Guerra civile!!!

05 agosto 2013 ore 09:52 segnala


Abitualmente non seguo i telegiornali. Innanzitutto sono (quasi tutti) semplicemente inguardabili e anche quelli meno "allineati" non sono certo immuni da faziosità e distorsioni. Per informarmi seguo l'ANSA, oppure i siti di notizie esteri. Insomma cerco di tenermi aggiornato senza assorbire pedissequamente quel che Rai, Fininvest e simili vorrebbero farmi assorbire senza discernimento.

Perciò, quando ho letto di questa affermazione di Bondi ("soluzione politica o guerra civile") mi sono venuti i brividi. Sia chiaro, il concetto puro di "guerra civile" può essere anche condivisibile: penso alla lotta partigiana per liberarci dal nazifascismo, alla rivoluzione cubana, alla rivoluzione algerina contro i francesi... di esempi ce ne sono parecchi.
Quello che mi fa accapponare la pelle è che un sicofante viscido e servile come Bondi possa - a cuor leggero e con le tensioni ancor sopite ma sempre più gravi che vi sono in Italia - evocare l'idea di una lotta armata per tutelare la dubbia onorabilità del suo padrone.

Proviamo, prima di appoggiare o condividere quel che Bondi ha detto, a visualizzare davanti ai nostri occhi cos'è una "guerra" e civile per di più. Innanzitutto significa prendere le armi contro nostri concittadini: parenti, amici, italiani come noi. Significa non aver rispetto della vita umana, né delle donne, né dei bambini. Significa UCCIDERE altre persone, sparare loro addosso, vederle rantolare agonizzanti a terra. Significa vedere città e paesi distrutti da bombe di attentati, da incendi, da saccheggi. Significa sdoganare qualunque atrocità, qualunque nefandezza nel nome di un ideale.
Questa è la guerra civile: spogliata dell'ideale che la muove e la promuove, proprio di questo si tratta. Andate a vedere qualche filmato della guerra in Jugoslavia, oppure della guerra in Rwanda. Soffermatevi su un'immagine cruenta. Ora immaginate i rumori: deflagrazioni, rombo di cannoni, crepitare di fucili... grida di terrore, di agonia, di rabbia. Pianto di bambini o di donne violentate. E immaginate gli odori: fumo d'incendi, polvere, fogne scoperchiate. Ma, soprattutto, pensate all'odore del sangue, della carne lacerata e bruciata, all'odore di un cumulo di cadaveri in decomposizione...
Riuscite a pensarci? Riuscite a figurarvi quasi come se fosse reale tutto questo? Ecco, questo è quel che significa "guerra civile" ed io vorrei che Bondi e tutti quegli esseri viscidi e meschini che sono su questa terra per mostrare quanto stupida possa essere la razza umana provassero, per un giorno solo, a vivere in prima persona ed in prima linea, una VERA guerra civile, sporcandosi le mani del sangue dei loro "nemici".
Perché, quando accetti di distruggere il tuo paese ed ammazzare, torturare, deportare i tuoi connazionali, l'ideale che ti spinge deve essere grandissimo (e non tutti gli ideali per i quali s'è combattuta una guerra civile lo sono).
Berlusconi non lo potrà mai essere, per nessun motivo, per nessuna ragione.
Le parole hanno un peso, le parole incidono, insegnano e mobilitano. Se non si ha cervello bastante a saperle dosare ed utilizzare non si dovrebbe aver accesso alla vita politica.
3376bdb1-f7da-41dd-9f0a-e80253c74014
« immagine » Abitualmente non seguo i telegiornali. Innanzitutto sono (quasi tutti) semplicemente inguardabili e anche quelli meno "allineati" non sono certo immuni da faziosità e distorsioni. Per informarmi seguo l'ANSA, oppure i siti di notizie esteri. Insomma cerco di tenermi aggiornato senza ...
Post
05/08/2013 09:52:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. c.ioccolatino111 16 agosto 2013 ore 17:18
