I'm WrOnG...

11 aprile 2014 ore 18:08 segnala
Molto spesso mi capita di sentirmi un pesce fuor d'acqua, una barca nel bosco...
Percepisco che c'è qualcosa in me di diverso dagli altri...Cerco sempre di distaccarmi da quella che tutti considerano "la normalità"... Cerco sempre e comunque di essere me stessa, di distinguere ciò che sono da quello che vogliono gli altri che sia io... Cerco sempre di separarmi dalla "massa".. Ma evidentemente questo fa di me una ragazza "pazza"... oppure una ragazza "folle"... Non tutti riescono a capirmi.. anzi, se devo dire la verità, non ci riesce proprio nessuno. E forse il motivo principale è che nemmeno io conosco totalmente me stessa. C'è sempre una parte di me enigmatica, nascosta...pronta a saltar fuori ogni volta che ne ha voglia... ogni volta che abbasso, in un certo senso, la guardia... Un secondo sono felice, l'altro secondo sono triste, l'altro ancora arrabbiata con il mondo intero... Non riesco quasi mai a svegliarmi bene... c'è sempre qualcosa che fa andare tutto storto. Messo piede fuori dalla porta di casa, entri nella realtà così tanto temuta... Passeggi per strada e vedi persone apparentemente felici... persone tristi... persone che hanno deciso di rinunciare a tutto... persone che combattono giorno dopo giorno perchè intenti a non arrendersi... Non arrendersi per quale scopo dico io? La vita è una sola, e va vissuta nel miglior modo possibile..,ma come è possibile farlo se già da quando sei nata sei messa di fronte a degli ostacoli? Molti affermano che la vita è un "dono", qualcosa di estremamente bello di cui dobbiamo esserne felici. Per me la vita non è nient'altro che una dura prova... una dura prova da superare. Da quando nasci a quando muori sei messo di fronte a degli ostacoli che devi superare da solo, o in compagnia. Ma non è assolutamente un dono... Facile parlare per chi non vive certe situazioni... facile sostenere che la vita è bellissima...senza pensare che non è così per tutti. Non è così per tutti.... per alcune persone è quasi una "Maledizione" se così si può chiamare. Non è un'esagerazione... tutti sono capaci ad aprir bocca e parlare.... ma parlano senza sapere. Parlano a vuoto... la loro bocca si apre e si chiude ritmicamente sulla base del nulla. Tutti ogni giorno giudicano qualcun altro senza sapere chi è quella persona... senza sapere quale situazioni ha vissuto.... senza sapere come era prima e come, proprio a causa di ciò che ha vissuto, è cambiato adesso. Entri in un tunnel profondo la cui uscita sembra non dover mai apparire. E il guaio è che mai nessuno riuscirà a capirti... compito troppo arduo riuscirci. Potranno parlarti per ore... a loro modo "consolarti" per ore..., ma in un certo senso è tempo sprecato. Potrai essere circondata da un milione di persone... sarà lo stesso come se fossi sola. L'unica persona a cui si può chiedere aiuto è proprio se stessi. Prima che gli altri riescano a capirti, devi in primis capire te stessa. E, forse, un giorno... anche gli altri riusciranno a capire ciò che hai passato. Fino ad allora... lo sai solo tu, anche se vorresti dimenticare ad ogni costo. Ma forse sono io... forse sono io davvero "folle"...Maybe I'm wrong...

3d8d537d-30a6-4bfd-a253-1ede9a2981c0
Molto spesso mi capita di sentirmi un pesce fuor d'acqua, una barca nel bosco... Percepisco che c'è qualcosa in me di diverso dagli altri...Cerco sempre di distaccarmi da quella che tutti considerano "la normalità"... Cerco sempre e comunque di essere me stessa, di distinguere ciò che sono da quell...
Post
11/04/2014 18:08:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. eldan 21 aprile 2015 ore 01:32
    Beh, non nulla da dire. A volte parlo troppo e spesso leggendoti mi rendo conto che posso essere classificato come una delle persone di questo post, ragazza. Mi dispiace tanto che pensi questo del mondo, tutto qui.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.