELLE COSE! SPERO SINCERAMENTE DI SBAGLIARMI ALTRIMENTI IL MONDO E’ ARRIVATO VERAMENT AGLI SGOCCIOLI! FELICE NOTTE A TUTTI! :batadorme

 

George Walker Bush (New Haven6 luglio 1946) è un politico statunitense.

È il 43esimo, ed attuale, Presidente degli Stati Uniti d'America. Il suo primo mandato quadriennale come presidente era cominciato il 20 gennaio 2001, in seguito alle elezioni presidenziali del 2000. Le elezioni presidenziali successive tenutesi il 2 novembre 2004 lo hanno riconfermato per un secondo mandato, che ha avuto inizio il 20 gennaio 2005.

Prima di diventare presidente, Bush è stato uomo d'affari e governatore del Texas dal 1995 al 2000, periodo durante il quale lo stato ha mandato a morte 156 detenuti. È figlio dell'ex presidente George H. W. Bush e fratello dell'ex governatore della Florida, Jeb Bush.

Affari e carriera politica

Nel 1978, Bush si candidò alla Camera dei Rappresentanti, ma venne sconfitto dal senatore democratico Kent Hance.

Bush iniziò la sua carriera nell'industria del petrolio nel 1979, quando fondò la "Arbusto Energy" ("arbusto" è la traduzione spagnola del sostantivo anglo-americano "bush"), una società di prospezione petrolifera e gas che formò nel 1977 grazie a quanto gli rimaneva della sua borsa di studio e, in massima parte, grazie ai fondi messi a sua disposizione da altri investitori, in primo luogo dal suo socio Salim Bin Laden, fratello del miliardario saudita Osama Bin Laden. La crisi energetica del 1979 colpì anche la Arbusto Energy e, dopo averne cambiato il nome in "Bush Exploration Oil & Gas Co.", Bush la vendette nel 1984 a Spectrum 7, un'altra compagnia texana di ricerca di petrolio e gas per circa 1 miliardo di dollari. Secondo i termini della vendita, Bush divenne amministratore delegato di Spectrum 7. La storia si ripeté quando durante la crisi del 1985-1986 Spectrum 7 fece bancarotta. Spectrum 7 fu infatti salvata dall'acquisto deciso dalla "Harken Energy Corporation" nel 1986 e Bush entrò nel Consiglio di amministrazione della Harken.

Bush fu accusato di insider trading (sfruttamento indebito di informazioni riservate) per aver venduto le azioni mentre era nel consiglio di amministrazione di Harken Energy Corporation nel 1990. La Commissione di controllo della Borsa USA (SEC) ha terminato nel 1992 un'investigazione con un documento in cui si legge che: "Sembra che Bush non sia implicato in commerci interni illegali", aggiungendo che il memoriale "non deve in alcuno modo essere considerato come indicativo che la parte è stata assolta o che nessuna azione legale possa derivarne".[4] I suoi detrattori affermano che l'investigazione è stata influenzata dal fatto che il padre di Bush era al momento Presidente degli USA, sebbene nessuna azione fosse avviata nemmeno durante la presidenza di Bill Clinton. Da presidente, Bush ha rifiutato di autorizzare la SEC a divulgare il rapporto intero dell'indagine.

Dopo aver lavorato alla campagna presidenziale di suo padre, Bush jr ha riunito un gruppo di partner tra gli stretti amici di suo padre e nel 1989 acquistò i Texas Rangers, una squadra di baseball della Major League Baseball con sede ad Arlington, in Texas (in seguito Bush nominò uno di questi partner, Tom Schieffer, ambasciatore in Australia). I critici espressero dubbi sulla trasparenza di questo acquisto, indicando l'uso dell'influenza politica ed il favoritismo nei confronti di un amico di famiglia.[5] Bush guadagnò personalmente 14,9 milioni di dollari nella vendita della squadra nel 1998 (il guadagno totale della vendita fu di 170 milioni di dollari).[6]

George W. Bush ha svolto la funzione di partner amministrativo generale dei Rangers fino a quando fu eletto Governatore del Texas l'8 novembre 1994, sconfiggendo il candidato democratico Ann Richards grazie ad una campagna elettorale spregiudicata. Nel 1998 divenne il primo governatore texano ad essere eletto per due volte consecutive e il suo comportamento durante lo svolgimento di questo compito gli fece guadagnare una buona immagine di leader. Tra le questioni che durante i suoi mandati, attirarono l'attenzione nazionale ed internazionale sullo stato di cui era governatore, ci fu l'uso nel Texas della pena di morte: Bush autorizzò l'uso della pena capitale per 152 criminali, ivi inclusa quella di Karla Faye Tucker.

