Proprietà privata,passaggi rapidi o se richiesti

11 agosto 2011 ore 20:26 segnala
Nessun genitore vanta diritti sui propri figli.Ha solo il dovere di non rovinare loro l'esistenza.
674d22f7-c614-48f4-ac02-993f829fa8b1
Nessun genitore vanta diritti sui propri figli.Ha solo il dovere di non rovinare loro l'esistenza. « video »
Post
11/08/2011 20:26:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. lillye1956 11 agosto 2011 ore 21:10
    "I vostri figli non sono i vostri figli.

    Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sé.

    Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro,

    E benché stiano con voi non vi appartengono.

    Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri,

    Perché essi hanno i propri pensieri.

    Potete alloggiare i loro corpi ma non le loro anime,

    Perché le loro anime abitano nella casa del domani, che voi non potete visitare, neppure in sogno.

    Potete sforzarvi d'essere simili a loro, ma non cercate di renderli simili a voi.

    Perché la vita non procede a ritroso e non perde tempo con ieri.

    Voi siete gli archi dai quali i vostri figli sono lanciati come frecce viventi.

    L'Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell'infinito,

    e con la Sua forza vi tende affinché le Sue frecce vadano rapide e lontane.

    Fatevi tendere con gioia dalla mano dell'Arciere;

    Perché se Egli ama la freccia che vola, ama ugualmente l'arco che sta saldo."


    di chi è?
  2. tristano.MI 11 agosto 2011 ore 21:36
    Dimmelo tu,non lo so
  3. lillye1956 11 agosto 2011 ore 21:38
    R. Tagore poeta indiano
  4. lillye1956 11 agosto 2011 ore 21:38
    gradita?
  5. tristano.MI 11 agosto 2011 ore 21:38
    E' stupenda,io essendo più grezzo metto Sara di Venditti.Il mio mondo è quello
  6. lillye1956 11 agosto 2011 ore 21:41
    l'avevo letta molti anni fa.. quando avevo le mie figlie piccine..e mi aveva colpito..
    il cordone ombelicale, seppur con sofferenza mia, ha dovuto necessariamente essere da loro reciso..per il loro bene..
  7. tristano.MI 11 agosto 2011 ore 21:42
    Lilli,mi sento un cavernicolo,mi cospargo il capo di cenere e mi prostro davanti al tuo sapere,bravissima
  8. LadyMestolo 03 gennaio 2015 ore 16:28
    Questa poesia è di " Kahlil Gibran " non di Tagore ..
  9. tristano.MI 05 gennaio 2015 ore 11:57
    Lady...mi stupisci...sei grande...complimenti

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.