Il coraggio della formica

31 ottobre 2011 ore 22:59 segnala
Seduto su una panchina, mentre osservo i pochi fili d'erba sul sentiero molto calpestato dai joggers, vedo una piccolissima macchia nera che si muove confusamente.
E' una formichina che incautamente circumnaviga la mia scarpa con andamento diseguale.
Mi viene da pensare che sia una formica giovane che coraggiosamente ma pericolosamente ha abbandonato il suo gruppo che mi accorgo è poco distante da lì.
Ci sono due gruppi di formiche che fanno lo stesso percorso ma incrociandosi parallelamente come due treni, uno che va cercare e raccogliere, l'altro che porta nel precario rifugio il prezioso bottino.
La mia formica invece girovaga e penso, chissà perché, a come saranno in pena i suoi.
Mi torna in mente un ricordo di alcuni anni fa quando vidi un bambino accanirsi con giocosa crudeltà su di un malcapitato gregge di formiche. Le pestava fiero di ucciderne a dozzine, eccitato forse da quel potere di morte, che magari inconsciamente sentiva di avere, e da un nonno decisamente poco educativo che lo incitava a darci dentro ancora di più.
Da allora ho sempre rifiutato quel potere, il potere di dare la morte, così per gioco
per bramosia di sentirmi un dio che ha in mano il destino sia pur di un piccolo essere vivente, privo di libero arbitrio ma vivente.
E da allora ho sempre pensato agli esseri umani come formiche, esseri tronfi ed ebbri, talvolta, del loro ego, ma spesso schiacciati dal piede del destino che aveva deciso di girare l'interruttore per interrompere una determinata esistenza, a volte in modo così inspiegabile da sfiorare il senso del capriccio.
Quella formica nella sua incoscienza aveva avuto coraggio, aveva messo in atto una sfida che probabilmente le sarebbe in seguito costata la vita. Coraggio ancor più da ammirare in chi ha un esistenza così breve e difficile specialmente se le tocca venire in contatto con chi ama giocare e uccidere per gioco, così come fanno talvolta gli uomini.
c89c95c8-c64f-45f0-a186-33f3e71e7234
Seduto su una panchina, mentre osservo i pochi fili d'erba sul sentiero molto calpestato dai joggers, vedo una piccolissima macchia nera che si muove confusamente. E' una formichina che incautamente...
Post
31/10/2011 22:59:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. SCAMORZAsmile 01 novembre 2011 ore 10:54
    Bellissimo questo post Wind ...
    delicato,malinconico e profondo...
    un sorriso
    Scamy:rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.