Nella campagna presidenziale per le elezioni del novembre 2000, Bush promise, tra le altre cose, che gli organismi religiosi di beneficenza avrebbero potuto usufruire, su un piano di parità, di alcuni benefici: a) programmi federali di distribuzione di fondi; b) sconti sulle tasse; c) uso di buoni scuola; d) attività di prospezione petrolifera nel Rifugio Nazionale della Fauna Artica (ANWR, un'area protetta di inestimabile valore conservazionistico) e degli approvvigionamenti per l'esercito degli Stati Uniti. In politica estera ha asserito di essere contrario all'uso delle forze armate statunitensi per esportare la democrazia all'estero [senza fonte].

Bush nel 2003: alle spalle il suo vice Dick Cheney (a sinistra) e Dennis Hastert (a destra)

Bush è divenuto presidente degli Stati Uniti d'America il 20 gennaio 2001 come vincitore di una delle più indecise elezioni nella storia statunitense, sconfiggendo il democratico vicepresidente Al Gore in 30 dei 50 Stati con una vittoria per poco in cinque collegi elettorali. Gore ha conseguito la maggioranza dei voti popolari con circa 51 milioni di preferenze su un totale di 105 milioni di votanti: un margine quindi di mezzo punto percentuale. Era dal 1888 che un candidato alla presidenza, sconfitto in quanto a preferenze, risultasse eletto grazie ai voti dei grandi elettori. Fu decisivo per Bush il vantaggio di circa 600 voti conseguito in Florida, stato del quale era governatore suo fratello Jeb Bush.

Il voto della Florida, che Bush conquistò per un distacco mai superiore ai 2000 voti circa (nei numerosi riconteggi, ufficiali o meno, effettuati in seguito), fu contestato aspramente dopo che furono espresse preoccupazioni riguardo a fughe ed irregolarità nel processo di voto e divenne oggetto di una serie di processi giudiziari; in particolare furono sollevate contestazioni sull'esclusione di numerosi cittadini dalle liste elettorali in quanto privati dei diritti politici in seguito a crimini commessi (eliminazione avvenuta in un modo tale da provocare numerosi falsi positivi) e sulla legittimità dei voti arrivati dall'estero, sopratutto dalle basi militari. Dopo una decisione a maggioranza di 5-4 della Corte Suprema degli Stati Uniti il 12 dicembre il riconteggio dei voti (in origine autorizzato dalla corte suprema della Florida) fù interrotto in quanto era impossibile effettuarlo in tempo tale da rispettare le scadenze legali, attribuendo quindi la presidenza a G.W.Bush; ciò naturalmente non placò le contestazioni (si notino in particolare quelle effettuate dai deputati di colore), ma le elezioni si possono sommariamente ritenere concluse dalla dichiarazione di Gore il quale disse che "nonostante io sia fortemente in disaccordo con la decisione della corte, ciò nonostante la rispetto". I risultati dell'elezione sono ancora contestati da molti osservatori, e i numerosi conteggi non ufficiali effettuati dai media americani hanno attribuito la vittoria ora a uno, ora all'altro dei candidati e sempre con scarti di risultati minimi, nell'ordine di poche centinaia.

