IO

28 dicembre 2007 ore 01:59 segnala
Sono un arcobaleno in un forno...


…aspetto IMPAZIENTE il mio nuovo giorno.

BUON NATALE

25 dicembre 2007 ore 01:54 segnala
Auguro a tutti voi un felice e sereno Natale.

 

Vincenzo

Elisa - Dancing

23 dicembre 2007 ore 02:55 segnala
Non commento…non ce n'è bisogno

 

Time is gonna take my mind
and carry it far away where I can fly
The depth of life will dim the temptation to live for you
If I were to be alone silence would rock my tears
'cause it's all about love and I know better
How life is a waving feather

So I put my arms around you around you
And I know that I'll be living soon

My eyes are on you they're on you
And you see that I can't stop shaking
No, I won't step back but I'll look down to hide from your eyes
'cause what I feel is so sweet and I'm scared that even my own breath
Oh could burst it if it were a bubble
And I'd better dream if I have to struggle

So I put my arms around you around you
And I hope that I will do no wrong
My eyes are on you they're on you
And I hope that you won't hurt me

I'm dancing in the room as if I was in the woods with you
No need for anything but music
Music's the reason why I know time still exists
Time still exists
Time still exists

So I put my arms around you around you
And I hope that I will do no wrong
My eyes are on you they're on you
And I hope that you won't hurt me
So I put my arms around you around you
And I hope that I will do no wrong
My eyes are on you they're on you
And I hope that you won't hurt me

Sento

23 dicembre 2007 ore 02:25 segnala
Stanotte voglio ballare e sentire il soffio del vento sull’immondizia in cortile.

Mi servono poki attimi per sentire il tempo ke passa,

per lasciarlo cadere giù

come una notte d’autunno.

 

Questo è il male dell’essere uomo del nulla.

Nell’attesa ke il vuoto spenga il suo eterno insignificante mormorio

aspetto di gustarmi con dolcezza il sole del domani.

 

Scruto la pioggia.

Mi faccio strada in questa gabbia,

Ke colpisce dal di dentro,

svelandomi il tuo odore.

 

Voglio averti per un attimo.

Tu sola e unicamente mia, in un istante di eternità.

Rispondo a Ely.onlyLatin

12 dicembre 2007 ore 13:24 segnala

Cara Ely.onlyLatin, m’hai kiesto cosa significasse la frase: “La libertà è un segno di croce automatizzato”.

Provo a rispondere qui, perkè la tua domanda merita un post tutto per sé.

Innanzitutto premetto ke questa non è una mia frase, ma sta nella canzone “Un Salto Nel Vuoto” dei Subsonica. Sopra c’è il video della canzone e in fondo il testo.

A me colpì molto quando la sentii per la prima volta e in effetti è contorta, criptica, ma secondo me efficace. Tento di spiegarti come l’ho interpretata io.

La libertà è l’insieme delle azioni che ognuno di noi può compiere. Una persona è libera quando ha il minor numero di vincoli alle proprie azioni. Un “segno di croce automatizzato” è l’azione con il maggior numero di vincoli, è un qualche cosa di programmato, scontato, assolutamente poco creativo. In effetti la frase è una critica alla società attuale, che tenta continuamente di inculcarci un’idea errata di libertà. La libertà è molto di più e secondo me i Subsonica con quella frase hanno voluto sottolineare questo fatto.

A questo punto posso anche dire cosa intendo io per libertà.

Sono spesso portato a confondere la libertà con la creatività (in realtà se leggete il testo sembra che anche i SUBs facciano lo stesso). Quindi per me essere liberi significa poter essere creativi. Sottolineo poter perkè la libertà non sta nell’azione, ma più precisamente nella potenzialità di poterla compiere. Faccio un esempio per spiegare cosa voglio dire.

Dove si può vedere la massima libertà per un pittore?

Secondo me il pittore più libero è quello ke ha ancora di fronte a sé la tela bianca, che attende di essere colorata. Prima di colorarla il pittore è  libero di metterci quello ke vuole; dopo deve sottostare a quello ke ha creato. Un segno di croce automatizzato è un’azione priva di qualunque creatività. Essa è quello prima e dopo la sua effettiva realizzazione. Quindi la similitudine, “libertà come un segno di croce automatizzato”, serve a mettere in evidenza che la libertà così come siamo soliti intenderla, non è la vera libertà.

In sostanza per me libertà e creatività rappresentano le spinte dell’uomo per un suo continuo reinventarsi, riscoprirsi ogni volta diverso, mai uguale a prima. Senza di esse l’uomo sarebbe un inviluppo senza senso delle proprie mediocrità.

 

Spero di essere stato chiaro, anche se non ci conto molto vista la difficoltà dell’argomento.

