a mio padre

01 novembre 2010 ore 12:35 segnala

considerando la ricorrenza un pensiero va a mio padre, amava questa canzone di Charles Trenet, sebbene questa sia una versione jazz-samba...lo vidi una volta che la cantava e la ballava da solo facendo finta che lo strofinaccio da cucina fosse una bella donna...in pigiama e ciabatte una fredda mattina di Ottobre del '90 mentre preparava il caffè...non si era accorto che lo osservavo un pò perplesso..si mise a ridere e di conseguenza anch'io...non parlavamo mai molto...non era necessario....so che vivi in me come io vivo in te aldilà della mera trasmissione genetica...

http://www.youtube.com/watch?v=8_BjXzW26ZI&feature=related

 

11801287
considerando la ricorrenza un pensiero va a mio padre, amava questa canzone di Charles Trenet, sebbene questa sia una versione jazz-samba...lo vidi una volta che la cantava e la ballava da solo facendo finta che lo strofinaccio da cucina fosse una bella donna...in pigiama e ciabatte una fredda matt... (continua)
Post
01/11/2010 12:35:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

LA VITA ANDREBBE VISSUTA AL CONTRARIO-W. ALLEN

30 ottobre 2010 ore 18:51 segnala

La vita dovrebbe essere vissuta al contrario.

Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo,e così tricchete tracchete il trauma è già bello che superato.Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fattoche vai migliorando giorno dopo giorno.

Poi ti dimettono perchè stai bene, e la prima cosache fai è andare in posta a ritirare la tua pensione,e te la godi al meglio.

Col passare del tempo, le tue forze aumentano,il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono.Poi inizi a lavorare, e il primo giorno ti regalano un orologio d’oro.

Lavori quarant’anni finchè non sei così giovane da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa.Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi, fai sesso e ti prepari per iniziare a studiare.

Poi inizi la scuola, giochi coi gli amici,senza alcun tipo di obblighi e responsabilità,finchè non sei bebè.

Quando sei sufficientemente piccolo,ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene.

Gli ultimi 9 mesi te li passi flottando tranquillo e sereno,in un posto riscaldato con room service e tanto affetto,senza che nessuno ti rompa i coglioni

.....E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo!!!!....gtande Woody Allen

lo scrissi tantissimo tempo fa..

30 ottobre 2010 ore 18:41 segnala
Ho passato notti intere a cercare un pò di pace sulla liscia superficie di un soffitto..i voluttuosi disegni azzurrognoli del fumo dell'ennesima sigaretta a farmi compagnia..una radio di sottofondo per non sentire il mio stesso respiro..non c'è soluzione al dolore ed al male di vivere..sai che ci vorrà tempo...ce ne vorrà molto...ed è l'unica cura che conosci...Dio..ma quando finisce tutto questo...stò a pezzi...basta!! ..E' la muta preghiera di ogni mattina..morfeo non è stato generoso nemmeno questa volta...non mi ha regalato il sonno...ed un giorno uguale ai giorni stà per incominciare...i pensieri che si affollano nella mente come una giostra impazzita e l'incessante ritmo dei perchè ti toglie la voglia di fare tutto...un urlo strozzato e silenzioso che ti sfonda le tempie e ripeti a te stesso....MAI PIU'...MAI PIU'...non potrei farcela a sopportare tutto questo se dovesse succedermi ancora una volta....ho come l'impressione di aver disseminato pezzi della mia vita ovunque...e quelli rimasti faccio una fatica d'inferno a tenerli insieme..cerco di conservarli lucidi ed integri come posso..e mi perdo in notti di follia senza fine...perchè nel fuggire nutro l'illusione che quel demone non mi possa prendere...ma nella nebbia del vomito lo trovo in agguato...mi arrendo sfinito sul letto...mi sveglio con addosso i vestiti...il cervello che martella e la vista che non si allinea...ho un momento di lucidità e mi tornano in mente gli ordini secchi ed urlati di troppi anni di disciplina...dai bastardo...dai...sei un uomo...reagisci e per tale vivi e combatti..mi sento vuoto, ma sò di essere il solo che può salvarmi da me stesso...i ricordi bruciano dentro e mi sembra di avere ancora addosso il suo odore...la pelle liscia dei suoi fianchi scorrere sotto le mie dita...la passione delle sue labbra come artigli nell'anima...non lasciarti andare...combatti e reagisci...dai...la mente lentamente segue la volontà...sai che ti stai ammazzando dentro...ma sai anche come arginare il dolore...lentamente torna la vita ed un abbozzo di sorriso al mondo...la vita e con essa il bisogno di amare...non importa quanto male farà...non importa...ho bisogno di amare aldilà di ogni logica...per dare un senso ai giorni...per sentire che appartengo a qualcuno..perchè i miei pensieri o ciò che faccio possano rendere felice qualcuno...qualcuno che sappia dirmi cose semplici ma che ti aprono il cuore...che riesca ad avvertire che ci sono aldilà di ogni ragionevole dubbio...ridammi i miei sogni e fà che sia tutto diverso... a te mi darò silenziosamente...senza ingannevoli clamori...affinchè nel silenzio che porto dentro l'anima tu possa sentire la forza e l'energia che mi scorre nelle vene e che avrai senza riserve...per quanto tempo? non lo so ...questo resta un mistero che solo al mondo dei più è dato di sapere...e per quanto mi riguarda lo vedo ancora sufficientemente lontano...non mi importa se dovrò smontarmi e rimontarmi un'altra volta...voglio arrivare al giorno in cui renderò l'anima e mi verrà posta una sola domanda...quest'uomo ha vissuto con pathos?....si...lo ha fatto...e così sia....ciao William....e così sia anche stavolta!!

