L’estraniazione non è solitudine...

24 gennaio 2020 ore 18:29 segnala
Caro Guarinos


Ho amici che non sanno quanto sono miei amici.
Non percepiscono tutto l’amore che sento per loro né quanto siano necessari per me.
L’amicizia è un sentimento più nobile dell’amore.
Questo fa sì che il suo oggetto si divida tra altri affetti, mentre l’amore è imprescindibile dalla gelosia, che non ammette rivalità.
Non cerco alcuni di loro, mi basta sapere che esistono.
Questa semplice condizione mi incoraggia a proseguire la mia vita.
Ma, proprio perché non li cerco con assiduità, non posso dir loro quanto io li ami.
Loro non mi crederebbero.
Molti di loro, leggendo adesso questa “crônica” non sanno di essere inclusi nella sacra lista dei miei amici. Ma è delizioso che io sappia e senta che li amo, anche se non lo dichiaro e non li cerco.
E a volte, quando li cerco, noto che loro non hanno la benché minima nozione di quanto mi siano necessari, di quanto siano indispensabili al mio equilibrio vitale, perché loro fanno parte del mondo che io faticosamente ho costruito, e sono divenuti i pilastri del mio incanto per la vita.
A volte mi ritrovo a pensare intensamente a qualcuno di loro.
Quando viaggio e sono di fronte a posti meravigliosi, mi cade una lacrima perché non sono con me a condividere quel piacere.
Se qualcosa mi consuma e mi invecchia è perché la furibonda ruota della vita non mi permette di avere sempre con me, mentre parlo, mentre cammino, vivendo, tutti i miei amici, e soprattutto quelli che solo sospettano o forse non sapranno mai che sono miei amici.
Un amico non si fa, si riconosce.

(Vinìcius De Moraes)
a4f3c0a4-1b2d-4cfa-8f67-e088baa8a8a0
« immagine » Caro Guarinos Ho amici che non sanno quanto sono miei amici. Non percepiscono tutto l’amore che sento per loro né quanto siano necessari per me. L’amicizia è un sentimento più nobile dell’amore. Questo fa sì che il suo oggetto si divida tra altri affetti, mentre l’amore è imprescindi...
Post
24/01/2020 18:29:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. freepause 27 gennaio 2020 ore 10:32
    Poi vedi "amichi" in tv, tra uno zapping e l'altro, e scopri un mondo nuovo .. :-)
  2. una.gattabianca 27 gennaio 2020 ore 13:42
    @freepause: Preferisco non scoprirli affatto quei mondi nuovi...ne faccio a meno volentieri,guardo pochissimo la tv e ogni tanto sono grata alla mia mancanza di tempo libero.... :-))Ciao
  3. freepause 27 gennaio 2020 ore 13:49
    @una.gattabianca infatti ormai è solo trash tv .. io la guardo un paio d'ore di sera .. ma purtroppo ho una tv lenta nello zapping tra un canale e l'altro :-)))
  4. tex.965 01 marzo 2020 ore 16:55
    Alcuni lo sanno ma preferiscono stare dietro una tenda al buio... :rosa
  5. una.gattabianca 02 marzo 2020 ore 14:28
    @tex.965: :rosa
  6. Elazar 29 giugno 2021 ore 12:33
    Vinicius scriveva le sue cose più bella insieme agli amici, tra una sbronza e l'altra. Così nascevano canzoni indimenticabili, come Garota de Ipanema, con Jobim in una vecchia osteria da cui si vede la spiaggia. L'amicizia era una costante, come il tempo e le stagioni e lui la definiva...eterna fin che dura. Tuttavia non siamo cellule isolate, e le solitudini possono spesso diventare una deriva. Niente è eterno, però possiamo farlo durare un attimo in più.
  7. una.gattabianca 29 giugno 2021 ore 23:52
    @Elazar: Vinicius de Moraes era un poeta che amava vivere la vita come me..

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.