P.S. Sono ben accette interpretazioni diverse della frase…

 

TESTO

Sono battiti di un’altra età che hai dimenticato,
come pagine spente di un sogno stropicciato
in piccoli tormenti, in quotidiane avversità,
fragili ricordi che chiamavi libertà.


Per un sorso di opportunità a quanto hai rinunciato,
per un brivido di vanità quanto hai già tradito.
Basta un solo attimo a contrarre la viltà,
Basta fare finta che si chiami libertà.
Battiti…

GUARDI NEL VUOTO CHE VERRà
CERCHI TRA FRETTA E AMBIGUITà
QUANTO CORAGGIO ANCORA C’È
QUANTO SI CHIAMA VIVERE.
UN SALTO NEL VUOTO CHE VERRà
COSTA DI PIU’ DI UNA REALTà
PERSA IN UN QUASI VIVERE
SCELTA PER NON DECIDERE.

Libertà è una parola di fumo, un dato per scontato,
libertà è come un segno di croce automatizzato.
Se non sai distinguerla lei ti abbandonerà,
se non sai difenderla non ti accompagnerà.
Battiti…

GUARDI NEL VUOTO CHE VERRà
CERCHI TRA FRETTA E AMBIGUITà
QUANTO CORAGGIO ANCORA C’È
QUANTO SI CHIAMA VIVERE.
UN SALTO NEL VUOTO CHE VERRà
COSTA DI PIU’ DI UNA REALTà
PERSA IN UN QUASI VIVERE
SCELTA PER NON DECIDERE.

Un amore pronto a sudare

10 dicembre 2007 ore 23:26 segnala

Un amore che comincia d'estate è un amore in salute. E’ orizzontale, seminudo, si abbina all'allegria di canzoni furbe, mentre qualcun altro porta il cane a pisciare sul lungomare degli astronomi. Tutto quel sudore lo fa scivoloso, ma quando cade, sa ridere di sé. Si toglie gli anni, tiene aperte tutte le finestre, informa il mondo.

Se il sole avesse un po' di humour gli riserverebbe l'occhiolino del nonno al nipote sveglio.

Un amore che comincia d'estate non ha paura del cancro alla pelle. Non ha paura.

Fa comodo anche agli altri, che possono così chiamarlo stupido, fatuo, passeggero, virale, di basso profilo, di cattivo gusto. Possono tenere gli specchi dentro le federe marroni.

Quelli che si fingono più a favore lasciano che si sappia il loro compatire mentre dicono "una vita ce l'abbiamo tutti".

Non è che gli abbissi cambino, nemmeno l'idea di fortuna, nè del suo contrario, è che fa solo prima a spogliarsi.

Toglie un po' di lavoro a San Lorenzo. Prende cura di sè lasciandosi andare alla barba che non si fa, al trucco che non si mette.

Un amore che comincia d'estate si è perso la primavera, ma non lo si vedrà mai pensare all'autunno imminente.

E intanto aspetto...

09 dicembre 2007 ore 03:50 segnala

 

 

 

 

 

 

Ke bella serata ke ho passato…semplice, ma piacevole…

 Eppure dentro di me sento ke mi manca ancora qlcs.

Soffoco continuamente questo bisogno, privandomi del piacere d confessarlo a me stesso.

Bhè stasera mi sento di fissarlo, scrivendolo su questo BLOG, per esserne consapevole sempre, anche quando penso ke nn è importante.

E intanto aspetto…

Il mio treno non si ferma mai

04 dicembre 2007 ore 02:02 segnala

Faccio parte di "quelli ke si fanno da soli", quelli ke credono in  quello ke fanno e cercano di farlo al meglio, sempre.                              Intanto si suda, si corre, si arranca; e tra una batosta qua e là, si tira avanti, perkè una certezza c’è: arriverò dove voglio arrivare.                                                                    Ma so già ke a quel punto nn ne avrò abbastanza e quindi ricomincerò a correre dietro al solito treno, ke scappa veloce e non si ferma mai.

Le parole giuste stanotte me le dà il caro vekkio Luciano: Questa è la mia vita - Se ho bisogno te lo dico - Sono io che guido - Io che vado fuori strada - Sempre io che pago - Non è mai successo che pagassero per me

                        NOTTE A TUTTI

Ancora un video del concerto: Piombo/La Perfezione

03 dicembre 2007 ore 02:33 segnala
Ancora un video del concerto…

qui fanno una intro di Piombo (una canzone del nuovo album) e poi si ricollegano a La Perfezione: un loro vecchio successo...

Un video del concerto: La Glaciazione

03 dicembre 2007 ore 02:22 segnala
Guardate cosa c’era al concerto dei Subsonica di sabato

 

 

 

P.S. Per ovvi motivi si consiglia di abbassare il volume al minimo…