Difficile est longum subito deponere amorem

12 settembre 2014 ore 14:30 segnala
Si combatte.
Sempre. Ad ogni istante della nostra vita, dal primo vagito al rantolo dell'exitus è una continua, incessante lotta.
Contro eventi.
Contro malattie.
Contro situazioni.
Per le persone che amiamo.
Per noi stessi.
Per il mondo in cui viviamo.
E per ogni lotta, ogni battaglia non importa se siamo vittoriosi o se siamo sconfitti. L'importante è combatterla.

E poi c'è il cambiamento.
Si, perché alla fine, ci si ritrova cambiati. In meglio od in peggio, non siamo più la stessa persona. Ma un'altra. Può non piacere, ma è così. Ci si ritrova più fragili, o più forti.
Con cicatrici sulla pelle o sul cuore.
Vivi o morti.
Ma mai, mai, mai identici a prima.

Non so come mi trasformerà questa che sto combattendo. Valuterò una volta che tutto sarà giunto a conclusione. D'altronde Animum debes mutare non caelum



"Cos'è che fa dell'uomo un uomo?" Si chiese una volta un mio amico. Forse le sue origini? Il modo in cui nasce alla vita? Io non lo credo. Sono le scelte che fa. Non come inizia le cose, ma come decide di finirle.
7e56c4db-6155-4ea6-878f-172004045f7d
Si combatte. Sempre. Ad ogni istante della nostra vita, dal primo vagito al rantolo dell'exitus è una continua, incessante lotta. Contro eventi. Contro malattie. Contro situazioni. Per le persone che amiamo. Per noi stessi. Per il mondo in cui viviamo. E per ogni lotta, ogni battaglia non importa...
Post
12/09/2014 14:30:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. 1000.volti 12 settembre 2014 ore 22:54
    Se si trasformassero persone già splendide sarebbe controproducente,sarebbero angeli,ma noi abbiamo bisogno di essi in terra,per essere al nostro fianco
  2. celesteAnita 13 settembre 2014 ore 20:35
    Forse cambiamo alcuni particolari di noi...la forza, la volontà, la voglia di rivincita. Accresciamo o perdiamo il coraggio, la fiducia. Però restiamo fondamentalmente ciò che siamo.
  3. Aria59 25 settembre 2014 ore 14:10
    Credo anche io che la vita ci cambi. Non possiamo continuare ad essere quello che eravamo, perché il nostro continuo scegliere (o il non scegliere, anche) ci porta su strade differenti, per percorrere le quali dobbiamo necessariamente cambiare: atteggiamento, modalità, cibo, aria. La speranza, sempre, è di uscirne più forti, più consapevoli. Non so se migliori... Un abbraccio ad un combattente :rosa :rosa :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.