Cibo spazzatura?

13 dicembre 2020 ore 17:07 segnala



Spesso si fermava lì a prendere qualcosa da mangiare dopo il lavoro.
Gli piaceva l’anonimato in cui poteva immergersi, gli piaceva anche quella fila da fare al m.drive che gli permetteva di pensare un po' ai fatti suoi senza sentirsi in colpa per i minuti rubati al "dovere".
E, perché no, anche quel cibo così diverso da quello tradizionale che regnava a casa sua gli piaceva, gli piaceva tanto.
Una voce senza volto gli chiedeva gentilmente cosa voleva ordinare e lo faceva avanzare sulla corsia ed erano di nuovo due mani per lui senza volto a portarlo fino al suo sacchettino caldo e profumato da cui cominciava a pescare patatine ancor prima di arrivare a casa.
Era abitudinario, quasi sempre ordinava le stesse cose, la sua coccola preferita.
Ieri follia... cambio di menù...
Arriva allo stop del pagamento e una ragazza sorridente: "Oggi cambio di menù signore? Ha riconosciuto la voce e mi ha meravigliato... di solito ordina sempre..."
Lui ha sorriso, stupito e al tempo contento di questa piccola invasione di privacy, ma ancora non eran finite le sorprese.
"Sa signore? Speravo proprio di vederla oggi. È un giorno speciale, l’ultimo giorno che lavoro qui.
Ho trovato qualcosa di meglio e mi sono licenziata, ma mi sarebbe dispiaciuto andarmene senza salutare lei, il mio cliente preferito, sempre così gentile. Le auguro tutto il bene del mondo".
Avrebbe voluto scendere dalla macchina, buttargli le braccia al collo e ringraziarla.
Invece gli ha stretto la mano e se ne è andato mentre lacrime brucianti rigavano le sue guance.
Quanto avrebbe voluto che a casa sua qualcuno si fosse accorto di lui come quella ragazza che lo riconosceva dalla voce in mezzo a migliaia di persone...



Cibo spazzatura? Forse, ma come ha detto qualcuno, un qualcuno molto speciale, "dal letame nascono i fiori"...

7cc900ed-d087-4d49-941e-fa4153075941
« immagine » Spesso si fermava lì a prendere qualcosa da mangiare dopo il lavoro. Gli piaceva l’anonimato in cui poteva immergersi, gli piaceva anche quella fila da fare al m.drive che gli permetteva di pensare un po' ai fatti suoi senza sentirsi in colpa per i minuti rubati al "dovere". E,...
Post
13/12/2020 17:07:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. 14nov 13 dicembre 2020 ore 18:51
    mmmm, mi sa che qui è nato un amore!!
  2. Ul.timoDeiMohicani 13 dicembre 2020 ore 19:18
    @14nov grazie del passaggio... una lieta serata
  3. 14nov 13 dicembre 2020 ore 19:21
    prego!!! una buona serata anche a te!! ;)
  4. s.hela 13 dicembre 2020 ore 19:25
    Che dire caro Emanuele : bellissima storia!


    Un baciotto :bacio


    Giulia
  5. chissadoveequando 14 dicembre 2020 ore 09:54
    È davvero bellissima e commovente. A volte dimentichiamo che dietro ad uno sportello c'è un essere umano. E tutti abbiamo il bisogno, talvolta inconscio, di essere visti e riconosciuti.
  6. Ul.timoDeiMohicani 14 dicembre 2020 ore 14:17
    @chissadoveequando è proprio così. Grazie della visita. Una buona giornata

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.