 

La Guerra in Iraq :mitra

 

Silvio Berlusconi incontra Bush per parlare della Guerra in Iraq

Nel marzo 2003, dopo una lunghissima contesa circa la necessità di procedere al disarmo del regime iracheno, gli USA hanno dichiarato guerra all'Iraq per spodestare il dittatore Saddam Hussein, accusato di possedere armi di distruzione di massa e di appoggiare il terrorismo internazionale. La guerra ha scatenato un'infinità di polemiche, con alcuni degli alleati europei - come Francia, Germania e Russia - fortemente contrari, ed è stata oggetto di numerose proteste in tutto il mondo. Non riuscendo ad ottenere l'approvazione di un intervento militare da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, fortemente voluta dal Segretario di Stato Colin Powell, Bush era riuscito a raccogliere una "coalizione di volenterosi" che includeva paesi come la Spagna, la Polonia e la Gran Bretagna (l'Italia ha inviato le sue truppe, in qualità force di peacekeeping quando il governo di Hussein era già stato spodestato).
Già subito dopo l'occupazione del Paese, l'impossibilità di ritrovare la benché minima traccia delle armi di distruzione di massa di Saddam e le accuse di aver falsificato le informazioni necessarie per convincere l'opinione pubblica statunitense e quella internazionale della necessità assoluta di entrare in guerra, hanno fatto perdere una parte del sostegno all'amministrazione Bush, sia all'interno del Paese che all'estero. Queste accuse sono state sostenute dalle investigazioni e rapporti della commissione d'inchiesta appositamente costituita dal Senato. Nonostante ciò, Bush sostiene che entrare in guerra è stata comunque una buona decisione e che un brutale tiranno è stato comunque spodestato, così da non poter più minacciare il mondo libero. Inoltre, già dal 2004 la situazione irachena è diventata ingestibile per la coalizione, a causa della recrudescenza della guerriglia interna, prima diretta contro le truppe di occupazione e gli apparati iracheni alleati, poi anche interna ai vari gruppi etnici e religiosi dell'Iraq; nonostante la decisione, presa nei primi mesi del 2007, di inviare nuove truppe per la stabilizzazione del paese, la situazione resta tutt'ora irrisolta. Per questo e per gli spettri evocati dalla guerra (il supposto parallelismo con la Guerra del Vietnam), la popolarità del presidente è precipitata ben sotto il 40% (almeno secondo i sondaggi).

 

"FAHRENHEIT 9/11"

 

Secondo un recente editoriale di whatreallyhappened, il film "FAHRENHEIT 9/11" documenta adeguatamente le bugie che sono state dette al popolo americano per spingerlo verso la guerra. Non c’erano armi di distruzione di massa, Saddam non era una minaccia, l’Iraq non aveva alcun legame con l’11 settembre, l’Iraq non appoggiava Al Qaeda. Il governo iracheno sotto Saddam ha ucciso di gran lunga meno persone di quante ne abbia uccise il governo iracheno sotto George Bush.

 I curdi furono gasati dagli iraniani. Le soli armi nucleari trovate in Iraq sono le tonnellate di munizioni all’uranio impoverito lasciate cadere sul popolo iracheno dagli Stati Uniti. Lungi dall’essere i campioni dei diritti umani, gli Stati Uniti si sono rivelati scrupolosi utilizzatori delle tortura sui prigionieri, in molti casi inermi cittadini.

Questo è il messaggio principale del film: a noi hanno detto bugie quasi su tutto. Compreso l’11 settembre.
Se si pensa che Bush se ne stava seduto a leggere fiabe, mentre le torri cadevano. Il video della confessione di “Osama” era un falso. Lo stesso Osama si rivelò un punto di forza della CIA, addestrato e finanziato dagli americani per combattere l’Unione Sovietica in Afganistan. Il dossier di Blair era un falso, ripreso e copiato dalla tesi di uno studente. I carrelli rimorchio mobili con armi biologiche erano un falso. E così via. Inganno dopo inganno.

 Tutti ormai sappiamo di essere le vittime della più grande mistificazione della storia; un inganno utilizzato per accendere il fuoco di una guerra di conquista. Il film di Moore di fatto compie un grande lavoro nel confrontarsi con tali avvenimenti.

Ma, alla fine, Michael Moore sembra cadere ugualmente nella disinformazione, oppure sembra non avere svolto pienamente i compiti, in quanto accetta acriticamente la versione ufficiale sui fatti dell’11 settembre.

Moore sembra principalmente concentrarsi sull’aereo che lascia gli USA nei giorni successivi l’attentato quando i voli erano interdetti.

