Ma che tristezza :)

24 dicembre 2012 ore 14:03 segnala
Perchè a volte sembra così difficile ricominciare a vivere?
A volte mi sento bloccata, come se avessi il terrore di affrontare me stessa e la mia vita.
Fare i conti con il passato e con il futuro a volte non è facile, e da soli lo è ancora meno.
Avrei solo bisogno di cambiare aria, di smettere di pensare e di lasciarmi andare.
E in tutto questo il natale non aiuta, anzi mi sento ancora più sola e inutile.
903c1387-5481-48e4-b3b0-1d080e69eeb2
Perchè a volte sembra così difficile ricominciare a vivere? A volte mi sento bloccata, come se avessi il terrore di affrontare me stessa e la mia vita. Fare i conti con il passato e con il futuro a volte non è facile, e da soli lo è ancora meno. Avrei solo bisogno di cambiare aria, di smettere di...
Post
24/12/2012 14:03:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. CutsAndScars 26 dicembre 2012 ore 23:06
    Le festività accentuano i malesseri quotidiani, perché ci sente davvero molto soli!
  2. wondersky 27 dicembre 2012 ore 10:34
    si le luci, i regali e l'atmosfera non aiutano a stare meglio, anzi..e pensare che quast'anno sono a casa addirittura per 2 settimane, peggio ancora..:(
  3. CutsAndScars 27 dicembre 2012 ore 10:35
    Mi dispiace molto! :(
  4. CutsAndScars 27 dicembre 2012 ore 10:36
    Quest'anno a casa mia niente albero di natale ne presepi vari, non è l'anno adatto
  5. wondersky 27 dicembre 2012 ore 10:38
    capisco..mi dispiace..come mai non è l'anno adatto?
  6. CutsAndScars 27 dicembre 2012 ore 10:40
    sono molti anni ormai che non va, problemi vari!
  7. wondersky 27 dicembre 2012 ore 10:44
    mi dispiace molto..almeno a natale dovremmo essere più sereni
  8. CutsAndScars 27 dicembre 2012 ore 10:56
    dovremmo, ma non è così!
  9. Senzaparole.79 24 agosto 2020 ore 23:17
    Mi vengono in mente le parole di una canzone del grande De Andrè: "quando si muore, si muore soli" ... così è per la sofferenza, tutta personale, simile a quella di qualsiasi altro uomo, eppure per chi la vive unica e incontenibile, lacerante e solitaria, tanto da spingerci a desiderarne l'oblio... eppure la sofferenza, questo mal di vivere insopportabile e senza uscite visibili, ha una sua ragion d'essere! Ci ricorda quanto siamo fragili e indifesi, così fallibili e vulnerabili alle emozioni umane, ci dà la misura di quanto amiamo e del dolore che ci procura non esserlo, di quanto piccoli siamo di fronte a tanta immensità, difficile da gestire e da contenere e soprattutto di quanto sia breve la nostra permanenza nel tempo... Logico che alla luce di ciò ci si senta dire (risultandoci banale e superficiale) parole come: "vivi ogni attimo come se fosse l'ultimo, perché non te ne saranno concessi altri..." Tuttavia come tu dici, pur nella consapevolezza di tutto ciò non possiamo impedirci di "provare" "sentire" "soffrire"... cerchiamo le risposte dentro di noi ma nessuna sembra appagare la nostra sete, né tantomeno blandire il nostro dolore, quello sì tangibile e reale... Scusa la lunga digressione ma le tue parole, così accorate e sentite, così vicine ad un'anima capace di comprenderle e farle sue, mi hanno spinto a tale riflessione. Buona serata G. Luca.
  10. wondersky 24 agosto 2020 ore 23:36
    Ti ringrazio molto per il commento, per nulla banale ed empatico
  11. Senzaparole.79 24 agosto 2020 ore 23:40
    scusa troppo lungo , amo essere chiaro, ciao grazie a te
  12. wondersky 24 agosto 2020 ore 23:48
    Non era troppo lungo, anzi, mi è piaciuto molto
  13. Senzaparole.79 24 agosto 2020 ore 23:52
    Grazie, gentile

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.