la crisi?ma quali economisti,ci mancano poeti...

15 settembre 2011 ore 15:32 segnala

Con la circolare 105 del 5/08/2011 l’INPS dice addio una volta per tutte al sussidio di disoccupazione per gli artisti dello spettacolo.
Viene infatti chiarito dopo un anno di risposte diverse da una sede INPS all'altra, la situazione per le categorie artistiche dei lavoratori dello spettacolo.

Vengono escluse dal diritto all'indennità di disoccupazione tutte le figure artistiche come registi, scenografi, coreografi, lighting designer, attori, musicisti, cantanti, danzatori, ecc (in allegato alla circolare c'è una lista contenente tutte le categorie escluse, con tanto di codici ENPALS). In pratica il sussidio viene riconosciuto alle sole categorie tecniche ed amministrative....




Per una firma veloce alla petizione:

http://www.petizionionline.it/petizione/per-lo-stato-gli-artisti-non-sono-lavoratori-ripristiniamo-lindennita-di-disoccupazione/4937
4617d9e3-e5e9-4860-892b-b63ebeb85ddf
Con la circolare 105 del 5/08/2011 l’INPS dice addio una volta per tutte al sussidio di disoccupazione per gli artisti dello spettacolo. Viene infatti chiarito dopo un anno di risposte diverse da una sede INPS all'altra, la situazione per le categorie artistiche dei lavoratori dello...
Post
15/09/2011 15:32:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14

Commenti

  1. eldan 15 settembre 2011 ore 15:33
    sti stronzi! :gun
  2. Lucrezya57 15 settembre 2011 ore 15:34
    ...........purtroppo Matteo che ci vuoi fare da qualche parte sti soldi le devono prendere e secondo te dove vanno ad attingere ??? nei fondi pensioni per cui noi siamo sotto sto cielo e dobbiamo solo sperare di andare in pensione se ci andremo pensa ai giovani di oggi avranno una pensione???? ciao buon pomeriggio da lucrezya :rosa :bacio
  3. vorreirinascereneve 15 settembre 2011 ore 15:38
    le potrebbero prendere dai loro stipendi o dal taglio delle province, o dai soldi buttati via in armi, guerre e stipendi di generali. Sono d' accordo con te che la situazione è brutta, ma proprio per questo bisognerebbe scegliere cosa è davvero importante e lì investiere, per fare in modo che le crisi in futuro non ci siano più...invece si sacrifica sempre la cultura chissà come mai =(
  4. Lucrezya57 15 settembre 2011 ore 15:42
    tesoro si sta sacrificando tutto mi sembra la cultura la scuola ogni cosa ma ti pare che ai giorni d oggi non ci sia lavoro e per trovarlo devi bussare porta a porta ma dove siamo arrivati e se lo trovi magari te lo devi tenere stretto stretto con ore di lavoro snervanti pensaci è un mondaccio :-(
  5. vorreirinascereneve 15 settembre 2011 ore 15:50
    sì sì infatti sono d' accordo con te, e infatti è per questo che si dovrebbe cambiare rotta e non sacrificare sulle cose che possono migliorarci. La crisi deriva proprio dal nostro modo di pensare di tutti questi anni. Purtroppo gli stipendi dei politici, certi enti inutili, spese in armi e tanto altro non sono stati toccati a sufficienza...e di questo passo le persone nel futuro saranno sempre più ignoranti oltre che povere e quindi non potrammo mai ingegnarsi per non esserlo più. E' tutto molto triste
  6. Lucrezya57 15 settembre 2011 ore 15:52
    è tutto molto triste lo sto vivendo sto momento anche io come del resto tutti noi ci impoveriamo delle cose che i poeti e gli scrittori ci trasmettevano può essere che qualcosa possa cambiare ma ci spero poco se le menti sono sempre le stesse.... :fiore
  7. vorreirinascereneve 15 settembre 2011 ore 16:02
    hai ragione! infatti dovremmo essere noi, ognuno di noi ad avere la possibilità di essere "Poeti" ognuno a suo modo. Con poeti non intendo scrivere solo poesie..ma portare quella creatività nella vita di tutti i giorni... altrimenti, se continuiamo sempre e solo a vivere PER il denaro come abbiamo fatto in questi anni altro che crisi economiche..sarà la catasfrofe e sarà una cosa naturale..
    per il resto sono d' accordissimo.
    buon pomeriggio ciao ciao!
  8. Lucrezya57 15 settembre 2011 ore 16:03
    :rosa :bacio
  9. SOGNANDO59 15 settembre 2011 ore 16:18
    caro Matteo, le leggi le se fanno a loro esclusivo vantaggio! Questa è solo una delle tante ingiustizie ...si fa sempre piu' fatica ad arrivare alla fine del mese ma a loro non gliene frega un tubo perchè questo, da quando hanno acquisito il posto in "Camera", è un problema che non hanno più!!L'unica "economia" che conosco è quella che dobbiamo fare per arrivare alla fine del mese facendo attenzione a pagare prima le bollette, altrimenti "cornuti e mazziati" dice un detto e capisci sicuramente il perchè! E' uno schifo!!!!!!un abbraccio :fiore
    Michela
  10. fortunata5 15 settembre 2011 ore 16:24
    Ho letto il titolo e ...
    eccomi!!! (con grande modestia a firmare...)
    è il dilemma -ESSERE o APPARIRE?-
    purtroppo sappiamo la risposta,oggi conta l'AVERE...quindi tutto ciò che è materiale,che si "tocca con mano",ciò che abbiamo nel cuore e nella mente è considerato inutile...(per questo si uccide anche la scuola... )
    ciao e grazie di avermi dato l'opportunità di"sfogarmi!!!"
    .................. :fiore Diana
  11. Klara53 15 settembre 2011 ore 18:55
    Ciò che più mi manda in bestia, in questo periodo di crisi, con tagli saccenti, come tu dicevi..è mettere la scuola, la cultura,l'arte infondo ad un buco nero..ma cribbio il pensiero, il sapere, il potersi esprimere è , dovrebbe essere un diritto !!! Un disastro..io che ho lottato per studiare, uffi !!!
    Viva la cultura, la Poesia, l'Arte, la Storia che ci permetterebbero di aiutare i pensionati, le famiglie, i giovani... :bye
  12. Antelao 16 settembre 2011 ore 14:30
    Che tristezza! Ormai di cultura e' rimasta solo la CUL-tura, dove le prime tre lettere sono tre quarti di CULO. O la Kultura, col K, quella imposta dalla nomenKlatura con le sue tv spazzatura e giornaletti stampati sulla carta igienica.