 Su quell’aereo vi erano membri della famiglia di bin Laden. I Bush e i bin Laden si frequentavano da tempo. Il fratello di Osama era il compagno d’affari di George nell’ Arbusto Energy e la fonte di denaro per costituire la compagnia.

 Moore, pur considerando bugie le affermazioni dei legami tra Saddam e al Qaeda e fra Saddam e l’11 settembre, mostra invece una netta ingenuità nell’accettare la versione ufficiale dell’11 settembre senza obiezioni, lasciando sottintendere che personaggi legati all’Arabia Saudita siano stati gli organizzatori dell’11 settembre. Niente viene detto sul perché lo avrebbero fatto e che cosa ci avrebbero guadagnato.

Alcune cose che Moore non dice.

 Subito dopo gli attacchi, l’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, alla domanda che cosa avrebbe rappresentato l’11/9 per i rapporti USA/Israele, rispose: “Molto bene….Beh, non è proprio un bene, ma apporterà immediata simpatia (per Israele)”.

 E questo avvenne. Nei mesi successivi l’appoggio americano a Israele crebbe, nonostante le atrocità commesse sui palestinesi. Più denaro prese il volo verso Israele, nonostante che Israele si fosse rifiutata di obbedire ad un numero di risoluzioni ONU molto superiore a quelle mai comminate a Saddam. Anche l’opinione mondiale nettamente a favore dei palestinesi si raffreddò e crebbe l’ostilità verso il mondo arabo.

Ma si dovrebbe anche prendere in considerazione il fatto che un eventuale accesso al petrolio iracheno da parte degli USA avrebbe ridotto le richieste americane per il petrolio saudita. Allora quale sarebbe stato il motivo? Rafforzare l’alleanza USA-Israele? Tagliare la vendita di petrolio saudita? Diffondere nel mondo una rabbia verso gli arabi? Provocare il congelamento di trilioni di dollari investiti dai sauditi negli USA?

Ci sono alcuni fatti che nel film di Moore non vengono mostrati né citati.

Per esempio quella brutta storia dei cinque israeliani (più tardi identificati da Pacific Radio come agenti del Mossad) arrestati l’11/9 per comportamento sospetto (ridere e festeggiare di fronte al collasso delle Torri Gemelle). Nel loro furgone la polizia trova una serie di passaporti e cartine del WTC; i cani addestrati annusano resti di

esplosivo; e il governo americano cosa fa? Si attiva per porre il segreto su tutta la storia.

 Si è saputo anche che i 5 lavoravano, per copertura, come addetti ai traslochi nella famosa Urban Moving Systems, il cui proprietario, Dominic Suter, se ne tornò rapidamente in Israele il 14 settembre.

 Sulla scena dell’11/9 vennero sparpagliati passaporti con nomi sauditi che l’FBI considerò come documenti falsificati in modo eccellente e ricavati da altri rubati a cittadini arabi. Perché chi ha commesso il fatto, avrebbe usato passaporti falsi con generalità vere?

 Il direttore dell’FBI Robert Mueller ha ammesso in pubblico che non vi è alcuna prova che coloro accusati di essere i dirottatori si trovassero effettivamente sugli aerei.

 Gli avvertimenti inviati alla Odigo confermano oltre ogni dubbio che le compagnie legate ad Israele erano state allertate per quanto sarebbe successo. Perché i sauditi avrebbero avvertito le compagnie israeliane?

Non era una compagnia dell’Arabia Saudita la responsabile della sicurezza nei tre aeroporti.

 E si potrebbe proseguire anche se quello che si vuole qui sottolineare è solo che Michael Moore non ha sviluppato tutti gli aspetti e soprattutto quelli relativi a chi potrebbe esserci dietro gli attentati dell’11/9. Questo comunque non modifica il giudizio sull’importanza del film che mostra adeguatamente le bugie dette per portare alla guerra. Riguardo invece la storia dell’11 settembre, quella mostrata nel film è solo la punta di un iceberg.