    Sì...riesco ad immaginare chiaramente cosa potrebbe accadere a tutti noi se dovesse scoppiare una guerra civile nel nostro Paese.
    Una guerra, la giustifico soltanto se insorge per difesa. Difendere la propria e altrui libertà, difendere la nostra casa, i nostri cari...il nostro Paese tutto, è un dovere più che un diritto.
    Pensare ad una insurrezione, addirittura ad una guerra civile per difendere invece o proteggere un LADRO, un EVASORE, un MAFIOSO di prima categoria...oltre ad essere degli irresponsabili e scellerati, si è completamente pazzi.
    Una persona onesta non avrebbe mai potuto raggiungere la sua enorme ricchezza e con quella ...il potere di acquistare lecchini, né di sedurre, manipolare, abbindolare, incantare, etc.
    Si dice che sia carismatico...sarà pur vero, ma del suo carisma io non riesco in assoluto farne un vanto se usato per "intortare" creduloni, sprovveduti o non.
    Gli ideali - certi ideali - hanno fatto insorgere lotte, cruenti guerre e distruzioni in ogni luogo e inutilmente a mio parere perchè si sono "sposati" gli ideali di altri non il proprio.
    Un "ideale" di coloro che, grazie a guerre e insurrezioni, si sono arricchiti e resi potenti alle spalle di milioni di morti.
    Ricordo la guerra civile sfociata in Ruanda nel 94...(ho visto il film
    Hotel Rwanda), fu un feroce genocidio a causa di una divisione etnica e le prime vittime furono i Tutsi. Qualsiasi guerra, porta ad una perdita di vite umane, di valori e diritti e doveri immane.
    L'indifferenza dell'occidente verso i massacri fatti e che tutt'oggi vengono ancora commessi verso le popolazioni povere...è indecente e vergognoso. Una, due, tre persone sole non possono fare nulla... ma un milione, due, tre milioni e molte di più, possono fare tantissimo per far si che questi orrori non succedano più.
    Noi scriviamo l'amore sublime e come è deleteria, meschina l'indifferenza ...ma non siamo stati, forse, un po' tutti indifferenti di fronte a certi avvenimenti accaduti nel passato?? E purtroppo rassegnati o, peggio, indifferenti verso i fatti che stanno accadendoci oggi ?
    Davvero qualcuno/a abbraccerebbe un Beretta per uccidere un suo connazionale per un ideale che non esiste??
    Sì, qualche pazzo lo farebbe sicuramente...ma facciamo molta attenzione agli odi razziali che hanno portato molte popolazioni alla distruzione del proprio Paese e, soprattutto, di sé.

    Ti riabbraccio...:staff
  2. neuronelete 09 ottobre 2013 ore 06:16
    Non seguo la tv da anni, ma in ogni caso non considererei nemmeno un po' certe affermazioni tanto ridicole per le motivazioni e la leggerezza che spinge questi "personaggi" a blaterare a vanvera. Insomma non spaventerebbero nessuno e non le ritengo degne di alcun tipo di riflessione. Il signore in questione ha pensato bene di usare due paroline che purtroppo, si sentono molto in giro questo momento tragico per alcuni paesi, e voleva creare uno spauracchio indegno. Vigliacco.
  3. VirPaucisVerbo 09 ottobre 2013 ore 09:08
    @neuronelete: vigliacco è proprio la parola giusta.
  4. dealma 04 novembre 2013 ore 13:37
    ma l'intervento di Bondi è il classico: "Armiamoci e partite"
    Da bravo lumacone, una volta partita la bagarre (da lui scatenata) striscerebbe silenziosamente in un angolo protetto. E con i sensibili occhi serrati.
  5. VirPaucisVerbo 04 novembre 2013 ore 13:40
    Già... Quelli che fanno così non pagano quasi mai, ma quando pagano lasciano l'intera posta, come Mussolini.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.