    UdM
  13. Lucrezya57 16 settembre 2011 ore 17:26
    ti lascio il mio pensiero per augurarti di trascorrere uno splendido fine settimana a lunedi ciao lucrezya
  14. Evelin64 16 settembre 2011 ore 20:11
    Sai Matteo, io vivo all'estero, lo sai, per cui della politica italiana ne so' troppo poco, ma una cosa te la vorrei dire: qui esiste il corso di lingua e cultura italiana facoltativo, dove i figli di emigrati italiani possono andare liberamente per imparare la storia della loro patria. Ebbene, prima il consolato italiano, sovvenzionato dallo Stato, chiedeva per ogni alunno straniero 30 Fr. per l'anno scolastico. Poi venne il governo Berlusconi, e per la crisi Italiana penso' bene di tagliare i costi proprio sulla scuola italiana all'estero, per cui ora la cifra di partecipazione per ogni alunno è di 170 Fr. !! Il che significa, che mandandoli a quel corso di lingua e cultura italiana, dove si sperava che i ragazzi potessero imparare davvero qualcosa, sia stato poi boicottato diciamo, dagli stessi maestri, poichè i 170 Fr. a loro dire servivano per le spese burocratiche, mentre per i libri, quaderni e quant'altro, gli stessi maestri dovevano fare richiesta all'Italia, la quale li mandava terribilmente in ritardo! Per cui, nonostante avessimo pagato cosi' tanto, i ragazzi si son ritrovati senza materiale e senza maestri che venissero per non guadagnarci nulla!!!
    Trovo sia stato drastico come intervento dello Stato, e trovo anche che la vostra politica ha cosi' discriminato a priori coloro che volevano solo attingere cultura!
    Peccato che da qui non posso firmare nulla... :-( , ma apprezzo tantissimo chiunque smuova le coscienze!
    Grazie caro...buona serata...Evelin :bye
  15. dolcecarrie 16 settembre 2011 ore 21:48
    Sono tante le cose che non vanno..purtroppo!
    Una serena serata per te
  16. goccesulmare 18 settembre 2011 ore 01:16
    eccomi....
    purtroppo stanno attingendo ovunque....ma non dove dovrebbero, dove sicuramente non porterebbero alla fame, alla disperazione di chi già non sa come risolvere i problemi quotidiani....
    quando ci ribelleremo sarà sempre tardi..
    gocce
  17. Aljsja 18 settembre 2011 ore 17:03
    Come il solito in nessuna cosa c'è equilibrio, tanto meno equità e nn solo in italia, ma tutto il resto del mondo sta andando a cagare...si ci vogliono economisti, ma economisti con le palle a cui i politicanti diano ascolto anzichè curare i propri interessi ed essere all'altezza del proprio incarico esenti da compromessi...(e questo si dice da che è mondo, ma nn cambia niente) la cosa certa però è che cambiano i tempi e da qui in poi son tempi duri per tutti e lo è già da un pò...ogni giorno siamo tutti più consapevoli di questo andare a rotoli, molti di noi lo toccano già con mano, eppure mi sembra di assistere ogni giorno una barzelletta che nn mi fa certo ridere...Ciao Matteo, buona domenica =)
  18. SOGNANDO59 21 settembre 2011 ore 10:52
    TANTI AUGURI MATTEO :-) :batacin
    MICHELA
  19. nelmionome 21 settembre 2011 ore 20:44
    Ancora una volta puntuale e concreto. Ovviamente in sintonia con quanto hai scritto. (firmerò la petizione). ;-)