 In un successivo articolo, dal titolo "QUESTIONS FOR MICHAEL MOORE!", si elencano una serie di domande (praticamente le stesse riportate sopra), cui Moore è esortato a rispondere e si arriva alla seguente conclusione:

 Michael Moore giustamente condanna il governo americano per quell'assalto draconiano contro i nostri diritti che va sotto il nome di Patriot Act. Ma uno di questi diritti è quello secondo cui nessuno dovrebbe essere dichiarato colpevole di un delitto senza che vi sia la prova oltre ogni ragionevole dubbio.

 Poiché Moore professa un profondo rispetto per i valori dell'America, egli non dovrebbe con facilità dichiarare qualcuno colpevole di un crimine senza portare prove accettabili "oltre ogni ragionevole dubbio".

 E invece ve ne sono di dubbi ragionevoli.

 E se Michael Moore è un uomo ragionevole che rispetta i principi americani, ne avrebbe dovuto prendere atto.

 E ora, dopo aver letto questo, sentite cosa si dice in giro. Lo so, dopo quanto detto nell'articolo appare inverosimile, ma è così.

Un aiutante alla Casa Bianca, e "leccapiedi" di Karl Rove, un certo sig. Timothy Goeglein, davanti ad una assemblea di 150 conservatori, è arrivato a dire che Moore è un "pazzoide" che "APPOGGIA GLI ANTI-SEMITI". Non è incredibile?

 Pochi secondi dopo, paragona Moore a Muqtada al-Sadr, affermando infine che Moore è offensivo quando paragona la resistenza irachena contro l'occupazione USA a quella dei Padri Fondatori contro l'impero britannico. E finisce l'intervento affermando che Moore in ogni cosa che dice è confuso e pieno di porcherie.

[NdT: Questa gente parla con un linguaggio volgare; la traduzione è stata in qualche modo addolcita]

Che dire? Forse come si esce dalla versione falsa ufficiale, siamo antisemiti? E questa non potrebbe essere una dimostrazione indiretta che tutta la storia l'hanno scritta ambienti vicini a Israele?

(Liberty Think | July 2 2004)

ECCOCI QUA…

04 novembre 2008 ore 01:46 segnala
...DOPO UN’ ALTRA LUNGA GIORNATA DI LAVORO :egg :stampella ….STASERA PULTROPPO NIENTE BACIO RISTORATORE DELLA BUONA NOTTE DELLA MIA BIMBA! :cry EH…IL MONDO DEI GRANDI E’ DURO! :bataboing SPERIAMO NE VALGA LA PENA! LO FACIO ANCHE PER TE PICCOLINA…RICORDATELO! :batalove BE’ IN QUESTA SERATA DI SOLITUDINE DOPO UNA GIORNATA MASSACRANTE CI CONSOLIAMO CON UNA BELLA SIGARETTA E VI LASCIO CON UN ‘ ALTRO DEI MIEI CHIARRISTI PREFERITI! :punk QUESTO E’ JOE SATRIANI E IL TITOLO DELLA CANZONE E’ “ALWAYS WITH ME ALWAYS WITH YOU”! TE LA DEDICO AMORE SPERO TI PIACCIA! :tvb :cuore LA CANZONE E’ MOLTO DOLCE MA RIESCE SD ESPRIMERE ANCHE TANTA FORZA! BUONA VISIONE! BUONA NOTTE! :batadorme DORMO RITTOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!! :batananna :many :kissy

PARKOUR!!!!!!!!

02 novembre 2008 ore 15:05 segnala
Cos’è il parkour

 