ci insegnano

27 ottobre 2010 ore 11:28 segnala
ci insegnano ad essere noi stessi...ci insegnano ad aprirci al mondo e alla vita e ad amare il nostro prossimo come noi stessi...ci insegnano che l'umiltà nell'affrontare la vita è la miglior virtù per essere in pace con noi stessi...ci insegnano che la speranza è l'ultima a morire...ci insegnano che la rettitudine e la comune morale vengono riconosciute e apprezzate...ci insegnano ad avere stima di noi stessi e di aiutare e supportare coloro che ancora non sono riusciti a trovarla nell'intimo del proprio essere...ci insegnano  ad essere coerenti e di trovare sempre e comunque le energie e la volontà per rinnovare con noi stessi dei patti di onestà e trasparenza anche quando queste ultime non vengono ricambiate...quante cose che ci insegnano...ma ci sono dei giorni in cui ti domandi...per chi e per cosa!!...ho imparato che quando arrivo a pormi queste domande è il momento di sdraiarmi e lasciare che tutta la negatività accumulata decanti...lentamente..un pò alla volta...per poi filtrare al meglio che posso ciò che resta...limpido come un tempo non lo sarà mai più...ma perlomeno sarà quanto di meglio ho da offrire  per chi verrà con il sincero augurio lo trovi accettabile...

non barattare con niente la dignità

25 ottobre 2010 ore 11:55 segnala

la vita è quella che è...puoi essere nel posto più bello del mondo...ma se sei morto dentro non riuscirai ad apprezzare nulla di ciò che vedi e che la natura o i monumenti ti offrono..fintanto che non ritrovi te stesso e la necessaria serenità per ricominciare ed i tuoi occhi si riaprono offrendoti un'altra prospettiva delle cose che ti circondano...il coraggio non mi è mai mancato, né tantomeno la forza d'animo per affrontare le situazioni...devo solo metabolizzare una perdita che sebbene mi sia volontariamente procurato con il relativo senso di vuoto e gelo nell'anima...tale resta...è una perdita e non ultimo un altro fallimento...verranno sicuramente tempi migliori e non mancherà di certo un sorriso verso il mondo e verso chi verrà...solo ed unicamente quando sarò di nuovo pronto a farlo...ritrovare il mio equilibrio interiore...ed è ciò che ho sempre fatto affinché chi si fosse affacciato alla porta della mia vita potesse trovare un ambiente sano, libero e pulito da strascichi e dolori del passato...ed in ultima analisi resta sempre valido ciò che scrissi tanto tempo fa "non posso obbligarti ad amarmi...non puoi obbligarmi a soffrirne amandoti"...a quel punto ti resta la tua dignità di uomo...e quella non la puoi barattare con niente...nessuno pretende nulla ...nessuno... personalmente mi posso anche accontentare delle briciole...le briciole...e ciò, di coscienza è già di per se alquanto umiliante accettarle...ma se ami qualcuno ci passi sopra..e l'ho fatto...l'ho fatto perchè quelle briciole mi consentivano di nutrire altro amore per quanto sofferto fosse...ma poi arriva il dolore dove ai compromessi con te stesso non ci arrivi più...guardi quelle briciole...le lasci nel piatto e preferisci soffrire la fame...domani è un altro giorno...forse più...forse meno merdoso di oggi...non lo so...ma vivere in limbo insensato non fa per me

