vaneggiamenti?

27 aprile 2020 ore 17:33 segnala
Riflessione sulle mascherine:
Mi dicono esistere vari tipi di mascherina, FFP1, FFP2, FFP3, anti NBC ecc. Alcune dette egoiste, altre dette altruiste ecc. Tutte efficaci a non diffondere il contagio (?) alcune anche a non essere contagiati. Ma sono veramente utili al 100%?
Simuliamo qualche situazione: sono contagiato, metto la mascherina per non contagiare gli altri, ma se sono contagiato sto male, chi vado a contagiare? Se poi sono così genio da mettere la mascherina pur di uscire, vi accumulo una non indifferente quantità di bacilli, che uniti all’umidità del fiato impregnano la mascherina creando un ambiente di facile propagazione, basta toccarla anche erroneamente con le mani che, sebben coperte di guanti se ne può spargere ovunque. La soluzione: vietare a chi è palesemente infetto di incontrare da vicino altre persone, controllare i suoi parenti se sono infetti e gestirli parimente. Mi si obietterà che ci sono gli asintomatici (una volta si chiamavano portatori sani, chissà perché questo cambio di nome? Sarà forse oggetto di un’altra mia riflessione). Quindi per l’asintomatico la mascherina è utile? Ancora meno che per il contagiato, non sa di essere infetto ed è probabile che si comporti in modo scorretto, toccando più volte una mascherina pregna di virus e umidità, magari togliendola ed appoggiandola chissà dove, inconsapevole untore. Soluzione: non uscire di casa, non avvicinarsi a nessuno, morire di inedia. Oppure pretendere un tampone a tutti e rimanere rinchiusi fino alla conoscenza dei risultati ovvero quando di sarà applicata la procedura di cui al punto sopra.
Non sono contagiato, la mascherina a cosa serve? L’unica mascherina (soluzione) che mi garantisce di non essere contagiato è quella anti NBC, in quanto si può essere infettati anche tramite gli occhi, lavarsi e disinfettarsi le mani prima di toccare ogni altra parte che non sia certamente “sterile”.
0a0270d3-7b08-4762-9428-b9742ebec8f1
Riflessione sulle mascherine: Mi dicono esistere vari tipi di mascherina, FFP1, FFP2, FFP3, anti NBC ecc. Alcune dette egoiste, altre dette altruiste ecc. Tutte efficaci a non diffondere il contagio (?) alcune anche a non essere contagiati. Ma sono veramente utili al 100%? Simuliamo qualche...
Post
27/04/2020 17:33:27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. leggendolamano 28 aprile 2020 ore 19:36
    Non vorrei entrare nel merito tecnico dei DPI anche perchè la confusione attorno al tema è generale.
    Non hai citato le mascherine chirugiche che esulano dala casistica riportata.
    Le norme CE di rierimento sono diverse e le metodologie di ptotezione anche,
    non hai specificato quelle con o senza filtro respiratorio.
    Non entriamo poi nel tema delle certificazioni e delle relative validità perchè uniremmo caos a caos.
    quindi, è evidente che le mascherine costituiscono sistema mitigante del rischio comunque connesso ad utilizzo corretto delle stesse, cosa che è quasi impossibile da parte di persone che non sono abituate ad utilizzarle. quindi hai ragione tu. A che cosa servono all'atto pratico?
  2. Tremalnaik 28 aprile 2020 ore 20:40
    Le mascherine chirurgiche fanno parte delle FFP1 e se si vuole fornire un minimo di efficienza occorre partire da quelle in su, le altre servono solo per la polvere o per essere indossate pochi minuti (1 o 2 veli, carta)
  3. leggendolamano 28 aprile 2020 ore 20:49
    non è corretto quello che dici. Le chirugiche non vengono regolamentate dalle EN 149 ma da dalle EN 14683:2019 che sono suddivise in classe I, II o IIR.
    che poi vengano commercializzate delle similchirurgiche con marcatura CE EN 149 è altra cosa.
  4. Tremalnaik 29 aprile 2020 ore 07:17
    tagliamo la testa al toro, ce le metto dentro tutte le mascherine, anche quelli coi filtri batteriologici che però non coprono gli occhi. E anche quelle indossate da chi ha una bella barba...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.