Lo StreGatto

16 dicembre 2008 ore 17:10 segnala
Stregatto: comunque se ti può interessare.. è andato da quella parte!
Alice: chi?

Stregatto: il coniglio bianco

Alice: è andato da quella parte?

Stregatto: chi?

Alice: il coniglio bianco...

Stregatto: quale coniglio?

CADE LA PIOGGIA...

16 dicembre 2008 ore 14:51 segnala
Cade la pioggia e tutto lava cancella le mie stesse ossa Cade la pioggia e tutto casca e scivolo sull’acqua sporca Si, ma a te che importa poi rinfrescati se vuoi questa mia stessa pioggia sporca Dimmi a che serve restare lontano in silenzio a guardare la nostra passione che muore in un angolo e non sa di noi non sa di noi non sa di noi Cade la pioggia e tutto tace lo vedi sento anch’io la pace Cade la pioggia e questa pace è solo acqua sporca e brace c’è aria fredda intorno a noi abbracciami se vuoi questa mia stessa pioggia sporca Dimmi a che serve restare lontano in silenzio a guardare la nostra passione che muore in un angolo E dimmi a che serve sperare se piove e non senti dolore come questa mia pelle che muore che cambia colore che cambia l’odore Tu dimmi poi che senso ha ora piangere piangere addosso a me che non so difendere questa mia brutta pelle così sporca tanto sporca com'è sporca questa pioggia sporca Si ma tu non difendermi adesso tu non difendermi adesso tu non difendermi piuttosto torna a fango si ma torna E dimmi che serve restare lontano in silenzio a guardare la nostra passione non muore ma cambia colore tu fammi sperare che piove e senti pure l’odore di questa mia pelle che è bianca e non vuole il colore non vuole il colore no.. no.. La mia pelle è carta bianca per il tuo racconto scrivi tu la fine io sono pronto non voglio stare sulla soglia della nostra vita guardare che è finita nuvole che passano e scaricano pioggia come sassi e ad ogni passo noi dimentichiamo i nostri passi la strada che noi abbiamo fatto insieme gettando sulla pietra il nostro seme a ucciderci a ogni notte dopo rabbia gocce di pioggia calde sulla sabbia amore, amore mio questa passione passata come fame ad un leone dopo che ha divorato la sua preda ha abbandonato le ossa agli avvoltoi tu non ricordi ma eravamo noi noi due abbracciati fermi nella pioggia mentre tutti correvano al riparo e il nostro amore è polvere da sparo il tuono è solo un battito di cuore e il lampo illumina senza rumore e la mia pelle è carta bianca per il tuo racconto ma scrivi tu la fine io sono pronto.NEGRAMARO

Correre

15 dicembre 2008 ore 11:57 segnala
...Dopo un week end passato a correre, beh non proprio letteralmente, in senso metaforico trovo un momento per scrivere.il tempo fuori oggi non è dei migliori Piove e soffia il vento e quindi ho approfittato per fare il presepe dopo anni ke non tiravo fuori le statuine dalle loro scatole.quest'anno invece mi è girato di farlo...mah. sarà per il negozio dove lavoro che in questo periodo sfoggia oggettistica per natale e presepi...sarà il tempo fuori, sarà la voglia del Natale che da qst'anno mi è rinata...sarà!corro a sistemare un pò la mia room che sembra una topaia...ELI

Non VoltaRti...

10 dicembre 2008 ore 18:56 segnala
Non voltarti...
perchè vivere è come scalare le montagne:
non devi guardarti alle spalle, altrimenti rischi le vertigini.
Devi andare avanti, avanti, avanti...
Senza rimpiangere quello che ti sei lasciato dietro,
perchè, se è rimasto dietro,
significa che non voleva accompagnarti nel tuo viaggio..
.

Vieni QUI...

10 dicembre 2008 ore 18:53 segnala
  Vieni qui che voglio stringerti
E sussurrarti che non finirà
Credimi io voglio viverti
Ed ogni giorno tuo sarà anche il mio

Grazie per questo rumore di passi intorno a me
Per queste nuove certezze per quel che fai per come sei

Darei di più di tutto quel che ho
Per abbracciarti ancora un altro po'
Ti vorrei stringere il respiro su di me su di me
Darei di più di tutto quel che ho
Per tutto il bello che nemmeno so
Di te

Grazie per le cose piccole
Che mi circondano finche sei qui
Mi bastano indizi fragili
Che mi ricordano che tu ci sei

Grazie se quando ti voglio e non parlo tu lo sai già
Grazie per quel tuo profumo che avvolge e che di buono sa

Darei di più di tutto quel che ho
Per abbracciarti ancora un altro po'
Perché stringendoti sul petto sono te e tu sei me
Fa che il silenzio non ci trovi mai
Che io ti senta quando non ci sei
Che alzando gli occhi ogni momento trovi te

Sono te e tu sei me

Darei di più di tutto quel che ho
Per tutto il bello che nemmeno so
Di te

Vieni qui adesso stringimi
Volevo dirtelo
È tutto qui

TWILIGHT

07 dicembre 2008 ore 21:21 segnala
"Non mi sembra giusto". Si strinse nelle spalle, i suoi occhi però erano sempre intensi.
Abbozzai una risata, ma non ero divertita. "Non te l'hanno ancora detto? La vita non è giusta".

eccomi...

05 dicembre 2008 ore 21:49 segnala
sono sempre + di fretta e di corsa ma nn potevo non passare dal blog a scrivere qlc...un BACIO

non è mai un errore...

02 dicembre 2008 ore 14:08 segnala
"se hai amato era amore e non è mai un errore...era bello sentirti e tenerti vicino anche solo per lo spazio di un mattino". RAF

SEnTo

01 dicembre 2008 ore 21:39 segnala
"La paura di sparire dentro un illusione...io sento" Nevio

buona nanna...io ne ho bisogno
ELI

Shakespeare in Love.

01 dicembre 2008 ore 17:03 segnala
La mia storia ha inizio in mare, un viaggio periglioso verso una terra sconosciuta. Un naufragio. Le onde selvagge sommergono e inghiottono. Il veliero coraggioso viene ridotto in pezzi, e tutte le anime in esso contenute, annegano. Tutte tranne una: una donna la cui anima è più grande dell'oceano, e il cui spirito è più forte dell'abbraccio del mare. Non è per lei una fina in acqua, ma una nuova vita che ha inizio su una riva sconoscuita. Sarà una storia d'amore, perchè lei sarà la mia eroina in eterno, e il suo nome sarà...Viola.