11792806
la vita è quella che è...puoi essere nel posto più bello del mondo...ma se sei morto dentro non riuscirai ad apprezzare nulla di ciò che vedi e che la natura o i monumenti ti offrono..fintanto che non ritrovi te stesso e la necessaria serenità per ricominciare ed i tuoi occhi si riaprono offrendoti... (continua)
Post
25/10/2010 11:55:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

E TUTTO LI....UNICAMENTE TUTTO LI

25 ottobre 2010 ore 09:02 segnala

NON TEMO IL FREDDO DI STAGIONE, L'ABBIGLIAMENTO ADATTO ALLO SCOPO NON MI MANCA DI CERTO...QUELLO INTERIORE INVECE MI ATTANAGLIA L'ANIMA E RESTI COSCIENTE CHE QUESTO LUNGO INVERNO HA SOLO BISOGNO DI TEMPO PER PASSARE...C'E' UNA FRASE CHE SCRISSI TANTO TEMPO FA FACENDO UNA SINTESI DELLA SITUAZIONE CHE STAVO VIVENDO: "NON POSSO OBBLIGARTI AD AMARMI, NON PUOI OBBLIGARMI A SOFFRIRNE AMANDOTI". E' TUTTO LI' UNICAMENTE TUTTO LI.

LA VALIGIA DELL'ATTORE O DELL'ATTRICE

25 ottobre 2010 ore 00:13 segnala

a pensarci bene...c'è gente che della propria vita ne fa una commedia...passa dal drammatico...al melodramma e al comico...senza possibilità di capire mai...con chi hai a che fare...poi ritrovi questi poveri e stanchi attori in camerino a togliersi il trucco e ciò che ci vedi non è certamente rassicurante...anzi direi penoso

DIETA....E NON CHIEDEMI QUAL'E'

24 ottobre 2010 ore 23:53 segnala

;-) ...E DA DOMANI DIETA P&P...AHAHAHAH...AMEN;-)

SI VOLTA PAGINA

24 ottobre 2010 ore 11:24 segnala

NELLA VITA POSSIAMO PRODIGARCI IN MILLE MODI, DANDO AMORE, PRIORITA' DI PENSIERO E INTENTI, RISPETTO A QUALSIASI LIVELLO NELLA PROFONDA CONVINZIONE CHE CIO' SERVA A NUTRIRE UN RAPPORTO...ANCHE QUANDO AVVERTI CHE PIU' DAI...PIU' ESSO MUORE LENTAMENTE...SAI CHE NON STAI CHIEDENDO MOLTO, CHE IN FONDO SEI CONSAPEVOLE DI MERITARTI MOLTO DI PIU', CHE NON SEI VENUTO MENO A NIENTE E NON HAI NULLA DA RIMPROVERARTI...EPPURE LENTAMENTE MUORE...LO AVVERTI SULLA PELLE, NELL'INTONAZIONE DELLA VOCE, NELLE PICCOLE MANCANZE DI RISPETTO E PRIORITA' CHE RITENGO SIANO FONDAMENTALI TRA 2 PERSONE...NON PUOI COSTRINGERE NESSUNO AD AMARTI COME VORRESTI...E NEMMENO LO PRETENDI...MA LA PRESENZA QUELLA SI...L'AFFETTO QUELLO SI...IL RISPETTO E LA PRIORITA' DI INTENTI E PENSIERO QUELLO SI..SE TI ACCORGI CHE STAI RINCORRENDO UNICAMENTE UN'ILLUSIONE CHE VIVE SOLO ED ESSENZIALMENTE NEI TUOI PENSIERI...ARRIVA IL MOMENTO DI DIRSI...OK, HO CAPITO, STAI FACENDO DI TUTTO AFFINCHE MI ACCONTENTI DEL SEMPRE MENO CHE RIESCI A DARMI...MI DISPIACE NON HO ANCORA RAGGIUNTO L'ETA' PER FARLO...BUONA VITA E CHE DIO TI ACCOMPAGNI NELLE TUE SCELTE.