Il Parkour è l'arte di sapersi spostare.
Il principale obiettivo di questa disciplina è quello di raggiungere la padronanza del corpo e della mente per superare gli ostacoli che ci circondano tracciando un percorso che vada da un punto A ad un punto B nella maniera più fluida possibile.
Molto spesso all'interno dei percorsi vengono inseriti elementi di
Freerunning, ovvero viene espressa una parte più creativa che efficiente. L'importante è comprendere che parkour non è una gara a chi fa il salto più alto o più bello,il parkour è un PERCORSO, senza alcuna forma di competizione fra i praticanti. La competizione è con te stesso per cercare di innalzare il tuo limite dopo aver preso coscienza delle tue possibilità. I praticanti del parkour, chiamati "traceurs" ovvero "creatori di percorsi", aspirano a superare in modo creativo, fluido, atletico ed esteticamente valido le barriere naturali o artificiali che si trovano sulla loro strada. Per riuscirci utilizzano corse, salti, volteggi, cadute e arrampicate.
Ma il parkour non è solamente un puro esercizio fisico, perché il confronto con gli ostacoli materiali spinge il traceur alla scoperta dei suoi limiti e quindi del suo essere all'interno dell'ambiente che lo circonda. Affrontando la paura spesso ci si accorge che le nostre potenzialità vanno oltre i confini che diamo per scontati.
Per questo il parkour è sia uno sport che una filosofia di vita quotidiana.
Il padre riconosciuto di questa disciplina è il francese David Belle (il protagonista del video) che verso la fine degli anni '80 iniziò a praticare in un ambiente urbano (precisamente a Lisse, un sobborgo di Parigi) le tecniche apprese giocando da bambino nei boschi della campagna francese.
Da allora questo sport ha fatto proseliti nel mondo, soprattutto in Francia e Inghilterra.


La bellezza di questo sport per me sta nell’ idea di correre sempre, senza fermarsi mai, superando qualsiasi ostacolo e muro che come nella vita ci si parano davanti! La sensazione di libertà è grande! Sfidare se stessi e sfidare le nostre paure come quando ti trovi sull’ orlo di un’ ostacolo altissimo…solo tu puoi superarlo, sei solo tu che devi avere la volontà di saltare…e una volta a terra voltarsi e dire c’è lo fatta…il mio coraggio,,la mia forza hanno vinto!

 

 

…FINALMENTE!...

29 ottobre 2008 ore 21:34 segnala
...MEZZO SECONDO LIBERO PER SCRIVERE UN POST….

DUNQUE…HO DECISO DI DEDICARE PARTE DEL MIO BLOG PER CONDIVIDERE CON TUTTI QUELLI CHE MI VENGONO A TROVARE QUALCHE MIA PASSIONE!

UNA DI QUESTE E’ LA MUSICA E TUTTI I GRANDI VIRTUOSI DELLA CHITARRA! DI TANTO IN TANTO VI FARO’ CONOSCERE TUTTI I MIEI CHITARRISTI PREFERITI!

QUINDI OGGI SI PARTE CON IL GRANDE STEVE VAI, COSI’ VI METTO UN PO’ DI CARICA…

AMORE ANCHE PER TE EH…MI RACCOMANDO!

SPERO SIA DI VOSTRO GRADIMENTO! BUON DIVERTIMENTO!

SONO VIVO!!

07 ottobre 2008 ore 23:32 segnala
Eccomi sono tornato reduce da un piccolo recente intervento chirurgico, eseguito pochi giorni fà e x fortuna mi hanno dimesso quasi subito dopo l'operazione, sollevato che fosse andato tutto bene:hop..ora mi aspetta una convalescenza fatta di molto riposo e pochi sforzi fisici..:win alè, almeno colgo l'occasione per prendermi un pò di pausa (forzata) dai miei due lavori che mi fanno arrivare alla sera stanco e massacrato..:batananna.. Fortunatamente, nonostante la brutta avventura, il pensiero del mio dolce amore mi ha tenuto compagnia!:coppia Cara cacchina sei sempre nei miei pensieri, e...mi dispiace per te ma in questi giorni mi dovrai coccolare (e sopportare)! :tvb Ti amo :love mia dolce Arwelyn!! :angel tuo Thalion :shy

Salve a tutti!

07 settembre 2008 ore 22:29 segnala

Salve a tutti voi, mi sono appena iscritto al sito per cominciare la mia esperienza di "scrittore" di blog, o meglio, di un mio diario personale..:ok..in questo spazio riporterò le mie esperienze, le mie emozioni, i miei pensieri e i miei stati d'animo...insomma, regalandovi sprazzi della mia vita pian piano imparerete a conoscermi!:-)))

Ogni vostra visita o commento è gradito, e vi invito ad affluire numerosi!:clap

Il mio auto-benvenuto l'ho scritto, ma vi lascio il mio augurio di una buonissima serata :yeye, a risentirci presto!:ciao

Thalion