    Un caro saluto
    franco
  20. nessun.attesa 21 settembre 2011 ore 21:55
    Fondi per l'arte e la cultura dicono non ce ne sono, ma per rimpinguare le loro tasche ci sono, eccome se ci sono!

    E' la solita minestra ...ed intanto l'identità di un Paese è bella che calpestata.
  21. Lucrezya57 23 settembre 2011 ore 18:25
  22. isabeldiGio 24 settembre 2011 ore 08:33
    buongiorno :rosa
  23. soleluna.RM 24 settembre 2011 ore 22:01
    OUIIIIIII MATIUUU :kissy :kissy

  24. Lucrezya57 26 settembre 2011 ore 18:26
    che dire di piu di quello che ho detto ti lascio il mio saluto di inizio settimana lucrezya
  25. soleluna.RM 27 settembre 2011 ore 18:11


    :kissy
  26. soleluna.RM 29 settembre 2011 ore 20:36
  27. SOGNANDO59 05 ottobre 2011 ore 17:33
    Ogni tanto ci vuole una pausa
    ! un abbraccio Matteo E BUONA SERATA :-)
    Michela
  28. Lucrezya57 07 ottobre 2011 ore 20:20
    bene staccare la spina ogni tanto fa bene io la stacco ora...........ciao Matteo a presto!!!!
  29. Aljsja 15 ottobre 2011 ore 20:31


    Ciao Matteo :-) buon fine settimana :bacio
  30. SOGNANDO59 17 ottobre 2011 ore 18:32
    ciao Matteo, rientra anche tu!! ti aspettiamo ;-) :rosa

    Michela
  31. Lucrezya57 18 ottobre 2011 ore 19:41
    spero che ritorni presto tra noi ero sul web e mi sono messa ad ascoltare battiato ti lascio il pezzo che mi sta più a cuore....a presto allora ciao lucrezya
  32. cosillo 31 ottobre 2011 ore 11:25
    I cacciatori della tribù tornarono al villaggio dopo una giornata faticosa e poco fruttuosa.
    Li attendevano speranzosi anziani donne e bambini.
    Il fuoco era stato già acceso al centro del campo.
    Si spartirono equamente la cacciagione cotta al calore della brace e iniziarono a mangiare.
    Uno dei reduci, sempre lo stesso, raccontava con dovizia di particolari gli episodi della caccia, i pericoli corsi, le emozioni.
    Gli altri stavano ad ascoltarlo con attenzione, affascinati.
    Altri, sempre gli stessi, mimavano l'accaduto al ritmo di strumenti musicali primitivi, per lo più a percussione, suonati da altri ancora, sempre gli stessi.
    Così nacquero la prosa, la danza e la musica.
    Queste esecuzioni venivano tramandate di generazione in generazione e così la cultura artistica.
  33. cosillo 14 gennaio 2012 ore 00:35
    Altro che PIL, si dovrebbe calcolare il PIC: Prodotto Interno Cultutale.
    Torna a scrivere se no mi incazzo.
    Un abbraccione
    Adriano
  34. serenella21 13 luglio 2012 ore 21:28
    buone vacanze spero in tutta serenita'
    ciao:staff
  35. eldan 10 gennaio 2013 ore 14:49
    Che palle o.o! Ma che cosa ingiusta oh!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.